La NASA vuole distruggere un webcraft in un asteroide, ma non preoccuparti. La Terra non è a rischio.

Ora puoi vedere cosa vide Neil Armstrong quando fece atterrare il modulo lunare dell'Apollo 11, noto come l'Aquila, sulla superficie della luna il 20 luglio 1969.

La nuova vista arriva per gentile concessione del Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA, che dal 2009 gira intorno al vicino più vicino della Terra.

"La maggior parte delle persone ha familiarità con il film in 16 mm dell'atterraggio dell'Apollo 11 ", ha affermato Mark Robinson dell'Arizona State University, leader della Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC) dell'LRO.

"Tuttavia, quel punto di vista guardava fuori dalla finestra giusta, mancando del tutto i rischi che Armstrong vedeva mentre l'Aquila si avvicinava alla superficie", ha aggiunto Robinson. "Il team LROC ha simulato ciò che Armstrong ha visto fuori dalla sua finestra".

Più copertura:

  • Rivivi la missione di sbarco sulla Luna dell'Apollo 11 in tempo reale
  • Giveaway Apollo 11 Moon Landing con programma di simulazione e Celestron!
  • Apollo 11 a 50: una guida completa allo storico sbarco sulla luna

Registrazione visiva

Una vista simulata di ciò che Neil Armstrong dell'Apollo 11 vide mentre il modulo lunare Eagle si avvicinava al punto di mira sul fianco nord-est del cratere ovest largo 620 piedi (190 metri). La strana forma dell'area dell'immagine è dovuta alle piccole finestre nell'Aquila. Il nord è a destra. (Credito immagine: NAC M131494509L/NASA/GSFC/Arizona State University)

"L'unica registrazione visiva dello storico atterraggio dell'Apollo 11 proviene da una cinepresa time-lapse da 16 mm (6 fotogrammi al secondo) montata nella finestra di Buzz Aldrins (lato destro del modulo lunare Eagle o LM)", hanno scritto i membri del team LROC in una descrizione del nuovo video di martedì (16 luglio). "A causa delle piccole dimensioni delle finestre del LM e dell'angolo con cui è stata montata la cinepresa, ciò che il comandante della missione Neil Armstrong ha visto mentre volava e atterrava con il LM non è stato registrato".

Il team LROC ha ricostruito gli ultimi tre minuti della traiettoria di atterraggio dell'Aquila.

"Da queste informazioni sulla traiettoria e dalle immagini e dalla topografia LROC NAC [Narrow Angle Camera] ad alta risoluzione, abbiamo simulato ciò che Armstrong ha visto in quegli ultimi minuti mentre guidava il LM sulla superficie della luna", hanno scritto i membri del team.

Il video inizia quando Armstrong ha potuto vedere che il suo punto di mira automatizzato si trovava sul fianco roccioso nord-orientale del cratere occidentale largo 620 piedi (190 metri). Non era un ottimo punto di atterraggio, quindi l'astronauta ha preso il controllo manuale e ha volato orizzontalmente, alla ricerca di un posto più sicuro dove atterrare.

"All'epoca, solo Armstrong vedeva il pericolo; era troppo impegnato a pilotare il LM per discutere della situazione con il controllo della missione", hanno scritto i membri del team LROC.

Per realizzare il nuovo video, il team LROC ha utilizzato una versione sincronizzata nel tempo del film originale da 16 mm e il sito web I primi uomini sulla luna , che sincronizza la trasmissione della voce aria-terra con il film originale da 16 mm.

Potete vedere il nuovo video sul sito LROC .

"Assicurati e controlla le tre versioni alternative del video pubblicate in fondo all'immagine in primo piano", ha detto Robinson, "in particolare la versione per due astronauti: 'What Armstrong e Aldrin Saw: Simulation vs. Original Film.'"

  • Gli sbarchi sulla Luna dell'Apollo: come hanno funzionato (infografica)
  • Come ha funzionato lo sbarco sulla Luna dell'Apollo 11 (infografica)
  • Gli astronauti dell'Apollo Moonwalking della NASA: dove sono adesso?

Leonard David è l'autore del libro di recente pubblicazione, " Moon Rush: The New This Web Race (opens in new tab) " pubblicato da National Geographic nel maggio 2019. Scrittore di lunga data per This Web.com, David ha riferito di questo Industria del Web da più di cinque decenni. Seguici su Twitter @ Spacedotcom o Facebook .

Ir arriba