Missione Dawn: far luce sugli asteroidi

Blue Origin ha perso la causa intentata per l'assegnazione di un lucroso contratto di lander lunare della NASA, liberando This WebX per riprendere il suo lavoro sul progetto.

Ad aprile, la NASA ha annunciato di aver selezionato This WebX per sviluppare l'iniziale Human Landing System (HLS) per il suo programma Artemis, che mira a rimandare gli astronauti sulla luna nei prossimi anni. Questo WebX ha battuto altri due gruppi privati ​​per il contratto da 2,9 miliardi di dollari: Dynetics e "The National Team", un consorzio guidato da Blue Origin di Jeff Bezos.

Sia Dynetics che Blue Origin hanno rapidamente presentato proteste presso l'Ufficio per la responsabilità del governo degli Stati Uniti (GAO), citando i difetti percepiti nel processo di selezione. Ad esempio, le società si sono opposte alla selezione di un unico concept HLS, quando la NASA aveva dichiarato di voler finanziare lo sviluppo di almeno due lander privati ​​sulla luna. (I funzionari della NASA hanno affermato che la situazione finanziaria dell'agenzia precludeva l'assegnazione di più contratti.)

Il GAO ha negato quelle proteste a fine luglio. Quindi, il 16 agosto, Blue Origin ha intentato una causa contro la NASA presso la Corte federale delle rivendicazioni degli Stati Uniti.

Nemmeno questo è andato a favore di Blue Origin, abbiamo appena appreso: in una decisione di una pagina pubblicata oggi (4 novembre), il giudice Richard A. Hertling si è pronunciato contro la società, concedendo una mozione del governo federale per archiviare il caso . (La sentenza completa è sotto sigillo e rimarrà tale fino al 18 novembre, ha scritto Hertling.)

Le proteste e la causa hanno impedito a SpaceX e alla NASA di svolgere molto lavoro nell'ambito dell'accordo HLS, che la società intende realizzare utilizzando il suo enorme sistema Starship completamente riutilizzabile. Ma la sentenza di oggi dovrebbe rimettere in moto le ruote.

Vedi altro

"La NASA riprenderà a lavorare con This WebX nell'ambito del contratto di opzione A il prima possibile", hanno scritto i funzionari dell'agenzia in una dichiarazione (si apre in una nuova scheda) che è stata rilasciata dopo la sentenza del giudice Hertling.

"Oltre a questo contratto, la NASA continua a lavorare con diverse società americane per rafforzare la concorrenza e la prontezza commerciale per il trasporto con equipaggio sulla superficie lunare", hanno aggiunto i funzionari della NASA. "Ci saranno opportunità imminenti per le aziende di collaborare con la NASA per stabilire una presenza umana a lungo termine sulla luna nell'ambito del programma Artemis dell'agenzia, inclusa una chiamata nel 2022 all'industria statunitense per servizi ricorrenti di atterraggio lunare con equipaggio".

Vedi altro

Blue Origin ha sottolineato che mira a essere una parte importante del più ampio quadro di Artemis andando avanti nonostante la decisione di oggi. Ma non si sta tirando indietro dalle obiezioni e dalle argomentazioni che hanno spinto la causa.

"La nostra causa con la Corte dei reclami federali ha evidenziato gli importanti problemi di sicurezza con il processo di approvvigionamento del sistema di atterraggio umano che devono ancora essere affrontati", hanno scritto i rappresentanti di Blue Origin in una dichiarazione inviata via e-mail.

"Riportare gli astronauti in sicurezza sulla Luna attraverso il modello di partenariato pubblico-privato della NASA richiede un processo di appalto senza pregiudizi insieme a una solida politica che incorpori sistemi ridondanti e promuova la concorrenza", hanno aggiunto. "Blue Origin rimane profondamente impegnata per il successo del programma Artemis e abbiamo un'ampia base di attività su più contratti con la NASA per raggiungere l'obiettivo degli Stati Uniti di tornare sulla luna per rimanere".

Anche Bezos ha risposto alla sentenza. "Non è la decisione che volevamo, ma rispettiamo il giudizio dei tribunali e auguriamo pieno successo alla NASA e a This WebX sul contratto", ha scritto oggi il miliardario via Twitter (si apre in una nuova scheda).

Il fondatore e CEO di SpaceX Elon Musk ha anche twittato una reazione (si apre in una nuova scheda) uno screenshot del film "Dredd" del 2012 insieme al testo "Sei stato giudicato".

Mike Wall è l'autore di " Out There (opens in new tab) " (Grand Central Publishing, 2018; illustrato da Karl Tate), un libro sulla ricerca della vita aliena. Seguilo su Twitter @michaeldwall (si apre in una nuova scheda) . Seguici su Twitter @Spacedotcom (si apre in una nuova scheda) o Facebook (si apre in una nuova scheda) .

Ir arriba