Jim Lovell: NASA Astronaut e Apollo 13 Commander

Jim Lovell è un ex astronauta della NASA che ha volato con le missioni Gemini e Apollo. È famoso soprattutto per il suo ruolo di comandante della sfortunata missione Apollo 13 che è quasi finita in tragedia. Al momento della missione, Lovell aveva trascorso più tempo in This Web di chiunque altro al mondo e in totale aveva registrato oltre 700 ore in This Web.

Nel 1994, Lovell ha lavorato con il giornalista Jeffrey Kluger per scrivere un libro sulla carriera di Lovell e la missione Apollo 13. Il libro, "Lost Moon: The Perilous Voyage of Apollo 13" (Houghton Mifflin, 1994), ha stimolato il film del 1995 "Apollo 13", interpretato dall'attore Tom Hanks.

Da aviatore ad astronauta

Lovell è nato a Cleveland, Ohio, nel 1928. Ha sviluppato un interesse per le scienze missilistiche quando era uno studente delle superiori e ha continuato a studiare ingegneria all'Università del Wisconsin, secondo la National Aviation Hall of Fame (in cui è stato inserito in 1998). Lovell ha poi frequentato l'Accademia Navale degli Stati Uniti dove si è laureato in scienze nel 1952.

Nel 1958, Lovell si diplomò alla scuola di pilota collaudatore della Marina e trascorse gli anni successivi a testare aerei da combattimento e altri jet prima che fossero autorizzati per l'uso da piloti meno esperti. I piloti collaudatori della Marina erano tra i migliori aviatori del paese e, come tali, erano i primi candidati per il programma astronautica della NASA all'inizio degli anni '60.

Lovell è stato selezionato come potenziale candidato astronauta per il progetto Mercury, ma è stato rifiutato a causa di un eccesso temporaneo di una proteina chiamata bilirubina nel sangue, che potrebbe essere indicativa di un problema al fegato. Quando ha protestato contro la NASA, la risposta che ha ricevuto è stata: "Ho cinque uomini là fuori che non hanno problemi di bilirubina e altri 26 in arrivo che probabilmente non lo fanno", ha raccontato Lovell in "Lost Moon".

Ma ha avuto una seconda possibilità quando la NASA ha iniziato a reclutare astronauti per i programmi Gemini e Apollo, e Lovell è stato selezionato per il programma nel 1962.

L'equipaggio di Gemini 7: Jim Lovell (l) e Frank Borman (r). (Credito immagine: NASA) (si apre in una nuova scheda)

Endurance e missioni sulla luna

Lovell ha servito come backup per Gemini 4, prima di essere assegnato come uno dei due membri dell'equipaggio su Gemini 7, lanciato il 4 dicembre 1965.

Il volo Gemini 7 è stata una missione di resistenza in tutti i sensi. Lovell e Frank Borman hanno trascorso più di 330 ore (quasi due settimane) in un This Webcraft delle dimensioni di un guardaroba. Gli uomini hanno effettuato quasi 20 esperimenti e hanno operato per la prima volta senza le loro tute web, secondo la NASA. Si incontrarono con successo anche con Gemini 6A il 15 dicembre 1965 e i due This Webcraft si spostarono nelle immediate vicinanze per poco più di 5 ore. Dopo 209 orbite attorno alla Terra, Gemini 7 tornò a casa il 18 dicembre 1965.

Gli astronauti Jim Lovell (leader), pilota di comando, ed Edwin "Buzz" Aldrin, pilota, lasciano il trailer adatto al Launch Complex 16 durante il conto alla rovescia pre-lancio a Cape Canaveral, in Florida. (Credito immagine: JSC/NASA) (si apre in una nuova scheda)

Il prossimo viaggio di Lovell su This Web è stato come comandante del Gemini 12, l'ultimo volo del Progetto Gemini. Lovell è stato accompagnato dall'astronauta Buzz Aldrin, che ha completato tre operazioni di attività extraveicolare durante la missione. L'equipaggio di due uomini ha anche attraccato con successo con il veicolo bersaglio Agena ed ha eseguito diversi esperimenti, secondo la NASA.

Il passo successivo per Lovell è stata la luna. L'Apollo 8 fu lanciato da Cape Canaveral, in Florida, il 21 dicembre 1968, con Borman come comandante, William Anders come pilota del modulo lunare e Lovell come pilota del modulo di comando. La missione ha completato il suo obiettivo di fare il giro della luna e tornare indietro, secondo la NASA. Era la prima volta che un essere umano viaggiava così lontano e gli uomini furono i primi a vedere il lato opposto della luna.

