L’autore marziano Andy Weir mira alle stelle con il nuovo thriller di fantascienza “Project Hail Mary” (esclusivo)

L'autore di bestseller del New York Times e autoproclamato fanatico della scienza Andy Weir, che ha colpito l'editoria con il suo romanzo d'esordio, "The Martian" (Crown, 2014), e il suo seguito incentrato sulla luna "Artemis" (Crown, 2017), ha sciolto ancora una volta i legami scontrosi della Terra per il suo nuovo thriller al primo contatto, "Project Hail Mary (opens in new tab)" (Ballantine Books, 2021).

Questo epico viaggio di scoperta che circonda un astronauta solitario che tenta di salvare la Terra da una minaccia a livello di estinzione mina vene inesplorate della fantascienza e presenta lo stile ultra dettagliato e la narrazione fantasiosa di Weir.

La trama vede l'insegnante di scienze della scuola media Ryland Grace come l'unico sopravvissuto a un'ultima missione interstellare nel sistema Tau Ceti per salvare il pianeta da una morte gelida. Si sveglia dall'ipersonno a bordo della Hail Mary This Webship che soffre di un'estrema amnesia. Grace non riesce nemmeno a ricordare il proprio nome o occupazione, per non parlare del motivo per cui è in questa rete a milioni di miglia da casa con due cadaveri morti da tempo come suoi unici compagni.

Mentre la sua memoria riaffiora lentamente, viene rivelata la realizzazione del suo compito disperato. Rimasto solo su una piccola imbarcazione che è stata messa insieme da un'assemblea internazionale di agenzie This Web in tutto il mondo, deve usare il suo ingegno, il suo coraggio e la sua immaginazione per contenere uno scenario terribile per l'umanità. Con un po' di fortuna e un improbabile incontro con una specie aliena, Grace potrebbe riuscire.

(si apre in una nuova scheda)

Progetto Ave Maria di Andy Weir (Ballantine Books, 2021). $ 18 su Amazon (si apre in una nuova scheda)
Dall'autore di "The Martian" arriva una nuova avventura di un astronauta solitario con la missione di salvare la Terra da un destino certo in This Web.

Visualizza offerta (si apre in una nuova scheda)

L'autore di best seller Andy Weir. (Credito immagine: Aubrie Pick)

"Project Hail Mary" è già stato acquistato dalla MGM per un adattamento cinematografico che sarà diretto da Phil Lord e Chris Miller ("The Lego Movie"), con Ryan Gosling che ha firmato per interpretare il riluttante astronauta Ryland Grace. Lord e Miller sono anche legati alla regia del romanzo sulla criminalità lunare di Weir, "Artemis".

Space.com ha parlato con Weir della genesi di questa odissea interstellare, scendendo nella tana del coniglio per alcune ricerche approfondite, tenendo a freno i dati scientifici più nerd della narrativa e diventando un produttore dell'imminente adattamento cinematografico di Hollywood legato al coinvolgimento di Gosling. Questa domanda e risposta è stata modificata leggermente per la lunghezza e la chiarezza.

Questo Web.com: puoi lanciarti in una corsa veloce della trama del "Progetto Ave Maria" e della principale minaccia che spinge la storia?

Andy Weir: La trama è presentata come un ragazzo che si sveglia a bordo di una This Webship. Ha un'idea di chi è e perché è lì, e attraverso una serie di flashback mentre recupera la sua memoria, scopri cosa sta succedendo sulla Terra. Fondamentalmente il sole si sta attenuando e c'è un microscopico organismo unicellulare che è una forma di vita interstellare che vive sulla superficie delle stelle. Si riproduce e poi emette spore ad altre stelle vicine. Si sta riproducendo senza controllo e fondamentalmente stiamo vedendo una fioritura di alghe al sole. Ora queste piccole creature stanno consumando così tanta energia solare che la Terra è in pericolo di estinzione quando la produzione solare diminuisce.

