La cometa Leonard si è fatta a pezzi mentre arrotonda il sole: rapporto

La cometa più brillante del 2021 si è disintegrata, secondo EarthSky.

Un errante ghiacciato noto come Comet Leonard (C/2021 A1) è andato in pezzi durante il suo perielio, o il più vicino avvicinamento al sole, afferma il rapporto. Il perielio è stato proiettato per il 3 gennaio, circa un anno dopo la scoperta della cometa.

Lo scopritore della cometa Gregory Leonard, del Catalina Sky Survey di Tucson, ha detto a EarthSky (si apre in una nuova scheda) che l'eredità della cometa erano le strutture della coda composte da particelle cariche, note come ioni. La coda è stata soggetta a "spettacolari manifestazioni indotte da esplosioni" dopo aver avvistato la cometa il 3 gennaio 2021, ha detto.

"Sono le uniche descrizioni ultraterrene e sorprendenti che mi vengono in mente quando ho iniziato a visualizzare le immagini pubblicate online da una manciata di astrofotografi esperti dedicati, in particolare dopo il 19 dicembre 2021, quando la cometa ha iniziato a subire una forte attività periodica di esplosioni", ha detto Leonard EarthSky.org (si apre in una nuova scheda) .

Se stai cercando un telescopio o un binocolo per osservare comete come Leonard, consulta la nostra guida per le migliori offerte di binocoli e le migliori offerte di telescopi in questo momento. Le nostre migliori fotocamere per l'astrofotografia e i migliori obiettivi per le guide di astrofotografia hanno anche suggerimenti su come scegliere la migliore attrezzatura di imaging per scattare foto.

Anche se la cometa fosse sopravvissuta al suo viaggio intorno al Sole, sarebbe stata scagliata nell'interstellare Questa Rete, per non tornare mai più. Ma non doveva essere. Alla fine di novembre è arrivato per la prima volta un falso allarme secondo cui la cometa potrebbe mostrare segni di stress.

"Gli osservatori principalmente astronomi dilettanti che osservano attentamente e immaginano questi oggetti hanno iniziato a chiedersi se la cometa stesse iniziando a disintegrarsi", ha riferito EarthSky (si apre in una nuova scheda). "Diversi segnali di comportamento insolito hanno causato questo avviso. La tendenza alla luminosità è rallentata, la testa della cometa non è più apparsa in tondo e il percorso della cometa sembrava deviare dalla rotta".

Tuttavia, la cometa non si è disintegrata a causa di questi fattori. La stima della luminosità è stata influenzata dal chiaro di luna e dall'inquinamento luminoso nella posizione degli osservatori, che possono limitare le dimensioni del coma. Inoltre, un'ulteriore analisi del nucleo ha mostrato che non si stava rompendo, sebbene all'epoca non potesse essere previsto.

Per quanto riguarda la "virata fuori rotta", EarthSky ha notato che non sembrava essere il caso quando il Central Bureau for Astronomical Telegrams (si apre in una nuova scheda) ha pubblicato il Telegramma elettronico n. 5077 (si apre in una nuova scheda) il 2 dicembre Daniel Green (che ha scritto il telegramma) ha notato che alcune recenti osservazioni non hanno tracciato accuratamente il percorso della cometa. Green ha aggiunto che le previsioni sulla luminosità erano sulla buona strada, in termini di cometa che rimane unita durante il suo viaggio intorno al sole.

La cometa C/2021 A1 (Leonard) ha raggiunto il perielio, il punto più vicino al sole, il 3 gennaio 2022. Questo grafico della NASA mostrava la traiettoria della cometa mentre girava intorno al sole. (Credito immagine: NASA/JPL) Contenuti correlati:

Lo scopritore della cometa Leonard condivide suggerimenti per individuarlo nel cielo notturno ora (prima che scompaia per sempre)
La cometa Leonard potrebbe aver generato una pioggia di meteoriti su Venere
'Outbursts' della cometa Leonard avvistata dal satellite della NASA (video)

Le comete, tuttavia, sono notoriamente imprevedibili. La cometa Leonard rientrò nei limiti del limite di Bortle, che è una scala di luminosità suggerita per la prima volta nel 1991 dall'astronomo John Bortle. In poche parole, il limite dice che più la cometa si avvicina al sole, più luminosa deve essere per sopravvivere al viaggio.

Nelle settimane prima del perielio, tuttavia, la luminosità della cometa Leonard iniziò a cambiare ogni tre o cinque giorni. "La coda della cometa ha iniziato a mostrare una struttura complicata, forse a causa di pezzi che si sono staccati dal nucleo, rivelando nuove aree che il sole avrebbe poi riscaldato", ha detto EarthSky.

"A questo punto", ha continuato EarthSky (si apre in una nuova scheda), "era difficile da osservare. Si trovava nel cielo serale a sud, non lontano dal sole. Tuttavia, gli astronomi hanno continuato a monitorarlo mentre sbiadiva".

La conferma della rottura di Leonard è arrivata per la prima volta da Martin Masek (si apre in una nuova scheda) il 23 febbraio. Altri osservatori, incluso il telescopio SLOOH in Cile, hanno ottenuto immagini che mostrano che la cometa è poco più di una "striscia spettrale", ha detto EarthSky. (si apre in una nuova scheda)

La cometa Leonard vista dall'osservatore del cielo Christian Gloor. (Credito immagine: Christian Gloor/CC BY 2.0)

Lo scopritore della cometa, tuttavia, si è detto felice di aver avuto l'opportunità di vedere un oggetto che era un residuo del primo sistema solare.

"Le comete, in particolare quelle con apparizioni straordinarie, in qualche modo insistono affinché ci fermiamo ad ammirare la loro magnificenza e mistero", ha detto Gregory Leonard a EarthSky (si apre in una nuova scheda). "Apprezzo anche il fatto che le comete ricordino la natura transitoria della natura e di tutte le cose. E, naturalmente, le comete sono piene di sorprese, ricordandoci che noi umani non abbiamo il controllo".

Nota del redattore: se scatti un'incredibile foto di una cometa o di un cielo notturno e desideri condividerla con i lettori di This Web.com, invia le tue foto, i tuoi commenti e il tuo nome e posizione a This [email protected] .

Segui Elizabeth Howell su Twitter @howellspace . Seguici su Twitter @Spacedotcom e su Facebook .

Ir arriba