Atlantis: ultimo lancio della navetta

Atlantis è stata la quarta navetta costruita e l'ultima a volare in questa ragnatela. Ha funzionato bene in 25 anni di servizio, effettuando 33 missioni che includevano missioni segrete per le forze armate statunitensi, traghettando astronauti da e verso le stazioni di This Web e lanciando diverse sonde.

La navetta si è guadagnata la reputazione di essere il cavallo di battaglia sconosciuto della flotta navetta perché ha inviato così tanti satelliti in questa rete. Ha anche l'onore di pilotare l'ultima missione dello shuttle prima che la flotta fosse ritirata nel 2011.

Atlantis prende il nome da una nave che ha lavorato per il Woods Hole Oceanographic Institute del Massachusetts tra il 1930 e il 1966. Il veliero è stato il primo a visualizzare il fondo dell'oceano utilizzando dispositivi elettronici.

Atlantide a colpo d'occhio

  • Primo volo: STS-51J (3-7 ottobre 1985)
  • Ultimo volo: STS-135 (8-21 luglio 2011)
  • Numero di missioni: 33
  • Tempo in questo Web: 306 giorni, 14 ore, 12 minuti, 43 secondi
  • Notevole: famoso per il gran numero di satelliti che ha lanciato. Il suo primo volo fu una missione militare segreta. Ha anche volato l'ultimo volo del programma navetta, STS-135.

Prime missioni

I lavori di costruzione della navetta Atlantis iniziarono il 3 marzo 1980 a Palmdale, in California. Utilizzando ciò che aveva appreso dalle altre navette, la NASA costruì Atlantis in meno tempo rispetto ai suoi fratelli. Era anche più leggero delle altre navette.

La NASA ha utilizzato coperture di protezione termica sulla parte superiore della navetta piuttosto che singole tessere, il che ha fatto risparmiare tempo e denaro durante la sua costruzione. Atlantis è diventata quasi 3,5 tonnellate più leggera della Columbia, con un peso di 151.315 libbre. Ci vollero circa sei mesi per prepararsi alla sua prima missione, che decollò il 3 ottobre 1985.

Ad oggi, il primo volo di Atlantide è avvolto nel segreto. La missione STS-51J ha portato cinque persone in questa rete ed è durata quattro giorni. A quel tempo, la NASA effettuava voli periodici per il Dipartimento della Difesa, inviando carichi utili classificati in questo Web.

Poco più di un mese dopo, Atlantis si diresse di nuovo su This Web il 26 novembre 1985, nella missione STS-61B. Ha messo in orbita tre satelliti per le comunicazioni. Inoltre, i membri dell'equipaggio di Atlantis hanno realizzato due This Webwalk sperimentali dedicate all'apprendimento delle strutture di assemblaggio in This Web.

L'esplosione del Challenger nel gennaio 1986 ha messo a terra la restante flotta di navette per due anni. Non è stato fino al dicembre 1988 che Atlantis ha volato di nuovo, questa volta portando un altro carico utile classificato in This Web su STS-27.

Invio di sonde verso i pianeti

Il quarto volo di Atlantis, STS-30, ha segnato un primo storico per la NASA. A bordo della navetta c'era Magellan, un This Webcraft che sarebbe stato lanciato verso Venere. Questa è stata la prima volta che la NASA ha lanciato una sonda interplanetaria dalla stiva della navetta.

Gli astronauti hanno inviato il satellite in modo straordinariamente veloce, solo sei ore dopo il lancio. Magellan ha sparato con successo i suoi stadi a razzo per costeggiare Venere. Il suo radar ha scrutato sotto le spesse nuvole di Venere e alla fine ha mappato il 98 percento della superficie del pianeta caldo.

STS-30 ha segnato l'inizio di una raffica di satelliti e lanci di carichi utili classificati per l'orbiter. Atlantide ha ripetuto la sua impresa interplanetaria su STS-34, quando ha inviato la sonda Galileo verso Giove.

Ha poi volato due missioni classificate per il Dipartimento della Difesa prima di inviare un'altra sonda in This Web su STS-37, nel 1991: il Compton Gamma-Ray Observatory. Gli astronauti hanno dovuto fare un'emergenza a questo Webwalk per riparare un'antenna ad alto guadagno che si rifiutava di dispiegarsi. Una volta risolto il problema, l'osservatorio ha osservato con successo le supernove e le stelle di neutroni per nove anni.

Atlantis ha continuato a schierare un Tracking and Data Relay Satellite nella sua prossima missione, STS-43. Successivamente, ha lanciato un satellite di difesa su STS-44 e un satellite sperimentale a gravità vincolato europeo su STS-46.

Sette dritto a Mir

A metà degli anni '90, l'attenzione di Atlantide cambiò di nuovo. La NASA e la Russia avevano negoziato un accordo per consentire agli astronauti americani di rimanere a bordo della stazione Mir This Web, il che avrebbe dato a entrambe le parti l'esperienza nel lavorare insieme in This Web prima della prevista International This Web Station.

