Foto: Freedom 7

Il Celestron StarSense Explorer DX 102AZ offre l'accesso alla miriade di bersagli che abbelliscono il nostro cielo notturno, ma può essere difficile da individuare se l'astronomo ha appena iniziato a osservare il cielo. Lo strumento è computerizzato, utilizza lo smartphone dell'osservatore e l'app StarSense Explorer da scaricare gratuitamente per navigare nel cielo notturno ed esplorare il sistema solare (si apre in una nuova scheda) e luminosi oggetti del cielo profondo come nebulose, ammassi stellari e galassie (si apre in una nuova scheda) divertimento e, soprattutto, un gioco da ragazzi da trovare.

L'avvento iniziale dei cataloghi stellari computerizzati, che sono stati caricati nei telefoni dei telescopi, ha permesso di allineare un telescopio sul cielo puntandolo solo su tre stelle luminose. Una volta fatto, il telecomando è stato in grado di dirigere il telescopio verso qualsiasi altro oggetto nel suo database, ma aveva bisogno di encoder di posizione sui suoi assi. Tutto ciò richiede alcuni input dell'utente, vale a dire la data e l'ora, la posizione e la scelta delle stelle.

Specifiche principali di Celestron StarSense DX 102AZ

Design ottico: rifrattore acromatico

Apertura: 4 (102 mm)

Lunghezza focale: 25 (660 mm)

Rapporto focale: f/6,5

Ingrandimento utile massimo: 240x

Ingrandimento utile minimo: 16x

Peso totale del kit: 14,2 libbre. (6,44 kg)

Tipo di montatura: altazimutale

Poi è arrivata la risoluzione del software per identificare un campo visivo delle stelle in una fotografia e la grande potenza di calcolo, rilevamento della posizione e capacità di imaging di uno smartphone moderno. Con la linea di strumenti StarSense Explorer, la soluzione magica di Celestron è stata quella di collegarli a un telescopio, eliminando la necessità del costoso telefono, dell'input dell'utente e degli encoder. La sua tecnologia StarSense collega uno smartphone a un telescopio in modo semplice ma robusto.

Inoltre, lo strumento viene fornito con tutto il necessario per una notte sotto le stelle: due oculari da 25 mm e 10 mm, che offrono ingrandimenti di 26x e 66x, un cercatore StarPointer red-dot, diagonale stellare e treppiede.

Recensione di Celestron StarSense Explorer DX 102AZ: Design

  • Rifrattore acromatico su montatura altazimutale
  • Rallentatori manuali con aste flessibili
  • Telescopio fissato con coda di rondine standard
  • Dock rimovibile per smartphone fornito dall'utente
  • Due oculari e diagonale a immagine eretta
  • Cercatore di punti rossi

Il Celestron StarSense Explorer DX 102AZ utilizza i controlli al rallentatore per un tracciamento ottimizzato. (Credito immagine: Celestron)

Ci sono quattro strumenti nella gamma Celestron StarSense Explorer: un rifrattore da 80 mm, un riflettore da 114 mm, il rifrattore da 102 mm in prova e un riflettore da 130 mm. Tutti questi strumenti sono membri standard della gamma Celestron e sono disponibili in altri pacchetti di montaggio. In questa gamma, il rifrattore da 80 mm e il riflettore da 114 mm sono forniti su supporti più leggeri, mentre il rifrattore da 102 mm e il riflettore da 130 mm hanno lo stesso montaggio più pesante.

Poiché tutti questi supporti utilizzano un attacco a coda di rondine tipo Vixen o CG-5 standard, è possibile collegare qualsiasi altro strumento che utilizzi la stessa coda di rondine, tenendo conto della capacità di carico del supporto.

Il montaggio altazimutale consente di muovere lo strumento su due assi in alto e in basso (altitudine) e da un lato all'altro (azimut). Questa è la forma più semplice di montaggio ed è particolarmente adatta per uno strumento per principianti. La montatura equatoriale alternativa, che ha uno dei suoi assi inclinato allo stesso angolo della tua latitudine, non solo confonde l'ingegno di molti principianti, ma ha uno svantaggio in quanto comporta un carico sporgente solitamente bilanciato con un contrappeso, riducendo la portabilità.

Il montaggio del Celestron StarSense DX 102AZ è completamente manuale, con aste flessibili per consentire i cosiddetti movimenti lenti, per fornire un controllo più preciso sul movimento rispetto al semplice tirare e spingere lo strumento. L'ingrediente in più rispetto a un montaggio manuale standard è l'attacco per uno smartphone, fissato direttamente al gruppo centrale. Questo non deve essere confuso con gli accessori per smartphone che ti consentono semplicemente di scattare foto di oggetti luminosi attraverso l'oculare, come si trova su altri strumenti per principianti.

