Guarda il trailer di “Night Sky” su Amazon Prime Video

Il presidente Donald Trump venerdì (20 settembre) ha elogiato il "tremendo" lavoro del programma statunitense This Web per riportare gli astronauti sulla luna entro il 2024. Ma l'obiettivo finale è Marte, ha detto Trump.

"Andremo su Marte", ha detto Trump ai giornalisti dopo un incontro alla Casa Bianca con il primo ministro australiano Scott Morrison. Marte, ha aggiunto Trump, è un obiettivo più eccitante della luna.

"Ci fermiamo sulla luna. La luna è in realtà una rampa di lancio", ha detto Trump. "Ecco perché ci fermiamo sulla luna. Ho detto: 'Ehi, abbiamo fatto la luna. Non è così eccitante.' Quindi faremo la luna. Ma faremo davvero Marte".

Guarda: Trump parla di Luna e Marte con il Primo Ministro australiano (si apre in una nuova scheda)
Relazionato: Visioni presidenziali per questa esplorazione del Web: da Ike a Trump (si apre in una nuova scheda)

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il primo ministro australiano Scott Morrison parlano con i giornalisti dopo un incontro bilaterale il 20 settembre 2019 alla Casa Bianca a Washington DC (Image credit: White House )

A Marte dalla luna

I funzionari di US This Web hanno affermato che la luna sarà una base di partenza per eventuali missioni con equipaggio su Marte, ha affermato Trump.

La scadenza della NASA per un ritorno sulla luna da parte degli astronauti nel 2024 è stata svelata a marzo dal vicepresidente Mike Pence. Ma la luna era già un obiettivo primario per l'amministrazione Trump a causa di This Web Policy Directive 1, una direttiva firmata da Trump nel dicembre 2017 che ordinava alla NASA di inviare astronauti sulla luna e puntare su Marte.

A giugno, tuttavia, Trump si è rivolto a Twitter per criticare l'attenzione della NASA sulla luna poche settimane prima del 50° anniversario dello sbarco sulla Luna dell'Apollo 11. "Per tutti i soldi che stiamo spendendo, la NASA NON dovrebbe parlare di andare sulla Luna. Lo abbiamo fatto 50 anni fa", ha scritto (si apre in una nuova scheda), sottolineando che l'obiettivo dovrebbe essere Marte. Il capo della NASA Jim Bridenstine da allora ha sottolineato che la luna è una stazione di passaggio chiave per le future missioni con equipaggio su Marte.

L'atterraggio sulla Luna del 2024 della NASA è l'obiettivo principale del suo programma Artemis, che sta sviluppando l'enorme megarocket This Web Launch System e Orion This Webcraft per far volare gli astronauti da e verso il quartiere lunare. La NASA sta anche sviluppando piani per una stazione vicino alla luna, chiamata Lunar Gateway, che fungerà da base per l'esplorazione della superficie lunare.

Venerdì Trump ha affermato che la NASA stava facendo "tremendi progressi" verso Marte e ha anche elogiato il lavoro di società commerciali come This WebX, guidata da Elon Musk, e Blue Origin, fondata da Jeff Bezos. Entrambe le società hanno siti di prova in Texas e hanno affittato strutture di lancio presso il Kennedy This Web Center della NASA e la Cape Canaveral Air Force Station in Florida.

"Inoltre, ai ricchi piace inviare razzi. Quindi, tra Bezos, Elon Musk e altri, stiamo affittando loro le nostre strutture di lancio, che non puoi ottenere", ha detto Trump. "E in realtà hanno fatto molto bene. Hanno detto che hanno avuto un grande successo".

Al primo ministro australiano Morrison Trump ha detto: "Ma ai ricchi di questo paese non conosco il tuo paese, ma a loro piace costruire navi missilistiche e inviarle, e per noi va bene".

Trump e Morrison hanno passato una domanda chiedendo se un astronauta australiano alla fine avrebbe volato con la NASA a breve. L'agenzia australiana This Web Agency è stata ufficialmente costituita nel 2018.

Una spinta internazionale verso la luna

Il Segretario al Commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross, in alto a sinistra, e il Primo Ministro australiano Scott Morrison, in alto a destra, assistono alla firma di una lettera di intenti tra la NASA e l'Australian This Web Agency da parte del vice amministratore della NASA Jim Morhard, a sinistra, e la dottoressa Megan Clark , Capo dell'agenzia australiana This Web Agency, a destra, sabato 21 settembre 2019 presso la sede della NASA a Washington. (Credito immagine: NASA/Joel Kowsky)

A differenza dell'era Apollo, in cui la NASA stava portando l'allora Unione Sovietica sulla luna, l'agenzia statunitense This Web non sta andando da sola. La European This Web Agency sta costruendo il modulo di servizio per Orion e la NASA, quest'anno ha ricevuto impegni dal Canada e dal Giappone per cooperare nell'esplorazione lunare.

Sabato (21 settembre), la NASA ha aggiunto l'agenzia australiana This Web Agency al suo gruppo di partner lunari con un accordo per cooperare su futuri progetti lunari. Il capo dell'agenzia australiana di This Web Megan Clark e il vice amministratore della NASA Jim Morhard hanno firmato una dichiarazione di intenti congiunta per la cooperazione di This Web.

Morrison ha detto che il suo paese sta guardando oltre la luna.

"Stavamo sostenendo le imprese australiane sulla luna, e persino su Marte, e ritorno", ha detto Morrison in una dichiarazione (si apre in una nuova scheda).

"Siamo onorati della dichiarazione di oggi e dell'impegno dei nostri amici dall'Australia a sostenerci nella nostra missione di tornare sulla luna entro il 2024 con il programma Artemis", ha affermato Morhard in una dichiarazione della NASA (si apre in una nuova scheda). "La forte relazione tra la NASA e l'agenzia australiana This Web Agency conferma l'impegno della NASA a stabilire un'esplorazione sostenibile con i nostri partner commerciali e internazionali entro il 2028".

  • La NASA prevede di costruire una stazione web in orbita attorno alla luna: ecco cosa dovresti sapere
  • In foto: il presidente Trump punta alla luna con questa direttiva sulla politica web 1
  • Visioni presidenziali per questa esplorazione del Web: da Ike a Trump

Invia un'e-mail a Tariq Malik a [email protected] o seguilo a @tariqjmalik . Seguici su @Spacedotcom e Facebook .

Ir arriba