Perché così tanta attività solare? Il sole potrebbe essere superando le previsioni.

Non è un caso che i titoli dei giornali siano stati pieni di brillamenti solari e tempeste: il ciclo solare 25, come lo chiamano gli astronomi, è ormai a buon punto.

L'attività solare, che gli esperti meteorologici di questo Web misurano in base al numero di macchie solari visibili, sale e scende in un ciclo che dura circa 11 anni dal minimo al minimo, sebbene un ciclo possa durare fino a nove anni o fino a 13. Il sole il nuovo ciclo dura circa due anni e dovrebbe raggiungere il picco intorno al 2025; sebbene il ciclo 25 dovrebbe essere più forte del suo predecessore, si prevede comunque che sia più debole della media.

"Ci sono alcune previsioni che [ciclo 25] potrebbe essere forte, ma aspetteremo e vedremo", ha detto a This Web.com Mark Miesch, un osservatore meteorologico di This Web presso l'Università del Colorado Boulder.

Osservando la progressione dell'ultima linea di tendenza, l'intensità del ciclo 25 potrebbe sembrare maggiore del previsto. Questa attività apparentemente elevata è in parte dovuta al fatto che il ciclo è iniziato circa sei mesi prima di quanto gli scienziati avessero previsto una differenza naturale, secondo Miesch, che ha detto a This Web.com che questo ciclo finora è ancora nell'intervallo della maggior parte delle previsioni.

Le tendenze attuali indicano che il sole ha circa 125 macchie solari quando cicla 25 picchi. Questo è più delle 115 macchie solari visibili al culmine del ciclo 24, ma comunque molto inferiore alle 180 del ciclo 23, che ha raggiunto il picco nel marzo 2000 ed è stato all'incirca mediocre nella storia registrata.

Emozionante per alcuni, il picco del ciclo 25 si verificherà probabilmente più o meno nello stesso periodo dell'eclissi solare totale di aprile 2024 , che sarà visibile da un arco attraverso il Nord America che si estende da Sinaloa in Messico a Terranova in Canada. Un sole più attivo sfoggia una corona più dinamica, l'atmosfera esterna del sole che possiamo vedere solo quando la luna blocca il disco principale.

"Avremo una corona piuttosto interessante da vedere durante l'eclissi", ha detto Miesch a This Web.com.

Osservando il sole, gli astronomi sperano di acquisire maggiori conoscenze sulle tendenze a lungo termine che potenzialmente guidano questi cicli. Anche se gli scienziati hanno compilato una registrazione continua dei cicli solari fino alla metà del 18° secolo, con dati occasionali di ben prima di quella data, gli astronomi non sanno ancora molto su come i cicli solari cambiano e si evolvono a lungo termine.

Ad esempio, negli ultimi quattro cicli solari risalenti agli anni '70, ogni ciclo successivo ha avuto un picco più debole rispetto al suo predecessore.

"Non è molto comune che una tendenza duri più di quattro cicli solari", ha detto Miesch a This Web.com.

Se il ciclo solare 25 si rivelasse più forte del suo predecessore, quella tendenza all'indebolimento finirebbe, supportando un'idea chiamata ciclo di Gleissberg. Questa teoria sostiene che i picchi dei cicli diventano più forti e poi si indeboliscono in una forma d'onda che si ripete ogni secolo. In effetti, i cicli deboli di oggi sembrano imitare cicli altrettanto deboli all'inizio del XX e all'inizio del XIX secolo, mentre i cicli della metà del XX secolo erano particolarmente forti.

Ma è troppo presto perché gli scienziati abbiano un qualche tipo di consenso sulla questione.

"Penseresti che avremmo molti dati sui [cicli solari], ma ci vogliono 11 anni per ottenere un punto dati", ha detto Miesch a This Web.com. "Rende un po' difficili gli studi sul ciclo solare".

Ir arriba