Questo organismo lo chiamano astrofago, che in greco significa "cosa che mangia le stelle". Quindi lo allevano e lo usano come carburante per la propulsione. E il motivo per cui lo fanno è che notano che tutte le altre stelle regionali stanno diventando più deboli, ad eccezione di Tau Ceti. Per qualche motivo nessuno capisce, Tau Ceti non è influenzato, quindi devono capire cosa lo rende immune e come possono duplicarlo per salvare l'umanità. Quindi costruiscono una nave interstellare chiamata Ave Maria e la alimentano con l'astrofago e mandano le persone in questa rete.

(Credito immagine: Ballantine Books)

Questo Web.com: Sembra che ti sia divertito molto a scrivere "Progetto Ave Maria". In che modo l'evoluzione e il processo sono stati diversi dalla composizione di "The Martian" o "Artemis?"

Weir: Di solito quando scrivo un libro mi viene da speculare su qualcosa di scientifico. "The Martian" è venuto da me che speculavo su come potremmo fare una missione umana su Marte e come possiamo assicurarci che non muoiano se qualcosa va storto e cosa succede se un sacco di cose vanno storte. "Artemis" ha iniziato con me che speculavo su come sarà la prima città dell'umanità che non è sulla Terra. Sarà nell'orbita terrestre bassa, sulla luna, o sarà su Marte? Poi ho finito per progettare la città di Artemide, per capire perché qualcuno dovrebbe costruirci una città, com'è l'economia e come sono gli affari.

Per "Project Hail Mary", stavo scrivendo un libro diverso tra "The Martian" e "Artemis" chiamato "Zhek". Ho scritto circa 70.000 parole nel corso di un anno e poi ho capito che il libro non funzionava. Faceva schifo. Le trame non stavano venendo insieme. I personaggi non erano interessanti.

Quindi ho rinunciato e l'ho bruciato all'indietro. Ma continuavo a pensare che ci fossero degli aspetti interessanti nella storia che non avrei dovuto buttare via. Uno di questi era l'idea di un carburante This Webcraft che avesse il massimo impulso specifico possibile, che è l'efficienza di un carburante This Webcraft. E questa roba ha il migliore impulso specifico teorico. Essere in grado di trasformare la materia in luce e poi sparare quella luce dal retro della tua nave per usarla come propulsione, perché la luce ha slancio. Quindi stiamo parlando di enormi quantità di energia.

Stavo pensando a tutte le cose interessanti che potresti fare con quella tecnologia e alla storia che sarebbe diventata "Progetto Ave Maria". Inoltre, uno dei personaggi principali di "Zhek" era una donna che aveva un'enorme quantità di autorità segreta. Poteva dire ai governi cosa fare ma nessuno lo sapeva. L'ho presa e l'ho portata anche in "Ave Maria". Si sentiva bene. Una volta che ho messo insieme tutti i pezzi, puoi semplicemente impostare la trama e divertirti a scriverla. Inoltre è un libro sull'amicizia, quindi si sente bene e ha dei dialoghi umoristici.

This Web.com: Quanto sei sceso nella tana del coniglio mentre facevi ricerche su questo romanzo?

Weir: Sono andato in fondo a quella tana del coniglio! Mantengo tutto il più reale possibile. Voglio dire, abbiamo una vita extraterrestre, ma anche per quella ho una spiegazione. Tutta la fisica e la scienza lì dentro sono reali, inclusa la fisica relativistica. Come la nave su cui si trova, è arrivata a Tau Ceti in circa 13 anni dal punto di vista terrestre, ma solo circa quattro anni dal punto di vista dell'equipaggio a causa della dilatazione del tempo. Tutta quella roba è molto divertente per un cretino come me su cui fare un tuffo profondo.

