L’origine della gravità della materia oscura stessa è stessa?

Per il possessore di un piccolo telescopio la luna è più interessante di qualsiasi altra cosa nel cielo, perché è abbastanza vicina da poter essere vista molto bene. Anche il binocolo mostrerà le caratteristiche sulla sua superficie. Ma non hai bisogno di un telescopio per goderti la luna. Anche uno sguardo distratto su base notturna rivela il suo percorso attraverso le costellazioni zodiacali, la sua incessante progressione di fasi, i frequenti incontri con stelle e pianeti luminosi, nonché eclissi occasionali ed effetti atmosferici insoliti.

Giovedì sera (20 agosto), molto in basso nel cielo occidentale, c'era un sottile frammento di luna crescente due giorni dopo la nuova fase. Questo era un segnale del cielo con il quale gli antichi stabilivano i loro calendari. Gli astronomi hanno mappato la faccia della luna osservandola per un periodo di tempo, mentre passa da nuova a piena e decresce da piena a vecchia.

Nel lungo mattino della luna (la luna impiega 27,3 giorni terrestri per ruotare una volta), la sua faccia è illuminata dal lato destro. La linea dell'alba si muove costantemente sulla sua faccia. Le montagne si arrampicano fuori dalla notte mentre le loro cime catturano i primi raggi di sole. A mezzogiorno la luna è piena e le montagne sono difficili da vedere. Quando il sole inizia a tramontare nel pomeriggio lunare, la luna è di nuovo illuminata, questa volta dal lato sinistro, e le sue montagne proiettano ombre nere.

Il volto della luna, gradualmente rivelato

La luna era nuova martedì (18 agosto) ed effettivamente fuori dalla nostra vista. Stasera (21 agosto), circa 45 minuti dopo il tramonto, si può intravedere una bella e sottile luna crescente che si libra appena sopra l'orizzonte, leggermente a sud di ovest.

Mentre la luna sale nel cielo occidentale questa settimana, osservala con il binocolo, che migliorerà notevolmente la visione del fenomeno noto come "Earthshine", la luna crescente crescente che appare come un sottile arco di luce bianco-giallastra che racchiude una sfera spettrale grigio-bluastra .

In realtà, per almeno diverse notti, fino a quasi una settimana dopo la luna nuova, la luce solare riflessa dalla Terra illumina il lato notturno della luna, rendendo visibile il suo intero disco. Ecco uno dei panorami più belli della natura, e si adatta al vecchio detto: "la vecchia luna tra le braccia della luna nuova".

L'astrofotografo Miguel Claro ha catturato questa immagine della luna e di Earthshine da Almada, in Portogallo, il 1° febbraio 2014. (Credito immagine: Miguel Claro | www.miguelclaro.com )

Le caratteristiche lunari furono nominate, a volte in modo fantasioso, dagli astronomi a cominciare dall'astronomo italiano Giovanni Battista Riccioli nel 1651. Si pensava che le aree scure e lisce fossero giochi d'acqua, e quindi erano chiamate mari ( mare in latino). Le montagne erano comunemente chiamate per le catene terrestri. I crateri sono stati chiamati per i primi filosofi e scienziati di primo piano. Avere un cratere chiamato per te è una benedizione mista: è un grande onore, ma di solito devi essere morto.

Giovedì (20 agosto), Mare Crisium, il Mare delle Crisi, ha goduto dell'alba. Venerdì il sole splende sul Mare Fecunditatis, il Mare della Fertilità. Poi sabato sorge il sole su Mare Nectaris, e giovedì (27 agosto) è l'alba per Mare Tranquillitatis, il Mare della Tranquillità, luogo di atterraggio della storica missione Apollo 11.

Il momento migliore per guardare la luna

La luna attraverserà la fase del primo quarto martedì (25 agosto) alle 13:38 EDT (1738 GMT). In quel momento, la luna apparirà illuminata esattamente al 50%; il suo lato destro o occidentale sarà illuminato, mentre il suo lato sinistro o orientale sarà ancora al buio.

Quando il cielo diventerà sufficientemente scuro quella sera, un attento esame rivelerà che il nostro satellite naturale non è più in una fase di "mezzaluna". Perché a quel punto, la luna sarà effettivamente illuminata per poco più della metà dal 53% al 54% per l'esattezza; quindi in realtà, sarà una fase gibbosa crescente. Guarda la luna in basso a sinistra quella sera e vedrai la luminosa stella rossastra Antares che segna il cuore dello scorpione della costellazione zodiacale dello Scorpione.

Martedì (25 agosto), dopo che la luna ha completato il primo quarto della sua orbita attorno alla Terra, le posizioni relative della Terra, del sole e della luna ci fanno vedere semiilluminata sul suo lato orientale. Una luna del primo quarto sorge sempre intorno a mezzogiorno e tramonta intorno a mezzanotte, quindi è visibile anche nel cielo diurno pomeridiano. Le sere che circondano il primo quarto sono i periodi migliori per vedere il terreno lunare quando è drammaticamente illuminato dalla luce solare a bassa angolazione. (Credito immagine: Notte stellata (si apre in una nuova scheda))

Potremmo naturalmente presumere che quando la metà del disco lunare è illuminata, otterremmo la metà della luce che otteniamo con la luna piena. In realtà, otteniamo solo un nono in più. Il motivo è che gran parte della superficie lunare è coperta dalle ombre di montagne e crateri, e quindi molto meno della metà del suo disco è illuminata dal sole. La luna è un po' più luminosa al primo quarto rispetto all'ultimo quarto poiché alcune parti della luna riflettono meglio di altre.