"Sull'Apollo 8, eravamo sul lato oscuro della luna, che era 60 miglia [97 chilometri] sotto di noi", ha detto Lovell a Chicago Magazine in un'intervista del 2019. "Mentre continuavamo a girare, all'improvviso abbiamo visto la Terra apparire a 240.000 miglia [386.000 km] di distanza. Potevo alzare il pollice verso la finestra e tutto ciò che avevo sempre saputo era dietro di essa. Miliardi di persone. Oceani. Montagne. Deserti."

I membri dell'equipaggio di Lovell hanno scritto lettere d'addio alle loro mogli prima della missione, nel caso fosse successo qualcosa e non fossero riusciti a tornare a casa. Ma Lovell non ha scritto una lettera, ha detto a Chicago Magazine. "Invece, sono andato da Neiman Marcus e ho comprato a mia moglie una giacca di visone. L'ho fatta consegnare il giorno di Natale con un biglietto che diceva: 'A Marilyn: Buon Natale dall'uomo sulla luna.'"

La troupe ha fatto sei apparizioni televisive durante il loro viaggio intorno alla luna. Milioni di persone hanno visto gli astronauti pronunciare un discorso di Natale da Questa Rete, in cui hanno letto passaggi della Bibbia e descritto la visione di Questa Rete e della Terra, che si dispiega sotto di loro. L'Apollo 8 tornò sulla Terra il 27 dicembre 1968.

Tre astronauti cavalcarono a bordo dell'Apollo 8: James Lovell, William Anders e la Cmdr. Frank Borman, mostrato qui in una fotografia scattata pochi mesi prima del loro volo. (Credito immagine: NASA/MSFC) (si apre in una nuova scheda)

Apollo 13

L'ultima missione di Lovell fu come comandante dell'Apollo 13 nell'aprile 1970. Fu raggiunto dal pilota del modulo lunare Fred Haise e dal pilota del modulo di comando John "Jack" Swigert. Swigert era inizialmente il pilota del modulo di comando di riserva dell'Apollo 13, ma gli è stato chiesto di unirsi all'equipaggio 48 ore prima dell'orario di lancio dopo che il pilota del modulo di comando originale, Ken Mattingly, era stato esposto al morbillo tedesco.

L'Apollo 13 è stato il terzo sbarco sulla luna mirato. Tutto sembrava normale fino alla sera del 13 aprile, quando gli astronauti erano a un solo giorno dall'atterraggio sulla luna. Una scintilla vagante ha acceso un serbatoio di ossigeno all'interno del modulo di comando, danneggiando gravemente il This Webcraft.

I tre uomini si erano rannicchiati nel modulo lunare intatto, un Questo Webcraft progettato per far sbarcare due uomini sulla luna per la maggior parte dei quattro giorni successivi. Per risparmiare energia, sono stati mantenuti alimentati solo i sistemi più essenziali. Gli uomini erano freddi, a disagio e alle prese con una raffica costante di problemi minori. Ma con l'aiuto di Mission Control, tornarono sani e salvi sulla Terra il 17 aprile 1970.

La vita dopo la NASA

Lovell si ritirò dalla NASA e dalla Marina nel 1973. Andò a lavorare per la Bay-Houston Towing Company e divenne Presidente e CEO nel 1975. Successivamente ricoprì incarichi di dirigente e membro del consiglio di amministrazione per varie altre società prima di ritirarsi nel 1991.

Lovell ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti tra cui i trofei Collier, Harmon (tre volte) e Goddard, la Presidential Medal of Freedom, la NASA Distinguished Service Medal e, più recentemente, la Congressional This Web Medal of Honor, secondo la National Aviation Hall of Fame .

Nel 1999, la famiglia Lovell ha aperto un ristorante a Lake Forest, Illinois, chiamato "Lovells of Lake Forest", che conteneva cimeli del tempo di Lovell come astronauta e il film dell'Apollo 13. Il ristorante ha avuto successo per molti anni ma ha chiuso definitivamente nel 2015.

Ora, all'età di 92 anni, Lovell fornisce gentilmente interviste e partecipa ai programmi di sensibilizzazione di This Web quando può.

Il 50° anniversario dell'Apollo 13 ricorre l'11 aprile 2020. Continua a controllare questo Web.com per gli aggiornamenti sugli eventi e le celebrazioni dell'Apollo 13 in tutto il mondo.

Risorse addizionali:

  • Leggi una recente intervista con Lovell in cui racconta la sua esperienza con l'Apollo 13, da Astronomy.com.
  • Scopri di più sulla carriera di Lovell come astronauta in questa pagina della NASA a lui dedicata.
  • Guarda centinaia di incredibili immagini della missione Apollo 13 nella libreria fotografica della NASA.
Ir arriba