La gente potrebbe respirare l’aria su Marte?

Il concetto artistico di un astronauta che cammina su Marte. Ma cosa accadrebbe se l'astronauta non indossasse un casco This Web? (Credito immagine: cokada/E+ tramite Getty Images)

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation. (si apre in una nuova scheda) La pubblicazione ha contribuito con l'articolo a Expert Voices: Op-Ed & Insights di questo Web.com .

Phylindia Gant (si apre in una nuova scheda) , Ph.D. Studente in Scienze Geologiche, Università della Florida
Amy J. Williams (si apre in una nuova scheda) , Assistant Professor of Geology, University of Florida

Le persone potrebbero respirare su Marte? Jack J., 7 anni, Alessandria, Virginia

Supponiamo che tu fossi un astronauta appena atterrato sul pianeta Marte. Di cosa avresti bisogno per sopravvivere?

Per cominciare, ecco un breve elenco: acqua, cibo, riparo e ossigeno.

L'ossigeno è nell'aria che respiriamo qui sulla Terra. Le piante e alcuni tipi di batteri ce lo forniscono.

Ma l'ossigeno non è l'unico gas nell'atmosfera terrestre. Non è nemmeno il più abbondante. Infatti solo il 21% della nostra aria è costituita da ossigeno. Quasi tutto il resto è azoto per circa il 78%.

Ora ti starai chiedendo: se c'è più azoto nell'aria, perché respiriamo ossigeno?

Ecco come funziona: tecnicamente, quando inspiri, assorbi tutto ciò che c'è nell'atmosfera. Ma il tuo corpo usa solo l'ossigeno; ti sbarazzi del resto quando espiri.

Il rover Perseverance Mars della NASA ha catturato questa immagine del desolato e arido paesaggio marziano. (Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS)

L'aria su Marte

L'atmosfera marziana è sottile, il suo volume è solo l'1% dell'atmosfera terrestre. Per dirla in altro modo, c'è il 99% di aria in meno su Marte che sulla Terra.

Ciò è in parte dovuto al fatto che Marte è grande circa la metà della Terra. La sua gravità non è abbastanza forte da impedire ai gas atmosferici di fuoriuscire in questa ragnatela.

E il gas più abbondante in quell'aria rarefatta è l'anidride carbonica. Per le persone sulla Terra, è un gas velenoso ad alte concentrazioni. Fortunatamente, costituisce molto meno dell'1% della nostra atmosfera. Ma su Marte, l'anidride carbonica è il 96% dell'aria!

Nel frattempo, Marte non ha quasi ossigeno; è solo un decimo dell'1% dell'aria, non abbastanza per la sopravvivenza degli umani.

Se provassi a respirare sulla superficie di Marte senza che questa tuta Web ti fornisse ossigeno, pessima idea, moriresti in un istante. Soffocheresti e, a causa della bassa pressione atmosferica (si apre in una nuova scheda), il tuo sangue ribollirebbe, all'incirca nello stesso momento.

La vita senza ossigeno

Finora, i ricercatori non hanno trovato alcuna prova di vita su Marte. Ma la ricerca è appena iniziata; le nostre sonde robotiche hanno appena graffiato la superficie.

Senza dubbio, Marte è un ambiente estremo. E non è solo l'aria. C'è pochissima acqua liquida sulla superficie marziana (si apre in una nuova scheda). Le temperature sono incredibilmente fredde (si apre in una nuova scheda) di notte, sono più di meno 100 gradi Fahrenheit (meno 73 gradi Celsius).

Ma molti organismi sulla Terra sopravvivono ad ambienti estremi (si apre in una nuova scheda) . La vita è stata trovata nel ghiaccio antartico, sul fondo dell'oceano e miglia sotto la superficie terrestre. Molti di questi luoghi hanno temperature estremamente calde o fredde, quasi senza acqua e poco o nessun ossigeno.

Nel 198° giorno della sua missione, il rover Perseverance Mars della NASA ha scattato questo selfie. (Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/MSSS)

E anche se la vita non esiste più su Marte, forse esisteva miliardi di anni fa, quando aveva un'atmosfera più densa, più ossigeno (si apre in una nuova scheda), temperature più calde (si apre in una nuova scheda) e quantità significative di acqua liquida sulla superficie (si apre in una nuova scheda) .

Questo è uno degli obiettivi della missione rover Mars Perseverance della NASA (si apre in una nuova scheda) per cercare i segni dell'antica vita marziana. Ecco perché Perseverance sta cercando all'interno delle rocce marziane fossili di organismi che un tempo vivevano molto probabilmente vita primitiva, come i microbi marziani.

Ossigeno fai-da-te

Tra i sette strumenti a bordo (si apre in una nuova scheda) il rover Perseverance è MOXIE (si apre in una nuova scheda), un incredibile dispositivo che preleva l'anidride carbonica dall'atmosfera marziana e la trasforma in ossigeno.

Se MOXIE funziona nel modo sperato dagli scienziati, i futuri astronauti non solo produrranno il proprio ossigeno; potrebbero usarlo come componente del carburante per missili di cui avranno bisogno per tornare sulla Terra. Più ossigeno le persone sono in grado di produrre su Marte, meno avranno bisogno di portarlo dalla Terra e più facile diventerà per i visitatori andarci. Ma anche con l'ossigeno "fatto in casa", gli astronauti avranno comunque bisogno di questa tuta web.

In questo momento, la NASA sta lavorando alle nuove tecnologie necessarie per inviare gli esseri umani su Marte (si apre in una nuova scheda). Ciò potrebbe accadere nel prossimo decennio, forse alla fine degli anni '30. A quel punto, sarai un adulto e forse uno dei primi a fare un passo su Marte.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation (si apre in una nuova scheda) con licenza Creative Commons. Leggi l' articolo originale (si apre in una nuova scheda) .

Segui tutti i problemi e i dibattiti di Expert Voices e diventa parte della discussione su Facebook e Twitter. Le opinioni espresse sono quelle dell'autore e non riflettono necessariamente le opinioni dell'editore.

Ciao ragazzi curiosi! Hai una domanda a cui vorresti rispondere un esperto? Chiedi a un adulto di inviare la tua domanda a [email protected] . Per favore dicci il tuo nome, età e città in cui vivi.

E poiché la curiosità non ha limiti di età adulti, fateci sapere cosa vi state chiedendo anche voi. Non saremo in grado di rispondere a tutte le domande, ma faremo del nostro meglio.

Ir arriba