Gennaio Full Moon 2022: la “Luna del lupo” sorge con le costellazioni invernali

La luna piena di gennaio, chiamata Wolf Moon, si verificherà lunedì 17 gennaio alle 18:48 EST (1148 GMT), secondo la NASA (si apre in una nuova scheda).

Il sorgere della luna a New York City è alle 16:31 di quel pomeriggio, secondo ora e data (si apre in una nuova scheda). La luna sarà nella costellazione della Vergine e sorgerà circa 24 minuti prima del tramonto.

La luna piena si verifica perché la luna si trova esattamente sul lato opposto della Terra rispetto al sole. La luna sembra illuminata perché vediamo la luce del sole riflessa da essa e poiché il periodo di rotazione della luna è lo stesso del suo periodo orbitale, vediamo sempre la stessa faccia del nostro mondo satellite.

La tempistica della luna piena è la stessa ovunque, poiché è determinata dalla posizione della luna rispetto alla Terra piuttosto che dalla sua posizione apparente nel cielo, che è leggermente diversa a seconda della posizione. Gli osservatori nelle isole britanniche e in Portogallo vedranno la luna diventare piena alle 23:48 ora locale, mentre quelli nell'Europa continentale occidentale la vedranno alle 00:48 del 18 gennaio. Sul lato orientale dell'Australia, la luna è pieno 10:48 il 18 gennaio.

Poiché la luna piena si trova sul lato opposto del cielo rispetto al sole, gli osservatori dell'emisfero settentrionale la vedranno relativamente in alto nel cielo, essenzialmente la luna è nella posizione in cui si troverebbe il sole durante il giorno nei mesi estivi. Da New York City questo significa che la luna raggiunge un'altitudine massima di circa 74 gradi; gli osservatori solo un po' più a sud a Miami vedranno che raggiunge gli 87 gradi quasi allo zenit (direttamente sopra la testa) alle 00:46 del 18 gennaio. Nell'emisfero australe è vero il contrario, poiché lì è estate. A Melbourne, in Australia, la luna piena raggiungerà un'altitudine massima di soli 26 gradi all'1:14 ora locale del 18 gennaio.

La luna si muove in modo relativamente rapido sullo sfondo delle stelle, perché è così vicina (relativamente parlando) alla Terra, in media solo 239.000 miglia (384.000 chilometri). Quindi approssimativamente ogni ora la luna sembra spostare uno dei suoi diametri verso est. Un effetto di ciò è che per un giorno ogni lunazione, o mese lunare, la luna impiega un po' più di 24 ore per fare un giro completo intorno al cielo. In quei giorni la luna non attraversa mai il meridiano locale, la linea tracciata attraverso lo zenit da nord a sud. Quel giorno differirà leggermente a seconda della longitudine, ma è sempre entro uno o due giorni dalla luna piena. A New York capita di essere nella notte di luna piena, mentre a Melbourne è il 16 gennaio.

Stelle e costellazioni

I cieli dell'emisfero settentrionale sono pieni di stelle luminose, le costellazioni di Orione, Toro, Gemelli e Canis Major si trovano più o meno nella stessa porzione di cielo. Ciascuna è composta da un numero sufficiente di stelle di prima e seconda magnitudine da essere visibili anche da luoghi inquinati dalla luce; le tre stelle che segnano la cintura di Orione sono evidenti anche in città come New York, Parigi o Chicago.

Nell'emisfero australe, le stelle estive sono alte in prima serata; alle latitudini medio-meridionali (come ad esempio Santiago, Cile, Melbourne o Città del Capo) le costellazioni che compongono la leggendaria nave di Giasone, l'Argo, sono alte nel cielo sudorientale. Le tre costellazioni sono Carina, la chiglia, Puppis, la coperta e Vela, la vela. La stella più brillante tra loro è Canopo, che sarà a destra di Sirio quando si guarda più o meno a sud. Più a est (a destra) si può vedere Achernar , la stella che segna la fine di Eridano, il fiume, e se segui la scia di stelle che compongono il corso del fiume ti ritroverai nei pressi di un Orione "sottosopra".

Pianeti visibili

Questa mappa del cielo mostra dove Giove, Saturno e Mercurio possono essere visti dopo il tramonto del 17 gennaio 2022, come si vede da New York City. (Credito immagine: app SkySafari)

Nella notte di luna piena Giove sarà il pianeta più visibile dopo il tramonto. A New York il sole tramonta alle 16:55 ora locale e il cielo diventa abbastanza scuro per vedere pianeti e oggetti luminosi verso le 17:30; Giove in quel punto si trova a sud-ovest, a circa 24 gradi di altezza.

A dicembre erano visibili anche Saturno e Mercurio, ma entro il 17 gennaio Saturno sarà alto solo 7 gradi mezz'ora dopo il tramonto, mentre Mercurio è solo circa 5 gradi in alto. Per vedere l'uno o l'altro sarebbe necessario un orizzonte occidentale molto piatto e un tempo molto sereno. Entro le 17:52 a New York Mercury tramonta; Saturno segue alle 18:08 ora locale. Giove, nel frattempo, tramonta alle 19:52, quindi dovrebbe essere visibile alle latitudini medio-settentrionali fino alle 19:30 circa ora locale prima che sia probabile che si trovi dietro un edificio o un albero.

Marte, nel frattempo, sorge alle 5:13 del 18 gennaio a New York, ed è appena visibile nel cielo prima dell'alba alle 6:00 ora locale, sarà di circa 9 gradi di altezza. Con l'avanzare dell'anno diventerà più facile da vedere, poiché il pianeta si muove lentamente verso ovest.

La luna lupo

(Credito immagine: app SkySafari)

La luna piena di gennaio è spesso chiamata Luna del Lupo, secondo l'Almanacco del vecchio contadino, che potrebbe risalire alle tribù dei nativi americani e ai primi tempi coloniali, quando i lupi ululavano fuori dai villaggi.

Secondo l'Ontario Native Literacy Project, il Cree, il cui territorio tradizionale si estendeva dall'attuale Quebec all'Alberta e circondava la baia di Hudson, chiamava la lunazione di gennaio Opawahcikanasis, o "Frost Exploding Moon" poiché in quella parte dell'anno si poteva sentire le crepe in alcuni alberi mentre il ghiaccio si forma e cade.

Nell'emisfero australe, dicembre è durante l'estate e i Mori della Nuova Zelanda descrissero i mesi lunari da gennaio a febbraio (contando da una luna nuova all'altra, la luna piena sarebbe a metà mese) come Hui-Tanguru, o "Il piede di Rh ora riposa sulla terra", secondo l'Enciclopedia della Nuova Zelanda. Rh si riferisce a una stella nella costellazione dello Scorpione, vicino ad Antares (chiamata Rehua).

In Cina, il calendario lunare tradizionale (si apre in una nuova scheda) chiama questa lunazione di luna piena il 12° mese, Lyu, o Mese Conservato, dal nome della pratica di conservare le carni durante l'inverno. Il capodanno lunare cinese è a febbraio, quindi questo gennaio segna la fine dell'anno piuttosto che l'inizio.

Ir arriba