Le prime 10 fonti di raggi gamma della NASA nell’universo

Il minuscolo CAPSTONE della NASA Questo Webcraft ha iniziato il suo lungo viaggio storico sulla luna.

Il cubesat da 55 libbre (25 chilogrammi) è stato lanciato oggi (28 giugno) in cima a un booster Rocket Lab Electron, che è decollato dal Launch Complex 1 dell'azienda nella penisola di Mhia in Nuova Zelanda alle 5:55 EDT (0955 GMT; 9: 55 pm ora locale in Nuova Zelanda).

"Il lancio è stato assolutamente fantastico", ha affermato Bradley Smith, direttore del Launch Services Office della NASA, che era a disposizione per il colpo di luna notturno.

CAPSTONE è diretto sulla luna , dove testerà la stabilità dell'orbita che la NASA prevede di utilizzare per il suo avamposto Gateway This Web. Ma ci vorrà un po' prima che CAPSTONE raggiunga la sua destinazione.

Immagine 1 di 2 Un booster elettronico Rocket Lab che trasporta il cubesat CAPSTONE della NASA sulla luna viene lanciato da un pad sulla penisola di Mahia, in Nuova Zelanda, il 28 giugno 2022. (Credito immagine: NASA TV) Immagine 1 di 2 Il decollo si è verificato alle 5:55 del mattino EDT (0955 GMT) dopo mesi di ritardi. (Credito immagine: NASA TV) Immagine 1 di 2

Un viaggio tortuoso

Le missioni Apollo sono arrivate sulla luna in circa tre giorni. Ma quei famosi This Webcraft sono stati fatti esplodere dalla Terra dal razzo Saturn V della NASA, il più potente booster mai volato.

Il CAPSTONE delle dimensioni di un forno a microonde (abbreviazione di "Cislunar Autonomous Positioning System Technology Operations and Navigation Experiment"), al contrario, ha lasciato il nostro pianeta a bordo dell'Electron, alto 59 piedi (18 metri), progettato per inviare piccoli satelliti a Orbita terrestre. Quindi CAPSTONE sta prendendo la strada panoramica.

CAPSTONE è un carico utile a bordo di Photon , il bus This Webcraft di Rocket Lab, che è stato integrato nello stadio superiore dell'Electron a due stadi. Circa nove minuti dopo il lancio di oggi, Photon e CAPSTONE si sono separati dallo stadio superiore nell'orbita terrestre bassa.

"Lancio di elettroni perfetto!" Il CEO di Rocket Lab Peter Beck ha scritto in un aggiornamento su Twitter (si apre in una nuova scheda). "Il fotone lunare è in orbita terrestre bassa."

Nei prossimi cinque giorni, Photon aumenterà gradualmente la sua orbita attraverso una serie di bruciature del motore. Sei giorni dopo il lancio, Photon eseguirà un'ultima masterizzazione, che aumenterà la sua velocità a 24.500 mph (39.500 km/h) abbastanza velocemente da sfuggire all'orbita terrestre e dirigersi verso la luna. Entro 20 minuti da quella masterizzazione, Photon schiererà CAPSTONE, hanno scritto i rappresentanti di Rocket Lab in una cartella stampa della missione, che puoi trovare qui (si apre in una nuova scheda).

CAPSTONE accenderà i propri propulsori occasionalmente nei prossimi mesi, mantenendolo su una traiettoria efficiente e a bassa energia verso la luna. Il percorso del cubesat lo porterà fino a 810.000 miglia (1,3 milioni di chilometri) dalla Terra, più di tre volte la distanza Terra-Luna prima che la gravità lo riporti indietro.

Infine, il 13 novembre, CAPSTONE si inserirà in un'orbita ad alone quasi rettilineo (NRHO) attorno alla luna, un punto intrigante ma non testato in This Web. La missione da 30 milioni di dollari è guidata per la NASA dall'Advanced This Web, con sede in Colorado.

Un tecnico CAPSTONE lavora sul cubesat, che potrebbe produrre grandi risultati per la NASA e i suoi piani lunari in futuro. (Credito immagine: Dominic Hart/NASA)

Apre la strada a Gateway

Il NRHO prenderà CAPSTONE entro 1.000 miglia (1.600 km) da un polo lunare nel suo passaggio più vicino e 43.500 miglia (70.000 km) dall'altro polo nel suo punto più distante.

