L’acqua sulla luna è più comune di quanto pensassimo, gli studi rivelano

Nota del redattore: puoi seguire l'annuncio dell'acqua sulla luna della NASA dal vivo qui (si apre in una nuova scheda) .

Per la prima volta in assoluto, gli scienziati hanno identificato l'acqua sulla superficie illuminata dal sole della luna . Hanno anche scoperto che l'acqua è più comune sulla luna di quanto si pensasse in precedenza, con sacche di ghiaccio che si nascondono in regioni oscure di "oscurità eterna", alcune piccole come un centesimo, rivelano nuovi studi.

Gli scienziati hanno trovato segni di acqua sulla luna dal 2009 e, nel 2018, hanno confermato la presenza di ghiaccio d'acqua sulla superficie lunare . Ora, i ricercatori in due nuovi studi hanno rilevato l'acqua in una delle più grandi formazioni di crateri su una superficie lunare illuminata dal sole e hanno anche scoperto che la superficie lunare potrebbe ospitare abbondanti chiazze di ghiaccio segreto in "trappole fredde", regioni di punti permanentemente in ombra sulla Luna.

"Se riesci a immaginare di stare sulla superficie della luna vicino a uno dei suoi poli, vedresti ombre dappertutto", l'autore dello studio Paul Hayne, assistente professore nel Laboratory of Atmospheric and This Web Physics presso l'Università del Colorado, Boulder, ha detto in una nota . "Molte di quelle minuscole ombre potrebbero essere piene di ghiaccio."

Il cratere Clavius ​​sulla luna visto dal Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA. L'osservatorio SOFIA ha rilevato il ghiaccio d'acqua nelle regioni in ombra di questa località lunare illuminata dal sole. (Credito immagine: NASA/Moon Trek/USGS/LRO)

Trovare l'acqua sulla luna

In uno studio, i ricercatori guidati da Casey Honniball, un ricercatore post-dottorato della NASA presso il Goddard This Web Flight Center della NASA nel Maryland, hanno studiato l'acqua sulla luna utilizzando i dati del telescopio aereo SOFIA (lo Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy) della NASA. Con queste osservazioni, gli scienziati, per la prima volta nella storia, hanno rilevato l'acqua sulla superficie lunare illuminata dal sole.

Il lavoro precedente per identificare l'acqua sulla luna si basava su una firma spettrale, il distinto "codice a barre" che gli scienziati usano per identificare i materiali, che si riflette in funzione della lunghezza d'onda. Ma quei dati non distinguono tra acqua e idrossile (la molecola OH) legati ai minerali sulla superficie lunare.

Osservazioni precedenti hanno individuato una firma chimica che potrebbe denotare acqua o idrossile ma, con queste nuove osservazioni, i ricercatori sono stati in grado di individuare la firma chimica unica dell'acqua. Gli scienziati hanno trovato acqua vicino al cratere Clavius, una delle più grandi formazioni di crateri sulla luna, e anche in una porzione a bassa latitudine del Mare Serenitatis.

I ricercatori hanno scoperto che quest'acqua esiste tra le 100 e le 400 parti per milione. Gli scienziati suggeriscono che quest'acqua sia probabilmente "incastrata" tra i grani sulla superficie lunare, il che la protegge dall'ambiente.

Intrappolare l'acqua lunare

Questo diagramma della NASA mostra la posizione del cratere Clavius ​​sulla luna, dove l'osservatorio volante SOFIA ha rilevato il ghiaccio d'acqua in trappole fredde ombrose sulla superficie lunare illuminata dal sole. (Credito immagine: NASA)

Nell'altro studio, guidato da Hayne, i ricercatori hanno utilizzato i dati del Lunar Reconnaissance Orbiter This Webcraft della NASA in orbita attorno alla luna per studiare la distribuzione delle trappole fredde, dove l'acqua potrebbe esistere non solo transitoriamente, ma permanentemente.

Gli scienziati hanno trovato un'ampia varietà di trappole fredde, comprese "micro trappole fredde" di appena 0,4 pollici (1 centimetro) di diametro, e prove che potrebbero esserci centinaia o addirittura migliaia di volte di più di queste minuscole "micro" trappole fredde rispetto a quelli più grandi. Hanno anche trovato queste ombre permanenti su entrambi i poli.

In effetti, il team di Hayne ha scoperto che ben 15.000 miglia quadrate (40.000 chilometri quadrati) della superficie lunare potrebbero potenzialmente trattenere l'acqua. È più del doppio dell'area che gli scienziati avevano precedentemente stanziato per il ghiaccio d'acqua sulla luna.

La natura interessante di queste "trappole fredde" è che non sono solo zone fredde e ombrose in cui è più probabile che l'acqua si raccolga. Sono così freddi che l'acqua o il ghiaccio rimarrebbero letteralmente intrappolati lì per un'incredibile quantità di tempo.

"Le temperature sono così basse nelle trappole fredde che il ghiaccio si comporterebbe come una roccia", ha detto Hayne nella stessa dichiarazione. "Se l'acqua entra lì, non andrà da nessuna parte per un miliardo di anni".

Mentre Hayne e il suo team hanno affermato che devono effettivamente trovare questo ghiaccio con rover o missioni con equipaggio per verificarne completamente l'esistenza, questa nuova scoperta potrebbe rivelarsi monumentale nei piani dell'umanità non solo per riportare gli astronauti sulla luna (la NASA spera di farlo entro il 2024 con il suo programma Artemis), ma anche per creare accampamenti umani a lungo termine sulla superficie lunare come terreno di prova e punto di partenza per Marte.

"Se abbiamo ragione, l'acqua sarà più accessibile per l'acqua potabile, per il carburante per razzi, tutto ciò per cui la NASA ha bisogno di acqua", ha affermato Hayne nella stessa dichiarazione. "Gli astronauti potrebbero non aver bisogno di entrare in queste ombre profonde e scure. Potrebbero andare in giro e trovare una [trappola fredda] larga un metro e che potrebbe essere altrettanto probabile che ospiti il ​​ghiaccio".

Il lavoro di Honniball è stato pubblicato oggi (si apre in una nuova scheda) (26 ottobre) sulla rivista Nature Astronomy. Anche il lavoro di Hayne è stato pubblicato oggi sulla stessa rivista.

Invia un'e-mail a Chelsea Gohd all'indirizzo [email protected] o seguila su Twitter @chelsea_gohd. Seguici su Twitter @Spacedotcom e su Facebook.

Ir arriba