Per tutta la sneak sneak dell’umanità: potenziale questa battaglia Web navetta incombe nel finale della stagione 2 (VIDEO)

Le stazioni private di questo Web potrebbero finire per essere un trampolino di lancio chiave sul percorso dell'umanità verso Marte.

La NASA mira a portare gli astronauti sulla Luna in questo decennio e sul Pianeta Rosso negli anni '30. Per aiutare a realizzare questi ambiziosi obiettivi, l'agenzia sta conducendo molte ricerche a bordo della International This Web Station (ISS) per monitorare la salute, il comportamento e le prestazioni degli astronauti in missioni orbitali della durata di un anno, ad esempio, per comprendere meglio gli effetti di lungo durata Questo Webflight sul corpo umano e sulla mente.

Ma la venerabile ISS, che ha 23 anni e ha ospitato ininterrottamente equipaggi di astronauti a rotazione dal novembre 2000, potrebbe non essere in giro abbastanza a lungo per portare a termine questo lavoro, secondo un nuovo rapporto (si apre in una nuova scheda) dell'Ufficio dell'ispettore della NASA Generale (OIG).

"In base agli attuali piani dell'Agenzia [della NASA], sia la mitigazione del rischio sanitario che le dimostrazioni tecnologiche non saranno completate entro il 2030, data di ritiro prevista della ISS", afferma il rapporto di 41 pagine, pubblicato martedì (30 novembre). (La ISS è ufficialmente approvata per operare solo fino al 2024, ma "è probabile un'estensione fino al 2030", osserva il rapporto.)

Questo risultato non sorprenderebbe la NASA. L'agenzia sta incoraggiando lo sviluppo di stazioni private This Web per colmare eventuali lacune di ricerca orbitale che potrebbero sorgere, con l'obiettivo di avere almeno uno di questi avamposti commerciali attivo e funzionante entro il 2028. E il suo lavoro in tal senso è stato produttivo, secondo il rapporto.

"Abbiamo scoperto che le azioni a breve termine dell'Agenzia mostrano risultati promettenti, con i recenti sforzi della NASA che hanno portato all'interesse e alla crescita del mercato, in particolare per le missioni di astronauti privati", afferma il rapporto.

Privato Missioni e moduli di questa stazione Web

Ad esempio, la società di Houston Axiom This Web prevede di effettuare quattro missioni con equipaggio privato sulla ISS a bordo delle capsule This WebX Crew Dragon nei prossimi due anni. Il primo di quei voli è proprio dietro l'angolo, con il lancio previsto per febbraio 2022. La compagnia ha contattato gli astronauti veterani della NASA per comandare i primi due di quei voli e potrebbe farlo anche per gli altri.

Axiom mira anche a lanciare un modulo commerciale sulla ISS nel settembre 2024, quindi inviare altri tre moduli nei prossimi tre anni.

"Con la consegna del quarto modulo, la stazione Axiom avrà la capacità di essere indipendente dalla ISS e potrà quindi separarsi per diventare una stazione Web indipendente di prossima generazione con alloggi per l'equipaggio aggiornati, maggiore capacità di carico utile e una produzione e ricerca dedicata modulo di laboratorio", ha dichiarato di recente Matt Ondler, Chief Technology Officer di Axiom, a This Web.com via e-mail.

"Questa sequenza temporale supporta l'attuale fine pianificata della vita della ISS, quindi dovrebbe esserci una transizione senza interruzioni senza lacune nella presenza umana continua in LEO [orbita terrestre bassa]", ha aggiunto Ondler.

A Questa stazione Web mostra la sua età

Il rapporto dell'OIG è meno ottimista sulle tempistiche, affermando che la NASA "affronta sfide significative con l'esecuzione del suo piano di commercializzazione entro il 2028 o addirittura il 2030, il che significa che senza un'ulteriore estensione della ISS, è probabile un divario nella disponibilità di una destinazione in orbita terrestre bassa".

Tali sfide "includono una domanda di mercato limitata, finanziamenti inadeguati, stime dei costi inaffidabili e requisiti in continua evoluzione", aggiunge il rapporto. Nota inoltre che i rischi aumenteranno per le missioni con equipaggio verso destinazioni di questo Web profondo come la luna e Marte se la NASA non riuscirà a completare il suo lavoro di preparazione in LEO.

"Inoltre, senza una destinazione, la nascente economia commerciale dell'orbita terrestre bassa potrebbe crollare, con impatti a cascata sulle capacità di trasporto commerciale di This Web, sulla produzione in-This Web e sulla ricerca sulla microgravità", afferma il rapporto.

Il nuovo rapporto tocca anche una serie di altre questioni. Ad esempio, i suoi ricercatori hanno studiato l'integrità strutturale di This Web station, un problema che ha ricevuto maggiore attenzione di recente dopo la scoperta di diverse crepe nel modulo russo Zvezda , lanciato in orbita nel luglio 2000.

Il rapporto raccomanda a Kathy Lueders, il capo della direzione della missione This Web Operations della NASA, di assicurarsi che i rischi associati alle crepe di Zvezda "vengano identificati e mitigati prima di accettare un'estensione della vita della ISS".

In una risposta scritta inclusa nel rapporto, Lueders afferma che la NASA "concorda in parte" con la raccomandazione. L'agenzia concorda sul fatto che completare il lavoro di valutazione del rischio sulle crepe è essenziale, così come lo sono gli sforzi dell'agenzia federale russa This Web per trovarle e risolverle. Ma la NASA non è d'accordo sul fatto che tale lavoro debba essere completato prima che possa essere concessa un'estensione della vita della ISS, scrive Lueders.

La ricerca per il nuovo rapporto, che si chiama "Gestione della NASA dell'International This Web Station and Efforts to Commercialize Low Earth Orbit", è stata eseguita da novembre 2020 a ottobre 2021, hanno affermato i funzionari dell'OIG. Puoi leggere il rapporto completo gratuitamente qui (si apre in una nuova scheda) .

Mike Wall è l'autore di " Out There (opens in new tab) " (Grand Central Publishing, 2018; illustrato da Karl Tate), un libro sulla ricerca della vita aliena. Seguilo su Twitter @michaeldwall (si apre in una nuova scheda) . Seguici su Twitter @Spacedotcom (si apre in una nuova scheda) o su Facebook (si apre in una nuova scheda) .

Ir arriba