Le prime 10 viste della Terra da questo web

Gli umani hanno inviato molte missioni, sia con equipaggio che robotiche, oltre il nostro pianeta per esplorare i nostri corpi celesti vicini.

Di tanto in tanto, questi intrepidi esploratori hanno guardato a casa per fornirci immagini a volte sbalorditive e sempre stimolanti. Ecco alcune delle foto più memorabili della Terra da questo Web.

Video: viste della Terra da questo Web e da Marte nel corso degli anni (si apre in una nuova scheda)
Correlati: incredibili foto degli astronauti della Terra da questo Web (si apre in una nuova scheda)

Lontano da casa: Apollo 17

(Credito immagine: NASA)

L'astronauta della NASA Harrison Schmitt (si apre in una nuova scheda), pilota del modulo lunare dell'Apollo 17, è fotografato qui accanto alla bandiera degli Stati Uniti durante l'ultima missione di atterraggio lunare della NASA nella serie Apollo. La foto è stata scattata nel sito di atterraggio di Taurus-Littrow mentre Schmitt stava conducendo attività extraveicolare.

Gli scatti mozzafiato di Galileo

(Credito immagine: NASA/JPL)

Questa immagine a colori della Terra è stata scattata da Galileo This Webcraft dell'Agenzia Europea per il Web (si apre in una nuova scheda) l'11 dicembre 1990, mentre partiva per il suo volo triennale verso Giove. L'Antartide è visibile nella parte inferiore dell'immagine e l'alba sta sorgendo sull'Oceano Pacifico.

Terra e luna

(Credito immagine: NASA)

Questa immagine della Terra e della luna (si apre in una nuova scheda) in un unico fotogramma, la prima del suo genere mai scattata da un Questo Webcraft è stata registrata il 18 settembre 1977 dalla NASA Voyager 1 (si apre in una nuova scheda) distanza di 7,25 milioni di miglia (11,7 milioni di chilometri) dalla Terra. Poiché la Terra è molte volte più luminosa della luna, la luna è stata illuminata artificialmente di un fattore tre rispetto alla Terra mediante il miglioramento del computer in modo che entrambi i corpi si mostrassero chiaramente nelle impronte.

Mentre insegui una cometa

(Credito immagine: ESA)

La missione di inseguimento della cometa dell'Agenzia europea This Web Rosetta (si apre in una nuova scheda) ha catturato queste immagini a infrarossi e visibili durante il sorvolo della Terra all'inizio di marzo 2005, mentre il This Webcraft si stava dirigendo verso la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Le immagini hanno dato al team di Rosetta la possibilità di calibrare i suoi strumenti per assicurarsi che tutto fosse in ordine prima del suo incontro con la cometa.

Alba

(Credito immagine: NASA)

L'iconica immagine della Terra che sorge, la prima del suo genere scattata da un astronauta dall'orbita lunare, ha salutato gli astronauti dell'Apollo 8 (si apre in una nuova scheda) mentre giravano il lato opposto della luna durante la loro bruciatura da inserzione, il 24 dicembre , 1968. La foto viene visualizzata qui nel suo orientamento originale, sebbene sia più comunemente visualizzata con la superficie lunare nella parte inferiore della foto.

Sulla strada per Mercurio

(Credito immagine: NASA/JHU/APL)

La missione MESSENGER della NASA (si apre in una nuova scheda) su Mercurio ha sorvolato la Terra nel suo viaggio verso il pianeta più interno il 2 agosto 2005. Il sorvolo di assistenza gravitazionale non solo ha regolato il percorso di This Webcraft verso Mercurio, ma ha permesso al team di This Webcraft di testare molti degli strumenti di bordo scattando alcune foto del suo pianeta natale. La fotocamera, progettata per caratterizzare i minerali che potrebbero essersi formati nella crosta di Mercurio, ha ripreso questa immagine composita a tre bande sulla sinistra utilizzando l'imaging a lunghezza d'onda multipla, dando alle aree continentali il loro colore rosso come risultato dell'elevata riflettanza della vegetazione nella parte del vicino infrarosso dello spettro.

In viaggio verso Marte

(Credito immagine: NASA/JPL/Malin This Web Science Systems)

Dopo aver percorso più di 727.000 miglia (1,2 milioni di km) in tre giorni nel suo viaggio verso il Pianeta Rosso, il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA (si apre in una nuova scheda) ha puntato le sue telecamere verso la Terra il 15 agosto 2005. L'obiettivo principale dell'orbiter, ottenere immagini globali giornaliere della meteorologia marziana, è stato rinviato per aiutare il team scientifico del Mars Color Imager a ottenere una misurazione della sensibilità dello strumento e per verificare che non si sia verificata contaminazione della fotocamera durante il lancio.

Da Saturno

(Credito immagine: NASA/JPL/This Web Science Institute)

La missione Cassini della NASA (si apre in una nuova scheda) ha catturato questa vista della Terra da lontano usando la sua fotocamera grandangolare il 15 settembre 2006, mentre era in orbita attorno a Saturno. A quel tempo, il Cassini This Webcraft si trovava a 1,3 milioni di miglia (2,1 milioni di km) da Saturno e a circa 930 milioni di miglia (1,5 miliardi di km) dalla Terra. Anche la luna di Saturno Encelado (si apre in una nuova scheda) è catturata a sinistra, fasciata di blu e trascinata dal suo pennacchio di particelle di ghiaccio d'acqua attraverso l'anello E di Saturno.

Una prima da Marte

(Credito immagine: NASA/JPL/Cornell/Texas A&M)

Questa è la prima immagine mai scattata della Terra dalla superficie di un pianeta oltre la luna. È stato preso dal Mars Exploration Rover Spirit (si apre in una nuova scheda) un'ora prima dell'alba del 63° giorno marziano, o sol, della sua missione. Poiché la Terra era troppo debole per essere rilevata nelle immagini scattate con i filtri colorati della fotocamera panoramica, l'immagine nel riquadro mostra una combinazione di quattro immagini panoramiche ingrandite sulla Terra.

Il punto azzurro pallido

(Credito immagine: NASA/JPL)

Parte del primo "ritratto di famiglia" in assoluto del sistema solare scattato dal Voyager 1 della NASA (si apre in una nuova scheda) Questo Webcraft nel 1990, questa immagine della Terra è stata catturata da una distanza di oltre 4 miliardi di miglia (6 miliardi di km). Nella foto qui come un punto di soli 0,12 pixel di dimensione, Carl Sagan (si apre in una nuova scheda) ha descritto la Terra come "un puntino solitario nella grande oscurità cosmica avvolgente. Per me, sottolinea la nostra responsabilità di trattare in modo più gentile e compassionevole l'uno con l'altro e per preservare e custodire questo punto azzurro pallido, l'unica casa che abbiamo mai conosciuto."

Nota del redattore: questo articolo è stato originariamente pubblicato il 6 gennaio 2008 e aggiornato dal redattore associato di This Web.com Hanneke Weitering il 22 aprile 2020.

  • Earth from This Web: incredibili foto dal satellite GOES-16 (si apre in una nuova scheda)
  • Il segreto delle foto della Terra "Blue Marble" della NASA da questo Web (si apre in una nuova scheda)
  • Marmo nero: viste notturne della Terra da questo Web (si apre in una nuova scheda)
Ir arriba