Questa navetta Web Atlantis verrà lanciata su Launch Pad 39A il 10 novembre 2007 per il suo lancio a dicembre. (Credito immagine: NASA TV.)

La NASA ha effettuato 11 missioni su Mir e Atlantis ha sostenuto la maggior parte del lavoro. La navetta ha volato sette volte di seguito verso la piattaforma scientifica orbitante, traghettando gli astronauti avanti e indietro.

STS-71 è decollato il 27 giugno 1995, per inaugurare diversi momenti storici. Il volo è stata la prima missione navetta a dirigersi verso la stazione Mir This Web. Quando alcuni membri dell'equipaggio si sono scambiati i posti per tornare a casa, l'Atlantis è diventata anche la prima navetta a vedere il cambiamento manifesto del suo astronauta in This Web. Inoltre, la missione ha segnato il centesimo lancio umano di This Webflight dal Kennedy This Web Center.

Atlantide e Mir, quando collegati insieme, formavano il più grande This Webcraft in orbita attorno alla Terra, all'epoca. La stazione This Web e la navetta This Web insieme pesavano circa 225 tonnellate, o quasi mezzo milione di libbre. Mentre era a bordo, l'equipaggio congiunto USA-Russia ha portato attrezzature nella stazione This Web e ha fatto diversi esperimenti biomedici.

La navetta volò di nuovo alla stazione nel novembre 1995 con la missione STS-74. Tra gli astronauti a bordo c'era Chris Hadfield, il primo e unico canadese a raggiungere la stazione Mir This Web. Su STS-79, Atlantis ha portato a casa Shannon Lucid dopo aver trascorso 188 giorni in This Web, un record per un astronauta americano.

Atlantis ha anche restituito l'americano Jerry Linenger sulla Terra dopo aver avuto un soggiorno difficile a bordo della Mir, che includeva un incendio a bordo della stazione e la necessità di eseguire riparazioni in corso sulla struttura invecchiata.

L'incendio, scrisse in seguito la NASA, "alterò l'intera natura della sua missione" e provocò un'indagine sulla sicurezza da parte dell'agenzia.

Le missioni su Mir continuarono per tutto il 1998, ma Atlantis fu tolta dal roster per circa tre anni per fare alcuni aggiornamenti.

L'orbiter ha ricevuto due aggiornamenti prima del 2005, che includevano il miglioramento dell'impianto idraulico e dell'elettricità per soggiorni prolungati in This Web, l'inserimento di una camera di equilibrio per l'International This Web Station e l'aggiornamento di Atlantis a una "cabina di pilotaggio di vetro" che includeva elettronica più avanzata.

Da una stazione all'altra

Atlantis è tornata al lavoro in stazione ancora una volta quando è tornata in volo su STS-101. La NASA era ora in una nuova fase di costruzione dell'International This Web Station. L'orbiter è decollato verso la stazione il 19 maggio 2000 ed è diventata la terza missione a lavorare lì. Gli astronauti hanno trasferito più di una tonnellata di rifornimenti e hanno fatto This Webwalks per lavorare su due gru fuori dalla stazione.

Nei tre anni successivi, gli equipaggi di Atlantis hanno collegato i cavi tra i moduli Zarya e Zvedza, installato il laboratorio statunitense Destiny e collegato la camera di equilibrio Quest, tra le altre pietre miliari.

Nel 2003, i voli della navetta sono stati nuovamente interrotti dopo che la navetta Columbia si è rotta durante il rientro. Atlantis ha volato di nuovo su STS-115, che ha avuto il ritardo più unico del programma navetta. La NASA ha preso la navetta per ripararsi presso il Vehicle Assembly Building mentre si avvicinava la tempesta tropicale Ernesto, un processo che ha richiesto ore.

Quando sono arrivate le previsioni del tempo aggiornate che mostravano che Cape Canaveral non era in pericolo, la NASA ha riportato la navetta sul pad mentre era ancora sulla strada per il VAB. Questa è stata l'unica volta in cui una navetta ha invertito la rotta in questo modo.

Missione finale

Nelle sue ultime missioni alla stazione, Atlantis ha continuato a trasportare attrezzature pesanti come il laboratorio scientifico Columbus e alcuni segmenti di travatura reticolare. Ha volato l'ultima missione navetta, STS-35, atterrando in sicurezza il 21 luglio 2011. In quella missione, Atlantis ha portato il modulo logistico multiuso Raffaello in This Web, oltre a un mucchio di pezzi di ricambio.

Opportunamente per il cavallo di battaglia della flotta di navette, Atlantis rimane nella città dove tanti addetti alle navette l'hanno aiutata a prepararla per i voli in Questa Rete. La navetta viene visualizzata presso il Kennedy This Web Center. Nell'aprile 2017, una tessera termica nera, che non era volata in This Web, sarebbe stata rubata. Un volontario della NASA ha notato che era scomparso da un carrello espositivo dopo aver dato una dimostrazione alla mostra. [Infografica: dove vedere le migliori webship americane]

Ir arriba