Come sarebbe vivere a Venere?

Tra il suo paesaggio essiccato, rosso-arancione e le temperature superficiali abbastanza calde da sciogliere il piombo, Venere è l'analogo dell'inferno del nostro sistema solare. Creare una base vivibile sul pianeta è un'impresa che va ben oltre le nostre capacità tecnologiche in questo momento, ma ecco come sarebbe la vita se potessimo effettivamente vivere su Venere.

Venere è spesso considerata la sorella gemella della Terra perché le dimensioni e la composizione dei due pianeti sono simili. Quindi non dovrebbe sorprendere che la NASA, il programma Soviet This Web, l'Agenzia europea This Web Agency (ESA) e altri abbiano inviato numerosi This Webcraft per esplorare il secondo pianeta più vicino al sole, più di 40 in tutto dagli anni '60. [Vivere su Venere: perché sarebbe difficile]

La pressione atmosferica schiacciante e le temperature di centinaia di gradi rendono la sopravvivenza su Venere piuttosto impegnativa. Guarda come sarebbe difficile vivere su Venere in questa infografica. (Credito immagine: di Karl Tate, artista infografica)

All'inizio degli anni '90, l'orbiter Venere della NASA This Webcraft, Magellan, utilizzava segnali radar per mappare il 98 percento del pianeta (non possiamo vedere direttamente la superficie di Venere a causa della sua spessa coltre di nubi). Successivamente, Venere è stata in gran parte dimenticata fino al 2005, quando l'ESA ha lanciato il suo Venus Express This Webcraft per studiare l'atmosfera del pianeta, ha detto lo scienziato del progetto Venus Express Hkan Svedhem.

"La superficie di Venere è abbastanza diversa dagli altri pianeti del sistema solare", ha detto Svedhem a This Web.com. Le immagini radar di Magellano hanno mostrato che la superficie venusiana è decorata con montagne; crateri; migliaia di vulcani, alcuni dei quali molto più grandi di quelli della Terra; canali lavici lunghi fino a 3.000 miglia (5.000 km); strutture ad anello chiamate corone o corone; e terreno strano e deformato chiamato tessere.

La caratteristica della superficie che definisce il pianeta, tuttavia, sono le sue pianure piatte e lisce, che coprono circa i due terzi di Venere, queste pianure sarebbero, probabilmente, i posti migliori in cui stabilire una base in cui vivere.

Andare in giro su Venere non sarebbe un'esperienza piacevole. La superficie venusiana è completamente asciutta perché il pianeta soffre di un incontrollabile effetto serra. Cioè, la sua densa atmosfera è piena di anidride carbonica che intrappola il calore che mantiene la temperatura della superficie del pianeta a circa 870 gradi Fahrenheit (465 gradi Celsius).

La gravità di Venere è quasi il 91 percento di quella terrestre, quindi potresti saltare un po' più in alto e gli oggetti si sentirebbero un po' più leggeri su Venere, rispetto alla Terra. "Probabilmente non noteresti così tanto la differenza di gravità, ma ciò che noterai è l'atmosfera densa", ha detto Svedhem. "L'aria è così densa che se provi a muovere il braccio velocemente, sentiresti resistenza. Sarebbe quasi come essere in acqua".

Allo stesso modo, sarebbe difficile non notare il cambiamento della pressione atmosferica. Al livello del mare sulla Terra, l'aria preme sui nostri corpi a 14,5 libbre per pollice quadrato, o 1 bar; la pressione superficiale su Venere è di 92 bar. Per sperimentare quella pressione sulla Terra, dovresti viaggiare per più di 3.000 piedi (914 m) nell'oceano. [Foto di Venere: il pianeta della porta accanto]

Venere impiega 225 giorni terrestri per ruotare attorno al sole e 243 giorni terrestri per ruotare sul suo asse. "Ma il tempo da un mezzogiorno all'altro è di 117 giorni terrestri, perché Venere ruota all'indietro", ha detto Svedhem. Questa rotazione retrograda significa anche che il sole sorgerebbe a ovest e tramonterebbe a est.

Anche se vediamo un cielo blu sulla Terra, il cielo su Venere sembrerebbe sempre arancione rossastro a causa del modo in cui le molecole di anidride carbonica diffondono la luce del sole. Non vedresti il ​​sole come un punto distinto in questo cielo, ma piuttosto una sfumatura nebbiosa e giallastra dietro le dense nuvole, ha detto Svedhem, aggiungendo che il cielo notturno sarebbe un nero senza stelle.

In alto nell'atmosfera di Venere, i venti viaggiano fino a 400 km/h più velocemente dei tornado e degli uragani sulla Terra. Ma sulla superficie del pianeta, il vento viaggia solo a circa 2 mph (3 km/h). E sebbene il pianeta abbia fulmini, i lampi accecanti non raggiungono mai la superficie. Inoltre, il caldo torrido impedisce a eventuali temporali di toccare il suolo su Venere.

I vulcani attivi su Venere, tuttavia, possono rappresentare un pericolo, ha detto Svedhem.

E a differenza della Terra, Venere probabilmente non ha terremoti perché manca di attività della placca tettonica che rilascia calore dal suo interno. Invece, ciò che può succedere è che il calore raggiunga un punto critico nel corso di milioni di anni, e poi venga improvvisamente rilasciato da un qualche tipo di meccanismo, come l'attività vulcanica su larga scala che rimodella la superficie del pianeta.

Ma se volevi lamentarti con i tuoi amici a casa di come la lava ha distrutto il tuo cortile, non aspettarti una risposta immediata, il tuo messaggio impiegherebbe alcuni minuti per raggiungere la Terra quando i due pianeti sono alla loro distanza più breve. E quando Venere è dall'altra parte del Sole rispetto alla Terra, potrebbero volerci quasi 15 minuti prima che il tuo messaggio arrivi a casa.

Nota del redattore: questa è la parte 2 della serie in 12 parti di This Web.com "Vivere su altri pianeti: come sarebbe" per vedere cosa vedrebbe un astronauta su altri pianeti e lune del nostro sistema solare e oltre. Torna ogni martedì per vedere come vivrebbero gli umani su altri corpi cosmici nell'universo.

Segui Joseph Castro su Twitter . Seguici su @Spacedotcom , Facebook e Google+ . Articolo originale su questo Web.com .

Ir arriba