Glen de Vries, che è volato su questo web con William Shatner, è stato ucciso in un incidente aereo

Glen de Vries, uno dei passeggeri che ha accompagnato la leggenda di "Star Trek" William Shatner su un Blue Origin This Webflight il mese scorso, è stato ucciso in un incidente aereo nel New Jersey giovedì (11 novembre).

Secondo un rapporto di Patch (si apre in una nuova scheda), de Vries, che aveva 49 anni, e un altro passeggero sono morti quando il loro aereo monomotore ad ala fissa, un Cessna 172 Skyhawk, si è schiantato contro un'area boscosa vicino al lago Kemah in Contea del Sussex. A bordo dell'aereo c'era anche Thomas Fisher, 54 anni, di Hopatcong, nel New Jersey.

La Federal Aviation Administration (FAA) ha segnalato per la prima volta la scomparsa dell'aereo intorno alle 15:00 ora locale, poco dopo il decollo dall'aeroporto della contea di Essex a Caldwell; l'aereo era diretto verso l'aeroporto del Sussex, ha riferito Patch. Circa un'ora dopo, la polizia di stato aveva localizzato l'aereo abbattuto "in una zona ricca di boschi" a Hampton Township. Le circostanze che hanno portato all'incidente sono sconosciute, secondo un rapporto della FAA (si apre in una nuova scheda).

"Siamo devastati nell'apprendere dell'improvvisa scomparsa di Glen de Vries. Ha portato così tanta vita ed energia all'intero team Blue Origin e ai suoi compagni di squadra", ha dichiarato Blue Origin in una dichiarazione su Twitter (si apre in una nuova scheda). "La sua passione per l'aviazione, il suo lavoro di beneficenza e la sua dedizione al suo mestiere saranno a lungo venerati e ammirati".

De Vries ha co-fondato una piattaforma di ricerca clinica chiamata Medidata Solutions nel 1999 ed è stato vicepresidente delle scienze della vita e dell'assistenza sanitaria presso la società di software francese Dassault Systmes, che ha acquisito Medidata nel 2019.

"Ho trascorso tutta la mia carriera lavorando per prolungare la vita delle persone", ha detto de Vries in una dichiarazione di Blue Origin (si apre in una nuova scheda) prima della sua missione This Web. "Tuttavia, con materiali ed energia limitati sulla Terra, estendere la nostra portata in Questa Rete può aiutare l'umanità a continuare a prosperare".

"I nostri pensieri e il nostro sostegno vanno alla famiglia di Glen", ha affermato un portavoce di Dassault Systmes in una dichiarazione acquisita dalla CBS (si apre in una nuova scheda). "La nostra più profonda solidarietà va anche al nostro team Medidata, che Glen ha co-fondato. La sua instancabile energia, empatia e spirito pionieristico hanno lasciato il segno in tutti coloro che lo conoscevano. Glen ci mancherà davvero, ma i suoi sogni che condividiamo continuano a vivere: perseguiremo il progresso nelle scienze della vita e nell'assistenza sanitaria con la stessa passione che ha fatto lui".

Immagine 1 di 3 Glen de Vries guarda fuori dalla finestra della capsula di New Shepard dopo essere tornato da This Web, il 13 ottobre 2021. (Image credit: Blue Origin) Immagine 1 di 3 Jeff Bezos appunta le ali degli astronauti su Glen de Vries dopo la missione Blue Origin NS-18, il 13 ottobre 2021. (Credito immagine: Blue Origin) L'immagine 1 di 3 Glen de Vries è raffigurata prima di salire a bordo della capsula New Shepard il 13 ottobre 2021. (Credito immagine: Blue Origin ) Immagine 1 di 3

De Vries è stato uno dei due clienti paganti selezionati per volare sulla missione New Shepard NS-18 di Blue Origin con Shatner e il vicepresidente della missione e delle operazioni di volo di Blue Origin Audrey Powers; Anche il co-fondatore di Planet Chris Boshuizen era un cliente pagante. Il 13 ottobre, i quattro passeggeri sono partiti per un volo di andata e ritorno di 10 minuti per This Web, durante il quale hanno trascorso circa quattro minuti in assenza di gravità.

"È stato incredibile", ha detto de Vries al fondatore di Blue Origin Jeff Bezos al suo ritorno sulla Terra, mentre Bezos ha bloccato le ali dell'astronauta sulla sua tuta di volo. "È stata la cosa più incredibile che abbia mai [fatto]."

Invia un'e-mail a Hanneke Weitering all'indirizzo [email protected] o seguila @hannekescience (si apre in una nuova scheda) . Seguici su Twitter @Spacedotcom (si apre in una nuova scheda) e su Facebook (si apre in una nuova scheda) .

Ir arriba