Il libro del capitolo 6 di Boba Fett è pieno o sorprese, nel bene e nel male

Attenzione: spoiler in vista per l'episodio 6 di "The Book of Boba Fett".

L'impressionante sovraccarico di informazioni di un episodio della scorsa settimana sarebbe sempre stato un atto difficile da seguire e il produttore esecutivo e il co-creatore di "The Mandalorian" Dave Filoni si sono fatti avanti per la sfida questa settimana.

Tuttavia, per ragioni che diventeranno presto chiare, ora è ovvio che "Il libro di Boba Fett" esiste per servire una trama più ampia e onnicomprensiva che è allo stesso tempo eccitante e deludente. E se questa tendenza continua, è del tutto possibile che almeno alcuni dei prossimi spettacoli spinoff di "Star Wars" serviranno anche come membri del cast di supporto invece del ruolo principale, per così dire.

Ora sappiamo che lo spin-off di "Obi-Wan Kenobi" arriverà su Disney+ a maggio e, a quanto pare, la storia è ambientata 10 anni dopo gli eventi di "La vendetta dei Sith", dove Kenobi ha affrontato la sua più grande sconfitta, la caduta e la corruzione dei suoi migliore amico e apprendista Jedi, Anakin Skywalker. Kenobi andò in esilio autoimposto su Tatooine. Non ci vuole un gigantesco salto di immaginazione per presumere che ci saranno alcuni eventi interconnessi. Dopotutto, la Disney ha tutti quei set da strada chiusi di Tatooine da cui spremere di più.

"The Book of Boba Fett" Il capitolo 6 intitolato "From the Desert Comes a Stranger" è pieno di sorprese e la prima di queste arriva nella primissima scena: il ritorno di Cobb Vanth. Potresti ricordare questo personaggio immediatamente simpatico, interpretato alla perfezione da Timothy Olyphant e introdotto per la prima volta nell'episodio "Capitolo 9: The Marshall" di "The Mandalorian".

  • Vuoi provare Disney Plus? Puoi ottenere una prova gratuita di 7 giorni qui (si apre in una nuova scheda)
  • Iscriviti a Disney Plus per $ 6,99 al mese (si apre in una nuova scheda)

Cobb Vanth (Timothy Olyphant) il maresciallo di Mos Pelgo fa una gradita apparizione nel Capitolo 6 (Image credit: Disney/Lucasfilm)

Si confronta con alcuni venditori di spezie Pyke in uno dei campi umidi fuori Mos Pelgo, o Freetown, come la gente del posto sta scegliendo di chiamarla ora. È un bellissimo set e Olyphant ha davvero fatto suo il ruolo di Vanth. Ma con la stessa rapidità con cui tutti abbiamo gridato: "Oh sì!" abbiamo tutti sospirato "oh no" e siamo su quello che sembra essere il pianeta Tython, dove un esercito di droni operai sta costruendo quello che potrebbe essere il Tempio Jedi di Luke, anche se ciò non è stato confermato perché il Tempio Jedi di Luke (si apre in una nuova tab) che è stato distrutto in "Episodio VIII: Gli ultimi Jedi" si trovava in un luogo segreto.

Un punto interessante che è stato fatto sui social media (si apre in una nuova scheda) è come l'N-1 sia molto più snello rispetto al più pratico Razor Crest e che non includa alcun bagno. E se è il pianeta Tython, secondo Legends (si apre in una nuova scheda) (la nuova parola per il vecchio canone) è distante 8.000 anni luce e l'N-1 ha solo 1.000 anni luce (si apre in una nuova scheda) autonomia prima di dover essere rifornito, presumibilmente. Quindi, ci sono un sacco di fermate alla stazione di coaxium e snack a base di carne secca.

Il ritmo dello spettacolo rallenta in modo significativo per questo episodio e lo ami o lo detesti, Luke Skywalker in CGI è tornato. La rivelazione è facilitata con l'assistenza di Ahsoka Tano (Rosario Dawson), il cavaliere Jedi Togruta della serie animata "The Clone Wars" e introdotto per la prima volta in live action nell'episodio "The Mandalorian" "Capitolo 13: The Jedi".

