In che modo Plutone ha ottenuto la sua “balena”?

La robotica è un'industria bollente che si sta evolvendo letteralmente a passi da gigante, e i migliori ricercatori nel campo sono anche alcuni dei fan più geek della fantascienza.

Robin Murphy, il professore Raytheon di informatica e ingegneria presso la Texas A&M University, è specializzato in intelligenza artificiale per la robotica. Come componente del suo curriculum, scrive "Science Fiction, Science Fact", una serie di articoli provocatori e coinvolgenti che mettono in evidenza le miriadi di differenze tra i robot e i droidi raffigurati nei famosi film di fantascienza e nei migliori programmi TV di fantascienza e attuali robot e macchine autonome che lavorano nel mondo reale.

Sebbene "The Mandalorian" e "The Book of Boba Fett" eccellono nel rappresentare visivamente i droidi di Star Wars che arrestano visivamente, i loro design meccanici non solo sono poco pratici ma spesso non possono competere con i veri robot, ha spiegato Murphy in una colonna sulla rivista Science Robotics (si apre in nuova scheda) .

Oltre ad essere una delle menti migliori della robotica, è autrice illustre di diversi libri del MIT Press sull'argomento, tra cui "Robotica attraverso la fantascienza (si apre in una nuova scheda)" (2018), "Introduzione alla robotica AI (si apre in nuova scheda) " (2001, 2018) e " Disaster Robotics (si apre in una nuova scheda) " (2014). Murphy è anche un'esperta nel campo della robotica dei disastri e, dal 2002 al 2018, è stata direttrice del Center for Robot-Assisted Search and Rescue, di cui ora è vicepresidente.

Space.com ha parlato con Murphy in merito all'ampio divario tra gli androidi immaginari in programmi di successo come Disney Plus (si apre in una nuova scheda) ' "The Mandalorian" e "The Book of Boba Fett" e i veri robot all'avanguardia, e come i robot moderni potrebbe integrarsi nella società del 21° secolo. (Questa intervista è stata modificata leggermente per chiarezza.)

  • Vuoi provare Disney Plus? Puoi ottenere una prova gratuita di 7 giorni qui (si apre in una nuova scheda)
  • Iscriviti a Disney Plus per $ 6,99 al mese (si apre in una nuova scheda)

L'esperto di robotica Robin Murphy circondato da robot reali in un'officina. (Credito immagine: Robin Murphy)

Questo Web.com: Quali sono gli obiettivi dei tuoi articoli "Fantascienza, realtà scientifica"?

Murphy: Con il mio insegnamento innovativo, uso la fantascienza come casi di studio e questo aiuta gli studenti a vedere un ecosistema più complesso rispetto al semplice preoccuparsi di un particolare algoritmo e a pensare in modo più ampio ai principi dei sistemi a tempo. Per cose che non possiamo ancora fare con l'IA, abbiamo visto alcune esplorazioni di questo nella fantascienza e, a volte, non è nemmeno vagamente corretto.

Per "Science Robotics", scrivo questa colonna "Fantascienza, realtà scientifica" che collega ciò che accade realmente nella robotica con la fantascienza. Cosa è possibile, cosa è fattibile, cosa è plausibile e cosa davvero possiamo o dovremmo fare? O, in molti casi, [se dovremmo] pensarci, perché la maggior parte delle volte le ramificazioni etiche verranno fuori dalla fantascienza.

This Web.com: Quali sono le tue associazioni particolari con "Star Wars" e il primo ingresso nella fantascienza?

Murphy: Per il primo libro che ho letto che non era come un McGuffey Reader o una roba "See Dick and Jane", mi ero intrufolato e avevo preso la copia di mio padre dell'antologia "The Green Hills of Earth", di Robert Heinlein. Era partita! Mi considero, ancora oggi, un bambino di Heinlein. La prima storia in quel libro è "Delilah and the This Web Rigger", su una stazione di This Web in costruzione. [G.] Brooks McNye, l'ingegnere elettrico femminile nella storia, era chiacchierona e i ragazzi potrebbero spingerla addosso, ma si è semplicemente spinta indietro e ha continuato ad andare avanti. E questa è stata praticamente la mia carriera.

