Milky Ways Home to 100 miliardi di pianeti

La nostra galassia, la Via Lattea, ospita almeno 100 miliardi di pianeti alieni, e forse molti di più, suggerisce un nuovo studio.

"È un numero sbalorditivo, se ci pensi", ha detto in una nota l'autore principale Jonathan Swift, del Caltech di Pasadena. "Fondamentalmente c'è uno di questi pianeti per stella."

Swift e i suoi colleghi sono arrivati ​​alla loro stima dopo aver studiato un sistema di cinque pianeti chiamato Kepler-32, che si trova a circa 915 anni luce dalla Terra. I cinque mondi sono stati rilevati dal telescopio Kepler This Web della NASA, che segnala i minuscoli cali di luminosità causati quando gli esopianeti attraversano la faccia della loro stella dalla prospettiva dello strumento.

I pianeti Kepler-32 orbitano attorno a una nana M, un tipo di stella più piccola e più fredda del nostro sole. Le nane M sono la stella più comune nella Via Lattea, rappresentando circa il 75% dei circa 100 miliardi di stelle della galassia, hanno affermato i ricercatori.

Inoltre, i cinque mondi di Kepler-32 sono di dimensioni simili alla Terra e orbitano abbastanza vicino alla loro stella madre, il che li rende tipici dei pianeti che Kepler ha individuato attorno ad altre nane M. Quindi il sistema Kepler-32 dovrebbe essere rappresentativo di molti dei pianeti della galassia, hanno detto gli scienziati. [I pianeti alieni più strani (Galleria)]

"Di solito cerco di non chiamare le cose 'pietre di Rosetta', ma questo è il più vicino a una stele di Rosetta come qualsiasi cosa abbia mai visto", ha detto il coautore John Johnson, anche lui di Caltech. "È come sbloccare una lingua che stiamo cercando di capire la lingua della formazione del pianeta".

Keplero può rilevare i sistemi planetari solo se sono orientati di taglio rispetto al telescopio; in caso contrario, lo strumento non osserverà alcun transito planetario di oscuramento delle stelle. Quindi i ricercatori hanno calcolato le probabilità che un sistema M-nana nella Via Lattea avrebbe questo orientamento, quindi combinate con il numero di tali sistemi che Kepler è in grado di rilevare per ottenere la loro stima di 100 miliardi di esopianeti.

Il team ha considerato solo i pianeti in orbita vicino alle nane M; la loro analisi non includeva i pianeti esterni nei sistemi M-nani o altri mondi che circondano altri tipi di stelle. Quindi la galassia potrebbe effettivamente ospitare molti più pianeti di quanto la stima prudente implichi forse 200 miliardi, o circa due per stella, ha detto Swift.

La nuova analisi conferma tre dei cinque pianeti Kepler-32 (gli altri due erano stati confermati in precedenza). I mondi Kepler-32 hanno diametri che vanno da 0,8 a 2,7 volte quello della Terra e tutti orbitano entro 10 milioni di miglia (16 milioni di chilometri) dalla loro stella. Per fare un confronto, la Terra circonda il sole a una distanza media di 93 milioni di miglia (150 milioni di km).

La nuova analisi suggerisce anche che i pianeti Kepler-32 si siano originariamente formati più lontano dalla stella e poi siano migrati più vicini nel tempo, hanno detto i ricercatori.

Diversi elementi di prova portano a questa conclusione. Ad esempio, il team ha stimato che i cinque mondi Kepler-32 si siano fusi da materiale contenente la stessa massa di tre Giove. Ma i modelli suggeriscono che così tanto gas e polvere non possono essere schiacciati nella piccola area circoscritta dalle orbite attuali dei pianeti, hanno detto i ricercatori.

"Guardi in dettaglio l'architettura di questo sistema planetario molto speciale e sei costretto a dire che questi pianeti si sono formati più lontano e si sono trasferiti", ha detto Johnson.

Il nuovo studio è stato pubblicato oggi (2 gennaio) su The Astrophysical Journal.

Segui questo Web.com su Twitter @ Spacedotcom . Siamo anche su Facebook e Google+ .

Ir arriba