Sì, è fantastico vedere Luke allenare Grogu. E sì, "Star Wars" ha una fissazione per la nostalgia di Skywalker (Image credit: Disney/Lucasfilm)

Per fortuna, gli effetti visivi sono aumentati un po' dall'ultima volta che abbiamo visto Luke collezionare Grogu nel finale della seconda stagione di "The Mandalorian" e in realtà è interpretato da un attore diverso. Stranamente, l'attore che è apparso in quell'episodio era Max Lloyd-Jones, ma in questo episodio è un attore diverso, Graham Hamilton. La performance vocale, tuttavia, è stata messa insieme (si apre in una nuova scheda) con un software, raccogliendo le registrazioni delle esibizioni di Mark Hamills da giovane e creando una libreria di suoni che è stata utilizzata per sintetizzare la sua voce. Quello che abbiamo visto non era perfetto e alcune angolazioni creative della telecamera sono state utilizzate per evitare troppi primi piani molto costosi del viso di Skywalker, ma almeno la tecnica è migliorata.

Din Djarin (Pedro Pascal) decide con riluttanza di non confondere ulteriormente il piccolo Grogu mentre Luke sta cercando di addestrarlo e lascia il giubbotto di maglia di Beskar con Ahsoka, ma questo non vuol dire che Grogu non abbia sentito la sua presenza nelle vicinanze. In realtà è tutto piuttosto emotivo.

Un bonus inaspettato di questo festival nostalgico è che Luke chiede a Grogu del suo pianeta natale e per un momento fugace, mentre i nostri cuori si fermano, crediamo quasi che lo vedremo. Purtroppo, Grogu può solo ricordare (o sceglie solo di ricordare) fin dall'attacco al Tempio Jedi da parte delle truppe imperiali mentre eseguivano "l'ordine 66" nell'"Episodio III: La vendetta dei Sith", e ci viene dato un assaggio di quello. Questo pone la domanda, chi ha salvato Grogu da Coruscant?

Sembra che Grogu fosse al Tempio Jedi su Coruscant quando "l'ordine 66" fu eseguito dai Clone troopers (Image credit: Disney/Lucasfilm)

Ci sono alcuni ritorni al precedente "Star Wars", comprese alcune delle frasi che Luke usa per addestrare Grogu che sono molto simili a quando Yoda stava addestrando Luke su Dagobah in "Episodio V: L'impero colpisce ancora", e c'è un tiratore scelto- Telecomando di addestramento H. E poi Djarin torna su Tatooine per prendere le armi con Boba Fett (Temuera Morrison) e Fennec Shand (Ming-Na Wen). Sembra che saremo bloccati con scatti "knee-cam" mentre Djarin fa volare il suo N-1 ancora senza nome, sono gli stessi scatti dal punto di vista che ti aspetteresti da Wedgie, il serpente domestico di Jock in "I predatori dell'arca perduta".

A seguito di un debriefing a di Jabba Nella sala del trono del palazzo di Fett con la Mos Espa Mod Squad e Black Krrsantan, Djarin suggerisce di poter aiutare reclutando fanti per l'imminente battaglia con il sindacato criminale Pyke. Viene escogitato un vago piano e va a parlare con Vanth. Il maresciallo di Freetown è naturalmente felice di rivedere il Mandaloriano; non parlano da quando hanno ucciso il drago Krayt in "The Mandalorian" Capitolo 9 "The Marshall". Tuttavia, Vanth dice che la gente della città formalmente conosciuta come Mos Pelgo ha finito di combattere. Quindi, senza dubbio possiamo aspettarci che si presentino la prossima settimana dopo aver cambiato idea brandendo forconi e armi fatte in casa.

Djarin si congeda e poi succede qualcosa di molto interessante. Vedete, l'idea era che tutti noi pensassimo che lo "Straniero" dal titolo dell'episodio si riferisse a Vanth, ma non è così. Invece, uno sconosciuto solitario appare all'orizzonte e cammina minaccioso verso la città. Naturalmente, questo attira l'attenzione di Vanth e avverte i cittadini di entrare. Risulta essere nientemeno che Cad Bane.

Cad Bane è stato modellato sul personaggio dell'attore Lee Van Cleefs di "Il buono, il brutto e il cattivo" (Image credit: Disney/Lucasfilm)

Ora, anche se non sei un devoto adoratore di tutte le cose "Star Wars" e non hai idea di chi o quanto sia cattivo questo gatto, l'introduzione di Bane è stata comunque impressionante ed è stata chiaramente prestata attenzione per rendere la sua presenza degna di nota a prescindere della tua conoscenza di base dell'universo di "Star Wars".