Il Celestron StarSense DX 102AZ è dotato di una lente doppietta composta da due diversi tipi di vetro, che offre una visione luminosa dei bersagli. (Credito immagine: Celestron)

Il Celestron StarSense Explorer DX 102AZ è un rifrattore acromatico, con lente doppietta da 102 mm composta da due diversi tipi di vetro. Ha un rapporto focale di f/6.5, il che significa che ha un tubo relativamente corto per il suo diametro, una situazione che fornisce un ampio campo visivo e un'immagine luminosa con uno strumento abbastanza compatto.

La parola acromatico implica una libertà dal falso colore che assillava i rifrattori nei primissimi giorni dei telescopi, ma questo è un termine comparativo. Come altri rifrattori acromatici, il Celestron StarSense Explorer DX 102AZ ha ancora alcuni falsi colori, che si rivelano come frange colorate attorno ai bordi degli oggetti, in particolare ad alto ingrandimento, e il tubo corto produce intrinsecamente più falsi colori rispetto a una focale più lunga strumento acromatico ratio. Per superare completamente il falso colore è necessario un rifrattore apocromatico notevolmente più costoso o un riflettore. Tuttavia, i rifrattori sono tradizionalmente più robusti dei riflettori, quindi non esiste uno strumento ideale per tutti.

Il pacchetto viene fornito con due oculari, che offrono due utili ingrandimenti di 26x e 66x e quella che viene definita una diagonale dell'immagine eretta. Una diagonale stellare è standard con i rifrattori astronomici e riflette il raggio del focheggiatore di 90 gradi per consentire una posizione di osservazione molto più facile che accovacciarsi a terra guardando in alto attraverso il tubo, ma di solito ha lo svantaggio di invertire l'immagine come in un specchio ordinario. La diagonale fornita da Celestron utilizza un prisma a tetto anziché un semplice specchio, fornendo un'immagine non invertita in modo da poter utilizzare lo strumento di giorno come di notte. Evita anche la confusione di vedere le caratteristiche delle lune o i campi stellari al contrario.

Infine, c'è un cercatore a punto rosso standard per aiutare a puntare il telescopio verso gli oggetti. Ciò è necessario quando si allinea il telescopio, poiché è necessario puntarlo verso un oggetto riconoscibile all'inizio dell'osservazione.

Recensione Celestron StarSense Explorer DX 102AZ: prima luce e funzionalità

  • Montaggio semplice una volta che sai cosa fare
  • L'allineamento più veloce in assoluto sul cielo
  • Intuitivo sistema push-to per la ricerca di oggetti
  • Lo specchio può formarsi rapidamente di rugiada, interrompendo la sessione

Il vassoio per accessori che si trova al centro delle gambe del treppiede deve essere fissato con viti a testa zigrinata poco pratiche che sono già in posizione. (Credito immagine: Celestron)

Lo strumento viene fornito in sole due parti principali, il treppiede e il gruppo del tubo, quindi sembra semplice da montare. Il vassoio degli accessori che si trova al centro delle gambe del treppiede, tuttavia, deve essere fissato con piccole viti a testa zigrinata poco pratiche che sono già in posizione ma nei loro fori al contrario! Perché usare un mezzo di attaccamento così dispendioso in termini di tempo? Un design scadente, poiché queste viti si perderanno rapidamente. Un semplice sistema di rotazione e rotazione sarebbe molto meno gravoso per gli astronomi, a meno che non si intenda utilizzare lo strumento esclusivamente come mobile permanentemente posizionato in un angolo della stanza o fare a meno del vassoio.

Il telescopio si attacca alla montatura usando una coda di rondine standard, ma quando è uscito dalla scatola il gruppo del morsetto è stato ruotato di 180 gradi, con la vite di bloccaggio in basso. Le istruzioni ti dicono di girarlo, ma questo è più facile a dirsi che a farsi. Sembra immobile e molti principianti si chiederanno se sono destinati a forzare questo round. In effetti, devi applicare molta forza per ruotarlo. In modo confuso, le istruzioni si riferiscono quindi alla manopola nella parte inferiore del morsetto!

Gli oculari sono forniti con coperture di plastica aderente e quanti principianti cercheranno di toglierli, piuttosto che strapparli? Nelle istruzioni destinate ai principianti grezzi, punti come questo sono vitali.

Una volta impostato, è necessario allineare il cercatore a punto rosso con lo strumento principale di giorno. Purtroppo il range di regolazione sul dispositivo in dotazione non permetteva di allinearlo in modo accurato, e per la prova ne abbiamo utilizzato un altro che già avevamo.

L'ultimo passaggio consiste nel rimuovere nuovamente il cappuccio dallo specchio sul dock StarSense, sfilandolo con coraggio con un po' di sforzo e inserendo lo smartphone nello slider a molla. Tieni presente che non tutti gli smartphone funzioneranno, quindi ricorda di confrontare il tuo modello con un elenco sul sito Web Celestron prima di fare il grande passo. La fotocamera del tuo smartphone deve essere sufficientemente sensibile per visualizzare le stelle più luminose in un ambiente notturno.

