Arcturus: fatti sulla stella gigante rosso brillante

Arcturus è una stella gigante rossa nell'emisfero settentrionale del cielo terrestre e la stella più luminosa della costellazione di Botes (il pastore). Arcturus è anche tra le stelle più luminose che possono essere viste dalla Terra. Gli astronomi dicono che Arcturus finirà come una nana bianca alla fine della sua vita.

Il nome Artcurus deriva dal greco che significa "custode o custode dell'orso", che si riferisce alla sua posizione adiacente alla coda della costellazione dell'Orsa Maggiore (l'Orsa Maggiore).

Localizzazione di Arturo

Arcturus può essere trovato nella costellazione di Botes. (Credito immagine: Getty Images)

Arcturus si trova a circa 37 anni luce dalla Terra ed è la quarta stella più luminosa del cielo notturno.

Il modo più semplice per avvistare Arcturus è seguire la curva del "manico" dell'Orsa Maggiore. Un modo semplice per ricordare come trovare la stella è ricordare la famosa frase "Segui l'arco fino ad Arcturus e poi sfreccia verso Spica". L'ultima parte di questa frase si riferisce alla brillante stella Spica, che in realtà è una stella binaria.

La posizione di Arcturus è:

  • Ascensione retta: 14 ore, 15 minuti, 39,7 secondi
  • Declinazione: +19 gradi, 10 minuti, 57 secondi

Fiera mondiale di Chicago

Gli organizzatori dell'Esposizione Universale di Chicago del 1933 stavano cercando un modo memorabile per aprire la loro mostra. La precedente fiera mondiale in città si era svolta 40 anni prima, nel 1893. Poiché all'epoca si credeva che Arcturus si trovasse a circa 40 anni luce dalla Terra, gli organizzatori della fiera ebbero l'idea di utilizzare la luce della stella come parte della nuova mostra e per commemorare la precedente Fiera mondiale di Chicago.

Alle 21:15 Central Time del 27 maggio 1933, i telescopi concentrarono la luce della stella su diverse cellule fotoelettriche. La corrente elettrica delle fotocellule a stella è stata utilizzata per azionare un interruttore che accendeva i riflettori del polo espositivo.

Anni dopo, le misurazioni hanno perfezionato la distanza da Arcturus a 37 anni luce dalla Terra. Quindi, la luce che è stata utilizzata all'Esposizione Universale di Chicago ha effettivamente iniziato il suo viaggio verso la Terra nel 1896, non nel 1893.

Comprensione moderna di Arturo

Oggi, gli astronomi sanno che Arcturus è molto potente nonostante sia solo circa 1,5 volte la massa del sole. Ad occhio nudo, Arcturus sembra brillare circa 113 volte più luminoso del sole, secondo Jim Kaler, (si apre in una nuova scheda) professore emerito all'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign.

Arcturus, tuttavia, ha una temperatura inferiore a quella del sole, il che significa che gran parte dell'energia della gigante rossa viene irradiata sotto forma di calore. Una volta tenuto conto di questo, Arcturus rilascia effettivamente 215 volte più calore del sole terrestre. Arcturus ha una magnitudine apparente di -0,04 e una magnitudine assoluta di 0,2. (Più la stella è luminosa, minori saranno le sue magnitudini apparenti e assolute .) La stella si trova nelle ultime fasi della sua vita. Considerata una gigante rossa, Arcturus ha smesso di fondere l'idrogeno nel suo nucleo, come fa il Sole, e gli astronomi ritengono che ora stia iniziando a fondere elementi più pesanti come il carbonio.

Link correlati

Qual è la stella più grande mai osservata?

Sirius: la stella più luminosa nel cielo notturno della Terra

Stelle della sequenza principale: definizione e ciclo di vita

Cosa sono gli ammassi stellari?

"Non ci si aspetta che tali stelle abbiano un'attività magnetica come il sole, ma un'emissione di raggi X molto debole suggerisce che Arcturus, in effetti, è magneticamente attivo e ha una" corona sepolta "difficile da osservare", ha scritto Kaler, riferendosi al guscio luminoso di una stella che è più facilmente visibile quando il corpo principale della stella è eclissato.

Una volta che Arcturus esaurisce la sua scorta di elio, i suoi strati esterni probabilmente sanguineranno, lasciando dietro di sé un residuo di nana bianca.

Justin Ng di Singapore ha catturato questa immagine composita della Via Lattea e un alone lunare su Mersing, in Malesia. Il pianeta Venere appare in basso a destra nell'immagine con il pianeta Saturno vicino alla sommità della luna. La quarta stella più luminosa del cielo notturno, Arcturus, si vede vicino all'angolo in alto a destra della foto. L'immagine è stata rilasciata il 14 agosto 2013. (Credito immagine: Justin Ng )

Arcturus nella narrativa

Nessun pianeta è stato trovato intorno a questa stella, sebbene la fantascienza abbia esplorato quell'argomento. Un primo esempio è il libro di David Lindsay "A Voyage to Arcturus" (Methuen & Co. Ltd., 1920). Il protagonista del libro si reca a Tormance, un pianeta immaginario che orbita attorno ad Arcturus.

Arcturus, la stella o un pianeta immaginario con lo stesso nome è apparso anche in molte altre serie di fantascienza, tra cui la serie di libri "Foundation" di Isaac Asimov, le serie televisive "Doctor Who" e "Star Trek" e il film "Aliens". " Nell'universo "Guida galattica per autostoppisti", una frase famosa recita: "Per quanto velocemente viaggi il corpo, l'anima viaggia alla velocità di un megacammello Arturo".

Risorse addizionali

Per saperne di più sulle costellazioni e le stelle, vai all'Unione Astronomica Internazionale (si apre in una nuova scheda). Dai un'occhiata a "Costellazioni: la storia di questo Web raccontata attraverso gli 88 modelli di stelle noti nel cielo notturno (si apre in una nuova scheda)" di Govert Schilling e "La guida facile al cielo notturno: alla scoperta delle costellazioni con i tuoi occhi e il tuo binocolo ( si apre in una nuova scheda)" di Richard J. Bartlett per ulteriori informazioni sull'osservazione del cielo notturno.

Bibliografia

James B. Kaler, "Arcturus. In: The Hundred Greatest Stars", Springer, New York, 2002, https://doi.org/10.1007/0-387-21625-1_10 (si apre in una nuova scheda)

Cheryl R. Ganz, "La Fiera mondiale di Chicago del 1933 (si apre in una nuova scheda)", University of Illinois Press, 2008.

Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, " Bootes (opens in new tab) ", Chandra X-ray Observatory, dicembre 2013.

Ir arriba