Il confine chiaro/scuro, chiamato terminatore , è il posto migliore in cui guardare, perché le montagne proiettano le ombre più lunghe alla luce del sole nascente. La luna è sempre stata un obiettivo primario per gli osservatori del telescopio ovunque e mostra dettagli sorprendenti anche nel più piccolo telescopio. Anche il binocolo mostrerà la cavalla o "mari", catene montuose e pianure ad anelli, così come i grandi crateri, mentre con un telescopio di soli 8 centimetri di apertura puoi vedere praticamente tutto nitido come la migliore Terra foto basate.

L'astronauta della NASA Shane Kimbrough ha catturato questa splendida foto della mezzaluna dalla International This Web Station il 20 febbraio 2017. La superficie malconcia della luna proietta un'ombra frastagliata sulla linea del terminatore della luna, dove sono visibili diversi piccoli crateri. (Credito immagine: NASA/Shane Kimbrough/Twitter)

La maggior parte degli osservatori concorda sul fatto che il momento migliore per vedere la luna è nell'intervallo di due o tre giorni dopo la fase del primo quarto. La luna è quindi in una buona posizione per lo studio serale con la maggior parte delle sue caratteristiche principali visibili, sebbene non eccessivamente luminosa da causare una perdita di dettagli a causa dell'abbagliamento.

Infatti, quando la luna è piena, le sue montagne non si vedono chiaramente; non ci sono ombre visibili per creare rilievi contro i quali si possono vedere le montagne. Una luna piena appare piatta e unidimensionale. Attraverso un telescopio, le caratteristiche vicino al terminatore risaltano in rilievo in grassetto, spezzato e frastagliato; le ombre sono forti e i dettagli sono più facilmente visibili. A volte puoi persino notare punti luminosi luminosi dove le alte montagne catturano la luce del sole che sorge prima che abbia raggiunto le pianure sottostanti.

"Il monarca della luna"

Giovedì (27 agosto), l'alba arriverà su uno dei crateri più notevoli visibili sulla superficie lunare. Questo è il cratere Copernico, soprannominato il "Monarca della Luna" dal cartografo lunare Thomas Gwyn Elger. Si ritiene che Copernico sia un cratere da impatto lunare, formato dalla collisione del frammento di un asteroide circa 800 milioni di anni fa.

The Hubble This Web Telescope ha catturato questa vista del cratere lunare Copernicus nel 1999. (Credito immagine: John Caldwell (York University, Ontario)/Alex Storrs (STScI))

È un cratere circolare che misura 58 miglia (93 chilometri) di diametro e 2,4 miglia (3,8 km) di profondità. Ci sono tre cime montuose isolate che sono alte circa 3.900 piedi (1.200 metri). Intorno a Copernico c'è un sistema di raggi che si estende verso l'esterno in tutte le direzioni per circa 500 miglia (800 km). I raggi sono costituiti da striature radiali di fine materiale espulso durante la formazione di Copernico e assomigliano in qualche modo a raggi provenienti dal mozzo di una ruota.

Il sole toccherà per la prima volta il bordo occidentale (destra) del bordo di Copernico intorno alle 8:00 EDT (1200 GMT). La luna non sarà visibile dal Nord America in quel momento, ma più tardi nel pomeriggio se alleni un binocolo o un piccolo telescopio sulla luna, vedrai facilmente Copernico appena a destra del terminatore. La parte interna del cratere sarà ancora al buio, ma le sue estremità esterne saranno in pieno giorno. Entro poche ore, anche l'interno si crogiolerà al sole e venerdì (28 agosto), anche il sistema a raggi sarà in pieno giorno e molto vistoso.

Questa fotografia della luna, scattata dagli astronauti dell'Apollo 17 della NASA nel 1972, mostra il Mare Imbrium con il Copernico largo 58 miglia (93 km) in lontananza. In primo piano c'è il cratere Pitea, che ha un diametro di 12 miglia (20 km). (Credito immagine: Istituto lunare e planetario)

Le prime osservazioni telescopiche hanno mostrato come le montagne lunari proiettassero ombre lunghe e distinte all'alba e al tramonto, portando i primi osservatori a credere che le montagne lunari fossero estremamente precipitose. Eppure, non sono così spettacolari se si elabora davvero la geometria delle proiezioni. Il raggio della luna è solo circa un quarto di quello della nostra Terra, quindi l'orizzonte cade più velocemente. Un astronauta in piedi al centro del cratere Copernico non sarebbe in grado di vedere le sue pareti di 12.000 piedi a soli 46 km di distanza.

Quindi, se hai un binocolo o un piccolo telescopio, assicurati di addestrarlo sulla luna giovedì sera e guarda dritto lungo il terminatore e lì troverai Copernico. Non puoi perderlo!

Joe Rao è istruttore e docente ospite all'Hayden Planetarium di New York. Scrive di astronomia per la rivista di storia naturale, l'almanacco degli agricoltori e altre pubblicazioni. Seguici su Twitter @Spacedotcom e su Facebook .

Ir arriba