Gli smartphone possono essere inseriti in un dispositivo di scorrimento a molla sullo StarSense Explorer DX 102AZ, consentendo l'astrofotografia di base. (Credito immagine: Celestron)

Siamo lieti di segnalare che caricare e utilizzare il software sul nostro telefono Moto G8 è stato facile e abbastanza intuitivo. Questa è una fortuna, poiché il manuale Quick Start termina a questo punto. Tutte le fasi successive vengono eseguite utilizzando l'app StarSense che è necessario sbloccare utilizzando un codice fornito con lo strumento, che funzionerà con un massimo di cinque dispositivi.

La fotocamera osserva il cielo attraverso uno specchio, consentendo di visualizzare lo schermo del telefono con un'angolazione conveniente. L'app StarSense mostra la vista della telecamera del cielo notturno, utilizzando un'esposizione temporale se necessario, quindi potrebbero essere necessari alcuni secondi prima che appaia o si aggiorni. Il metodo di allineamento consiste nel puntare il telescopio verso un oggetto scelto, che è dove il cercatore del punto rosso è utile e quindi spostare i fili rossi sull'app sullo stesso oggetto mostrato nella vista del telefono. È possibile ingrandire per una maggiore precisione.

Ora sei in attività e puoi scegliere da un elenco di oggetti osservabili con questo strumento all'epoca, classificati a seconda che possano essere visti dalla città o da un cielo scuro. Una volta scelto, vedrai una serie di frecce sullo schermo che ti dicono in che direzione muovere il telescopio per raggiungere quell'oggetto. In pochi secondi sei sul bersaglio e i cavi trasversali diventano verdi. Spostarsi da un oggetto all'altro richiede solo pochi secondi il sistema di ricerca più rapido che abbiamo visto.

Alcuni inconvenienti diventano evidenti. Il sistema di ricerca non è sempre perfetto, quindi devi essere preparato a cercare oggetti attorno al bordo del campo visivo. La frizione che tiene il telescopio in quota, comunque sul modello di prova, è feroce, quindi per spostarlo è necessario impugnare saldamente il treppiede con una mano e con l'altra avvitare il tubo su o giù come da istruzioni. Il rallentatore dell'altitudine è altrettanto rigido da girare, mentre il controllo dell'azimut ha avuto un fastidioso contraccolpo.

Una delle principali fonti di problemi è lo specchio che è fondamentale per trovare gli oggetti. Il software controlla costantemente l'allineamento dello strumento e si lamenta se non riesce a vedere il cielo, quindi agganciare il coperchio tra un'osservazione e l'altra non è facile o ideale. Lo specchio può diventare rugiadoso in pochi minuti in alcune notti spesso le più limpide. A differenza degli specchi domestici, il suo rivestimento riflettente si trova sulla superficie anteriore anziché sul retro, quindi pulirlo regolarmente potrebbe causare danni al rivestimento. È probabile che gli utenti incauti provino a lucidarlo con un detergente per vetri o persino soluzioni abrasive.

Otticamente il telescopio è all'altezza degli standard per un rifrattore acromatico a fuoco corto ed è adatto per l'osservazione del cielo profondo. Gli oculari in dotazione, sebbene in leggeri fusti di plastica, sono di buona qualità ottica. Aumentare l'ingrandimento utilizzando una lente Celestron 2x Barlow ha rivelato falsi colori nelle immagini lunari e planetarie, quindi questo non è uno strumento planetario o ad alta potenza ideale. La diagonale dell'immagine eretta (necessaria per consentire allo strumento di mettere a fuoco) introduce una distorsione minima, percepibile solo marginalmente su un'immagine stellare utilizzando un ingrandimento di 130x.

Dovresti comprare il Celestron StarSense DX 102AZ?

Sebbene il Celestron StarSense Explorer DX 102AZ non sia entrato nella nostra lista dei migliori telescopi (si apre in una nuova scheda) per il 2021, è comunque un ottimo kit per chi ha appena iniziato a guardare il cielo, in particolare per chi è alla ricerca di un tutto -pacchetto incluso che è facile da usare e rende la navigazione nel cielo notturno un gioco da ragazzi. Una volta che ci si è abituati allo strumento, trovare gli oggetti è estremamente veloce e divertente. La qualità ottica è buona per un telescopio di questo tipo, ma per l'osservazione planetaria sarebbe preferibile uno strumento diverso, come il riflettore da 130 mm della stessa portata.

Il movimento goffo e l'ottica delicata potrebbero limitare l'utilità dello strumento per osservazioni più dettagliate, ma il sistema sicuramente ti consente di osservare in pochi minuti, a differenza dei telescopi più avanzati, superando così uno dei maggiori ostacoli che i principianti devono affrontare.

Se questo prodotto non fa per te

Il prezzo di questo strumento non è significativamente inferiore a quello del Celestron NexStar 102 SLT, lo stesso strumento su una montatura completamente motorizzata, che ha il grande vantaggio di tracciare gli oggetti per te. Quindi, se acquisti questo modello o opti per la versione completa Go To, o addirittura per il riflettore NexStar 130 mm SLT, è una decisione che dovrai prendere a seconda dei tuoi interessi di osservazione.

Ir arriba