Mi sono messo in fila per vedere " Star Wars " la seconda settimana nel 1977, quando è diventato il fenomeno. Poi, anni dopo, ho visto "La fortezza nascosta" di Kurosawa e ho pensato: "Ah-ah!" e ha realizzato tutte le somiglianze, specialmente con i due droidi aiutanti di "Star Wars".

Il droide cacciatore di taglie IG-11 del programma televisivo di Star Wars The Mandalorian, che viene riprogrammato, è qualcosa che i robot della vita reale possono vedere oggi. (Credito immagine: Lucasfilm)

Questo Web.com: Perché non ci sono praticamente robot nell'universo di "Star Trek", rispetto ai molti in "Star Wars"?

Murphy: Giusto, non ci sono robot nell'universo di " Star Trek ", tranne quelli come Data e i Borg. Penso che la visione originale del [creatore Gene] Roddenberry fosse molto umanistica. Sono le persone che sono brave e che possono fare cose buone, abbracciare il cambiamento, abbracciare nuove civiltà e nuovi mondi per rappresentare il meglio. Non c'erano molti battibecchi interni.

Questo Web.com: "Star Wars" ottiene un pass per il suo design di robot poco pratico e irrealistico, dal momento che dovrebbe essere ambientato in un passato immaginario?

Murphy: Ho inserito "Star Wars" nel migliore dei serial di film di serie B degli anni '30 e '40. Non sto cercando alcuna fedeltà in nulla di tecnico con questo. L'unica cosa che ci manca è "Flash Gordon" e l'imperatore Ming. Mi è piaciuto come in "The Mandalorian" e "The Book of Boba Fett", ora abbiamo i vermi della sabbia di Dune con il drago Krayt. "Star Wars" è un meraviglioso ritorno al passato, quindi le regole sono diverse.

I famosi droidi C-3P0 e R2-D2 dell'universo di Star Wars. (Credito immagine: Lucasfilm)

Ma è piuttosto difficile pensare a cosa stiano ottenendo in termini di cose tecniche. E non voglio che "Star Wars" sia un documentario sui robot, ma sicuramente non è come lo faresti. Prima di tutto, stanno inserendo i robot per quello che fanno le persone. Non funziona mai. Non è mai successo nella storia dell'automazione ed è davvero bizzarro. Abbiamo robot didattici, ma abbiamo R2-D2 che può capire il linguaggio umano ma non può generare il linguaggio umano, anche se in questo momento Siri può generare il linguaggio umano ma ha un sacco di tempo per comprendere il contesto. Quindi è l'esatto opposto. Oh, è divertente, e lo adoro, ma non c'è niente di giusto.

Guarda il drago Krayt. Abbiamo una città mineraria terrorizzata dai vermi della sabbia e stiamo facendo mining, ma non ci sono robot né automazione. Eppure è così che estraiamo ora! E, naturalmente, i passanti di pollo dell'Impero se c'è qualcosa a cui mi riferisco nell'universo di "Star Wars", è con gli Ewok. Ogni volta che vedo un AT-AT o un AT-ST, penso: "Dai, portamelo, tesoro. Posso sbarazzarmene molto velocemente".

Questo Web.com: sei in grado di guardare gli spettacoli di "Guerre stellari" senza il cappello del tuo professore addosso come puro intrattenimento o analizzi ogni servomotore fuori posto?

Murphy: Oh, diamine sì; è così meraviglioso. "The Mandalorian" era così buono. Ancora Baby Yoda! E IG-11 è totalmente irrealistico in quasi tutte le possibili dimensioni, ma che grande arco narrativo.

This Web.com: Se avessi le chiavi del regno di "Star Wars", cosa cambieresti nella rappresentazione dei robot? O non ha importanza per il pubblico?