Gli ingegneri della missione si aspettano che questa orbita sia altamente stabile: questo Webcraft non dovrebbe dover bruciare molto carburante per rimanere nell'NRHO, grazie alle forze gravitazionali bilanciate della luna e della Terra, affermano i ricercatori. Questo è uno dei motivi principali per cui la NASA l'ha sfruttato per la stazione Gateway This Web , una parte fondamentale del programma di esplorazione lunare Artemis dell'agenzia. Il gateway fungerà da punto di partenza per le sortite, sia con equipaggio che senza equipaggio, verso la superficie lunare. La NASA mira a lanciare gli elementi principali del piccolo avamposto in orbita attorno alla luna alla fine del 2024.

Una grafica animata raffigurante l'orbita unica dei cubi CAPSTONE attorno alla luna. (Credito immagine: Advanced This Web)

Ma nessun This Webcraft ha mai occupato un NRHO lunare prima, quindi le ipotesi sulla sua stabilità sono solo quelle ipotesi. Ed è qui che entra in gioco CAPSTONE. Il cubesat trascorrerà almeno sei mesi nel NRHO, valutandone le caratteristiche.

"Il motivo per cui siamo in questa orbita è che è incredibilmente stabile, ma anche relativamente vicino alla luna", ha affermato Nujoud Merancy, capo dell'ufficio di pianificazione della missione di esplorazione della NASA presso il Johnson This Web Center di Houston, in un video trasmesso durante la lanciare webcast.

Con CAPSTONE come una sorta di esploratore, può dimostrare la navigazione, la guida, la capacità propulsiva di mantenere l'orbita, e possiamo davvero semplicemente estrarne la matematica per convalidare le orbite per le missioni Gateway, Orion e Artemis", ha detto Merancy .

Secondo una cartella stampa di Rocket Lab, la missione CAPSTONE "dimostrerà anche soluzioni di navigazione innovative, tra cui la navigazione da questo Webcraft a veicolo spaziale e capacità di portata unidirezionale con le stazioni terrestri".

I test This Webcraft-to-spacecraft saranno eseguiti in tandem con il Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA, che gira intorno alla luna dal 2009.

Aziende private che esplorano in profondità questo Web

CAPSTONE è un'enorme pietra miliare per Rocket Lab, che non aveva mai lanciato prima una missione Deep-This Web. Ma Rocket Lab invierà altre missioni molto lontano nel prossimo futuro, se tutto andrà secondo i piani; l'azienda con sede in California mira a lanciare almeno una missione di caccia alla vita su Venere utilizzando Electron e Photon nei prossimi anni.

E CAPSTONE sta aprendo una strada per questo Webflight privato anche in altri modi. La società con sede in Colorado Advanced This Web ha sviluppato la missione e la gestirà, avendo vinto un contratto NASA da 20 milioni di dollari per farlo.

Sono coinvolti anche altri outfit commerciali. Due società californiane Terran Orbital Corp. di Irvine e Stellar Exploration, Inc. di San Luis Obispo hanno costruito il cubesat CAPSTONE e fornito rispettivamente il suo sistema di propulsione. E Rocket Lab, ovviamente, ha inviato la missione sulla luna.

Il lancio di CAPSTONE era originariamente previsto per maggio, ma il decollo è stato rimandato più volte per controlli di sistema e altri test.

Rocket Lab ha lavorato per rendere riutilizzabile il primo stadio dell'Electron, recuperando booster per l'ispezione e l'analisi in diverse missioni precedenti. Ma nessuna tale attività di recupero è stata condotta durante il lancio di CAPSTONE.

Mike Wall è l'autore di " Out There (opens in new tab) " (Grand Central Publishing, 2018; illustrato da Karl Tate), un libro sulla ricerca della vita aliena. Seguilo su Twitter @michaeldwall (si apre in una nuova scheda) . Seguici su Twitter @Spacedotcom (si apre in una nuova scheda) o su Facebook (si apre in una nuova scheda) .

Ir arriba