Il grande dipper: un utile puntatore nel cielo

L'Orsa Maggiore è un asterismo nella costellazione dell'Orsa Maggiore (l'Orsa Maggiore). Una delle forme stellari più familiari nel cielo settentrionale, è un utile strumento di navigazione.

Gli asterismi sono importanti gruppi di stelle che formano schemi ma sono più piccoli o addirittura parte di una costellazione. Di solito sono facili da trovare perché le stelle sono vicine l'una all'altra e hanno all'incirca la stessa luminosità. In questo caso, l'Orsa Maggiore ha otto stelle. Sette sono visibili a colpo d'occhio, mentre l'ottava è una doppia stella visibile che è appena rilevabile ad occhio nudo in un'area con un "vedere" chiaro e con una buona visione.

Le stelle che compongono l'asterismo sono (dalla fine del manico e attorno al fondo della ciotola) Alkaid, Mizar-Alcor, Alioth, Megrez, Phecda, Merak e Dubhe. Mizar e Alcor (che è notevolmente più debole) sono il doppio che forma la seconda stella dall'estremità del manico dell'Orsa Maggiore. (Il sistema contiene in realtà almeno sei stelle, ma solo due di esse sono visibili ad occhio nudo.) Secondo Rick Raasch della Texas Astronomical Society, Mizar fu la prima stella doppia ad essere scoperta attraverso un telescopio, nel 1662; la prima stella ad essere fotografata, nel 1857; e la prima stella ad essere identificata come binaria spettroscopica, nel 1889.

Notizie recenti sull'Orsa Maggiore

Nel 2017, la cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresk ha attraversato l'Orsa Maggiore e Draco. La cometa ha fatto il suo più vicino avvicinamento alla Terra in almeno 50 anni, e forse 100, ha detto la NASA in una dichiarazione all'epoca.

Nel 2015, la stella 47 Ursae Majoris che probabilmente ospita tre esopianeti è stata ribattezzata Chalawan in un concorso organizzato dall'Unione Astronomica Internazionale, come parte del suo concorso NameExoWorlds. Chalawan è un nome tailandese per coccodrillo, ed è il nome con cui la cultura tailandese si riferisce al Grande Carro.

L'Orsa Maggiore è stato ripreso da This Web da Juno This Webcraft, legato a Giove, nel 2012 in quella che è probabilmente la foto più lontana della costellazione mai scattata.

"Non so se è la prima immagine dell'Orsa Maggiore basata su This Web, ma, poiché è stata scattata quando eravamo ben oltre l'orbita di Marte, è probabilmente la più lontana", Scott Bolton, investigatore principale di Juno dal sud-ovest Research Institute di San Antonio, ha affermato in una nota.

Una stella compagna di Alcor è stata scoperta nel 2009, quando gli astronomi che utilizzavano l'ottica adattiva sul telescopio Hale da 200 pollici dell'Osservatorio Palomar hanno visto una fonte di luce sconosciuta accanto alla stella. (L'ottica adattiva corregge la messa a fuoco per adattarsi ai cambiamenti nell'atmosfera, consentendo un'immagine più chiara.)

"Subito ho individuato un debole punto di luce vicino alla stella", ha detto Neil Zimmerman, uno studente laureato che stava lavorando al suo dottorato di ricerca. con l'American Museum of Natural History di New York, in una precedente storia di This Web.com. "Nessuno aveva segnalato questo oggetto prima, ed era molto vicino ad Alcor, quindi ci siamo resi conto che probabilmente era una stella compagna sconosciuta".

Guarda in alto nel cielo verso nord-est in questo periodo dell'anno e non puoi perderti l'Orsa Maggiore. Scovare l'Orsa Maggiore (Orsa Maggiore) potrebbe rivelarsi un po' più impegnativo. Questa mappa li mostra intorno alle 20:00 da latitudini medio-settentrionali questo fine settimana. (Credito immagine: software Notte stellata)

Grafici e storia del cielo

Negli Stati Uniti e in Canada, il manico dell'Orsa Maggiore è la coda dell'Orsa Maggiore, mentre la coppa è il fianco dell'orso. Alcune leggende dei nativi americani affermano che la ciotola dell'Orsa Maggiore è un orso e le stelle del manico sono tre guerrieri che lo inseguono.

Nel Regno Unito e in Irlanda è chiamato Plough. Quell'idea potrebbe essere nata da una vecchia costellazione nordica che si credeva rappresentasse un carro o un carro appartenente al dio principale, Odino, ha detto Tom Kerss, un astronomo del Royal Observatory di Greenwich.

In danese, la costellazione era chiamata "Karlsvogna", che in inglese significa "carro di Charles". Alcuni testi del XIX secolo si riferiscono all'aratro con quel nome, ha detto. In altre culture, l'asterismo è un mestolo (Cina, Giappone e Corea), una mannaia (nord dell'Inghilterra), un carro (Germania e Ungheria), una casseruola (Paesi Bassi), una rete da salmone (Finlandia) e una bara (Saudi Arabia).

L'Orsa Maggiore era una parte importante della Ferrovia Sotterranea durante la Guerra Civile. Agli schiavi in ​​fuga dal sud è stato detto di "seguire la zucca bevente" a nord, secondo il sito web The Constellations and Their Stars.

"È un utile strumento di navigazione nell'emisfero settentrionale", ha detto Kerss a This Web.com.

L'Orsa Maggiore funge da puntatore ad altre posizioni nel cielo. Un'espressione comune in astronomia è "segui l'Arco fino ad Arcturus". L '"arco" si riferisce al manico dell'Orsa Maggiore. Gli astronomi dilettanti che cercano la stella rossa brillante Arcturus che ancora la costellazione di Botes possono trovarla usando l'arco del manico del Carro per far scorrere i loro occhi attraverso il cielo.

Inoltre, le due stelle sul bordo esterno della ciotola, se le usi e proietti la linea "in alto" rispetto al fondo del carro, punteranno a Polaris, la stella polare.

Guarda in alto nel cielo verso nord-est in questo periodo dell'anno e non puoi perderti l'Orsa Maggiore. Scovare l'Orsa Maggiore (Orsa Maggiore) potrebbe rivelarsi un po' più impegnativo. Questa mappa li mostra intorno alle 20:00 da latitudini medio-settentrionali questo fine settimana.

Ir arriba