Murphy: Non credo che sia importante per scopi di intrattenimento. Ma c'è una cosa che penso sia davvero incoerente che sarebbe interessante cercare di capire. In "The Mandalorian", il droide dall'aspetto insetto, Zero, dice a Mando che ha deciso di unirsi a una banda criminale. Come lo ha deciso? Come funziona? Perché C-3PO e R2-D2 erano di proprietà e hanno appena deciso che improvvisamente non sono più di proprietà delle persone. Quindi, hai tutto con IG-11. Minaccia costantemente di autodistruggersi, il che potrebbe potenzialmente uccidere o mutilare spettatori innocenti.

Quella sequenza di autodistruzione è codificata dai produttori per proteggere la loro proprietà intellettuale, ma sarebbero responsabili di tutti quei danni collaterali. Se guardassero in modo un po' più coerente alle regole su quando un droide può essere libero, quando può essere il suo stesso agente e chi lo ha costruito, ciò aiuterebbe. Quali sono le responsabilità legali ed etiche ad esse associate?

Una locandina del film Westworld, che raffigurava robot impazziti in un parco di divertimenti. (Credito immagine: MGM) Storie correlate

Benvenuti nel futuro: 11 idee che sono passate dalla fantascienza alla realtà

Il più bello di questo Webships nella fantascienza

Quattro modi in cui l'intelligenza artificiale ci sta aiutando a conoscere l'universo

This Web.com: Quali sono alcuni buoni esempi di dove Hollywood ha i robot, giusto?

Murphy: Adoro l'originale "Westworld" del 1973. Guarda quante persone ci sono volute per gestire quel parco e quei robot. Li riparano costantemente e ne hai un po' nella serie HBO "Westworld". C'è molto da aggiungere, inoltre, "OK, l'abbiamo programmato e basta".

This Web.com: Passando al futuro, in che modo pensi che i robot rappresentati nei film e in TV rifletteranno meglio il progresso attuale?

Murphy: Non ho idea di cosa mirino nei film. Mi sono piaciuti molto i primi tre film di "Terminator", e mi è piaciuto anche l'ultimo, "Terminator: Dark Fate". Allora devi tornare ai classici. Ho adorato " 2001: A This Web Odyssey " e puoi discutere se HAL sia o meno un robot. Sì. È in grado di agire e influenzare il cambiamento nel mondo. "The Day The Earth Stood Still" è ancora uno dei miei preferiti. Guardo cosa sta succedendo in Ucraina e penso, dov'è Gort quando hai bisogno di lui? E i replicanti in " Blade Runner ". Quindi penso che quello che vedremo di più nei film sono cose come "Il libro di Boba Fett", dove c'è una mandria di tre robot Boston Dynamics Spot. E in "Loki", c'era un robot di sicurezza che arrancava. E finalmente Fennec sta usando un drone. Anche i rover su Marte stanno trasportando droni ora!

Gort, il robot intimidatorio di The Day The Earth Stood Still. (Credito immagine: 20th Century Fox)

Stiamo totalmente ignorando i veicoli marini e le cose sott'acqua. Ma penso che le cose che vedremo in futuro saranno che i robot saranno più accurati come oggetti di scena. I robot come personaggi non funzionano molto bene, perché non sono equivalenti umani e non stiamo facendo molti progressi in quell'area. Puoi continuare a fare "Ex Machina" un grande film, ma non terribilmente realistico.

Dovremmo parlare di più sull'estrapolazione di questioni legali ed etiche con i robot. Vedete gruppi come l'Unione europea che vogliono fare i robot nel modo giusto e affermano che dobbiamo trattarli in modo etico. Ma stiamo perdendo completamente il segno dell'affidabilità di produzione. I droni sono fondamentalmente dei cacciatori di erbacce volanti. Che dire di tutte le auto a guida autonoma, incidenti e morti? Chiaramente, i metodi di prova sono disattivati. Uno degli aspetti negativi dei film di fantascienza incentrati su robot divertenti che sono più simili a quelli umani mina i veri problemi che dovremo affrontare nei prossimi anni.

Ir arriba