Alba a Copernicus Crater: come vedere il “monarca della luna”

Lo spesso disco della Via Lattea è 2 miliardi di anni più vecchio di quanto gli astronomi pensavano in precedenza e probabilmente si è formato appena 800 milioni di anni dopo il Big Bang, un nuovo studio basato su un tipo insolito di stella trovato.

La nostra galassia può essere divisa in due parti principali: il disco sottile, che contiene il sistema solare e la maggior parte di quella che riconosciamo come la Via Lattea ; e il disco spesso molto più sparso, più grande e più vecchio. Per ricostruire la storia di questi componenti, un team di astronomi del Max-Planck Institute for Astronomy di Heidelberg, in Germania, ha esaminato una popolazione di stelle nella Via Lattea note come sottogiganti.

Le subgiganti sono stelle catturate nel breve periodo (in termini cosmici) tra la loro vita stellare regolare e la fase di gigante rossa , in cui si espandono ben oltre il loro involucro originale.

La fusione nucleare al centro di queste stelle si è appena interrotta, ma le stelle non sono ancora sbocciate in giganti rosse. Poiché la fase subgigante nella vita di una stella dura solo pochi milioni di anni, gli astronomi possono individuare l'età di queste stelle confrontando la loro composizione chimica con modelli computerizzati dell'evoluzione stellare.

Nel nuovo studio, gli scienziati hanno determinato l'età di 250.000 sottogiganti nella Via Lattea utilizzando i dati della missione Gaia dell'Agenzia europea per il Web (ESA) e del telescopio spettroscopico in fibra multioggetto (LAMOST) della Cina.

I dati hanno rivelato che la maggior parte della formazione stellare nella storia della Via Lattea è avvenuta in due onde distinte. La prima ondata, associata al disco spesso, iniziò solo 800 milioni di anni dopo il Big Bang , circa 13 miliardi di anni fa, ma accelerò 2 miliardi di anni dopo quando la nascente Via Lattea entrò in collisione con un'altra galassia, che gli astronomi chiamano Gaia-Sausage-Enceladus , ha affermato l'ESA in una nota.

La Via Lattea è costituita da una sporgenza centrale, un sottile disco di stelle incastonato nel disco spesso meno denso, che è circondato da un alone stellare. (Credito immagine: ESA)

Questa collisione potrebbe aver riempito di stelle lo spesso disco e l'alone stellare che circonda l'intera galassia. Tuttavia, ci vollero altri 5-6 miliardi di anni prima che il disco sottile emergesse nella successiva grande ondata di formazione stellare, che includeva il sole .

"Dalla scoperta dell'antica fusione con Gaia-Sausage-Enceladus, nel 2018, gli astronomi hanno sospettato che la Via Lattea fosse già lì, ma non avevamo un quadro chiaro di come fosse quella Via Lattea", Maosheng Xiang, astronomo del Il Max Planck Institute for Astronomy e uno degli autori dell'articolo, ha affermato in una dichiarazione pubblicata dalla European This Web Agency.

Lo studio (si apre in una nuova scheda) è stato pubblicato sulla rivista Nature il 23 marzo.

Ir arriba