Secondo Wookiepedia (si apre in una nuova scheda), Cad Bane era un cacciatore di taglie e mercenario Duros maschio la cui carriera è andata dalla caduta della Repubblica Galattica, al regno dell'Impero Galattico e all'era della Nuova Repubblica. Dopo la morte di Jango Fett (da cui Boba fu clonato) su Geonosis per mano del Maestro Jedi Mace Windu, Bane era considerato il migliore e uno dei più spietati cacciatori di taglie dell'epoca. È apparso per la prima volta nella serie animata "The Clone Wars" e la sua storia è stata arricchita in numerosi episodi.

Bane ordina a Vanth di non seguire Djarin e Fett in una rissa con il sindacato Pyke e solo le azioni stupide del suo stupido vice (interpretato da JJ Dashnaw) impediscono uno scambio pacifico. Il vice Defus viene spazzato via da una raffica di blaster e il povero Vanth ne prende uno al petto. Sfortunatamente, la scena si conclude con Vanth ancora sdraiato immobile sulla sabbia, quindi speriamo che non sia gravemente ferito. Tuttavia, questa sarà probabilmente la motivazione di cui i cittadini avranno bisogno per unirsi alla lotta di Fett e liberare Tatooine dal sindacato Pyke una volta per tutte.

L'agonia della scelta. Grogu prenderà la spada laser o il giubbotto corazzato Beskar, taglia XX-piccolo? (Credito immagine: Disney/Lucasfilm)

Passiamo quindi a Mos Espa, dove due membri del sindacato Pyke si lasciano dietro un camino nel famoso bar Sanctuary, ed è abbastanza chiaro cosa accadrà dopo, dato che anche Garsa Fwip (Jennifer Beals) realizza una frazione di secondo prima di una massiccia esplosione scuote le strade di Mos Espa, distruggendo almeno metà della cantina in una dichiarazione ufficiale di guerra. Ma resta da vedere esattamente chi è stato ucciso in quell'esplosione, e le nostre speranze di contenuti meno Skywalker esplodono insieme al bar e torniamo a Luke e Grogu.

Luke sente che a Grogu manca il Mandalorian e gli offre una scelta; Luke depone la vecchia spada laser di Yoda accanto al giubbotto Beskar e dice che deve scegliere che ognuno rappresenti un percorso diverso, uno come padawan di Luke e l'altro come compagno di Din Djarin. È un cliffhanger infernale, ma sospettiamo che non vedremo quale scelta farà Grogu nel finale di questo show. È più probabile che quel momento monumentale venga trasferito nella terza stagione di "The Mandalorian".

Rimangono alcune domande mentre entriamo nell'episodio finale: vedremo davvero di più Boba Fett? Dopotutto, questo spettacolo è stato intitolato a lui. Fett cavalcherà il suo Rancor in battaglia? O utilizzerà la superiorità aerea come ha fatto nel capitolo 4, facendo a pezzi una banda di Kintan Strider su speeder con la sua cannoniera di classe Firespray? O forse Shand lo piloterà? Ci sarà una resa dei conti tra Fett e Bane?

Non ci possono essere dubbi ora, che questo è ciò che possiamo aspettarci dalla terza stagione di "The Mandalorian" (Image credit: Tokyo Sexwhale)

E infine, avremo una seconda stagione di "The Book of Boba Fett" o questa rimarrà una serie limitata a sé stante, poiché ci è stato detto che era l'idea originale? Temuera Morrison ha detto che (si apre in una nuova scheda) vuole dare la caccia a Mace Windu in una potenziale seconda stagione, "Gli devo un grande momento per [Jango Fett] … È in cima alla lista".

Stellan Skarsgrd ha rivelato che (si apre in una nuova scheda) "Andor" avrebbe avuto una seconda stagione, quindi forse lo farà anche "The Book of Boba Fett". "Star Wars" ha bisogno di espandersi oltre Tatooine e mostrare il suo intero universo e si spera che alcuni dei nuovi spettacoli spin-off live-action lo facciano.

Voto: 7/10

Le stagioni 1 e 2 di "The Mandalorian" sono disponibili per lo streaming su Disney+ negli Stati Uniti, così come ogni episodio di "The Book of Boba Fett" insieme a tutti i programmi TV e tutti i film dell'universo di "Star Wars". Disney+ sarà lanciato in 42 paesi e 11 territori quest'estate, tra cui Sud Africa, Turchia, Polonia ed Emirati Arabi Uniti.

Segui Scott Snowden su Twitter (si apre in una nuova scheda) . Seguici su Twitter @Spacedotcom (si apre in una nuova scheda) e su Facebook (si apre in una nuova scheda) .

Ir arriba