Come pulire le cuffie VR

Dopo quasi 30 anni di preparativi, inizierà finalmente la costruzione dell'Osservatorio Square Kilometre Array (SKA), che è destinato a diventare il più grande radiotelescopio mai costruito.

I lavori sui due siti in Australia e Sud Africa, dove verranno costruite le due parti separate della rete del radiotelescopio, inizieranno il 1 luglio, hanno annunciato i rappresentanti dell'Organizzazione SKA (SKAO) all'incontro annuale della Società Astronomica Europea (EAS) martedì (29 giugno).

Il telescopio, che ascolterà segnali radio nella vasta gamma di frequenze comprese tra 70 MHz e almeno 25 GHz, avrà un'area di raccolta totale di un chilometro quadrato. Invece di fare affidamento su una singola parabola estremamente grande, sarà composta da una rete di parabole e antenne progettata con precisione distribuita tra i suoi due siti. L'array SKA-Mid, che sarà situato nel deserto del Karoo in Sud Africa, utilizzerà 197 parabole, ciascuna di 50 piedi (15 metri) di diametro, per ascoltare le bande di frequenza media. L'array SKA-Low, che ascolta le bande di frequenza più basse, sarà composto da 131.072 antenne situate nell'Australia occidentale a nord di Perth.

La costruzione è stata formalmente approvata la scorsa settimana dal Consiglio SKAO.

"Sono estasiato. Questo momento ha richiesto 30 anni", ha dichiarato il direttore generale dello SKAO Philip Diamond in una nota. "Oggi, l'umanità sta compiendo un altro passo da gigante impegnandosi a costruire quella che sarà la più grande struttura scientifica del suo genere sul pianeta; non solo una, ma le due reti di radiotelescopi più grandi e complesse, progettate per svelare alcuni dei segreti più affascinanti del nostro Universo."

L'array sarà in grado di rilevare oggetti così distanti che le onde radio impiegano 13 miliardi di anni per raggiungere la Terra , fornendo così uno sguardo alle prime fasi dell'evoluzione dell'Universo, ha affermato Chiara Ferrari, che sovrintende al contributo della Francia a SKAO in una conferenza stampa tenutasi durante la riunione annuale dell'EAS martedì (29 giugno).

"SKA cambierà le regole del gioco in molti campi diversi, tra cui astrofisica, cosmologia e fisica fondamentale", ha affermato Ferrari. "Sarà in una posizione unica per rispondere ad alcune importanti domande sull'evoluzione delle galassie e offrirci un'opportunità unica per iniziare a studiare la materia prima dietro la formazione e l'evoluzione delle sorgenti luminose dall'alba cosmica agli anni attuali".

SKAO, che dovrebbe fornire immagini di qualità superiore rispetto all'Hubble This Web Telescope , secondo il sito web SKAO, è stato proposto per la prima volta nel 1993 dall'Unione internazionale delle scienze radiofoniche. I paesi che sostengono il progetto hanno istituito l' organizzazione di governo del telescopio, SKAO, nel febbraio di quest'anno. I 16 stati membri dello SKAO finanziano congiuntamente la costruzione del telescopio da 1,55 miliardi di dollari (1,3 miliardi) e 0,83 miliardi di dollari (0,7 miliardi) necessari per il primo decennio delle sue operazioni.

Il telescopio raccoglierà circa 13 terabit di dati al secondo, il che equivale a scaricare 300 film ad alta definizione al secondo, ha affermato Philipa Hartley, un borsista post-dottorato presso SKAO nella conferenza stampa.

"I dati saranno estremamente complessi rispetto ai dati radio e alle immagini radio che abbiamo avuto in passato", ha affermato Hartley. "Questo perché i nostri telescopi sono in grado di vedere più lontano in questo Web rispetto ai precedenti radiotelescopi. Quindi le nostre immagini saranno straordinariamente occupate, piene di galassie che si sovrappongono l'una all'altra".

Secondo una sequenza temporale pubblicata con l'annuncio, l'osservatorio inizierà a effettuare le sue prime misurazioni scientifiche nel 2024 dopo il completamento dei primi due sottoarray.

Alla fine, SKAO spera di espandere il telescopio per includere diverse centinaia di parabole e centinaia di migliaia di antenne.

Segui Tereza Pultarova su Twitter @TerezaPultarova. Seguici su Twitter @Spacedotcom e su Facebook .

Ir arriba