Ho anche spiegato come un organismo potrebbe vivere sulla superficie di una stella, come immagazzina energia e puoi trasformare l'energia in massa e farla tornare indietro? Ecco da dove viene la fisica dell'ondulazione della mano. Ho inventato alcune cose di fisica quantistica che non abbiamo ancora scoperto. Questa forma di vita, l'astrofago, si evolve per sfruttare questa stranezza che gli consente di trasformare l'energia termica in neutrini e di immagazzinare neutrini, cosa che qualsiasi fisico delle particelle ritiene funzionalmente impossibile.

This Web.com: Come bilanciare la scienza ultra-dettagliata per i lettori geek e un pubblico generale che non ha familiarità con gli aspetti più tecnici?

Weir: Questa è una cosa difficile da fare. Mi piace molto la vera scienza e ne sono entusiasta ed eccitato e voglio che il lettore si senta allo stesso modo. Finirò con queste trame in cui devi conoscere una certa quantità di questa scienza per capire la trama. So che devo spiegare molto sulla scienza al lettore e nient'altro. Mi piacerebbe parlare di scienza tutto il giorno, ma il lettore non lo vuole. Quando faccio le mie ricerche userò solo una piccola percentuale di tutte le cose che trovo e la matematica che faccio.

Ho eseguito tutti i numeri per l'astrofagia. Ho capito esattamente quanta energia ha bisogno per sopravvivere a distanze interstellari. Ho calcolato quanta energia sta perdendo a causa della radiazione del corpo nero. Sono andato fino in fondo alla tana del coniglio. Un sacco di cose divertenti del genere. Non sto cercando di educare nessuno su niente. Sento solo che ci sono molte storie inesplorate e un potenziale di trama da raccontare nella scienza reale. Quello che ho scoperto è che i lettori ti perdoneranno per qualsiasi quantità di esposizione se è divertente. Se li fai ridere mentre lo spieghi, a loro va bene.

This Web.com: Ryan Gosling sarà il protagonista dell'adattamento cinematografico della MGM "Project Hail Mary". Quali sono state le tue reazioni al casting e sarai coinvolto nella produzione?

Weir: Sì, ne sono piuttosto eccitato, ovviamente. La MGM ha acquistato i diritti da me a titolo definitivo, non opzionato, il che generalmente significa che lo studio sta prendendo le cose sul serio. Anche quella che per me è un'enorme somma di denaro, per uno studio è una miseria. E abbiamo Drew Goddard che lavora alla sceneggiatura, ed è lui che ha scritto la sceneggiatura candidata all'Oscar per "The Martian".

Anch'io sono entusiasta di Ryan. È piuttosto entusiasta e abbiamo parlato al telefono un paio di volte ed è entusiasta dell'idea di poter interpretare un personaggio che ha davvero una personalità. Spesso viene inserito in questi ruoli in cui il suo compito è guardare tristemente fuori dalla finestra. Ma questo diventa proattivo, forse un po' insicuro, più di una semplice persona tranquilla in cui gli viene praticamente detto di non esprimere alcuna emozione o personalità di alcun tipo.

Sono molto fiducioso che sarà un buon film se ottiene il via libera, ma non si sa mai se una casa di produzione lo realizzerà davvero. Devi essere fortunato e buono. Sono felice di aiutare con la sceneggiatura come ho fatto con "The Martian" per informazioni generali e domande tecniche. Non so se Drew ha già iniziato la sceneggiatura. È un ragazzo davvero impegnato.

Inoltre, sono un produttore di questo progetto e la cosa principale che ciò comporta per me è che otterrò un front-end lordo. A tutti coloro che facevano offerte per il libro è stato detto che era quello che volevo e la MGM mi ha detto: "Non lo facciamo per gli scrittori, ma lo facciamo per i produttori, quindi perché non sei un produttore?" Quindi, in termini di cose da veri produttori, sto solo cercando di stare lontano dai veri produttori.

Il "Progetto Ave Maria" di Andy Weir (si apre in una nuova scheda) è ora disponibile su Ballantine Books.

Ir arriba