Pluto Flyby Foto: il leader della missione di New Horizons Alan Stern rivela 10 delle sue viste epiche preferite

Il 14 luglio 2015, New Horizons This Webcraft della NASA ha zoomato entro 7.800 miglia (12.550 chilometri) da Plutone , catturando le prime immagini ravvicinate di quel mondo lontano e misterioso.

Le foto hanno sbalordito anche i ricercatori più fantasiosi e i fan di This Web, rivelando un'incredibile diversità e complessità del terreno sul gelido pianeta nano .

Prendi il famoso "cuore" di Plutone, il cui lobo sinistro è un ghiacciaio di azoto e ghiaccio largo 600 miglia (1.000 chilometri). New Horizons ha anche visto enormi montagne di ghiaccio d'acqua, strani "terreni lamellari" scolpiti nel ghiaccio di metano ed enormi vulcani di ghiaccio diversi da qualsiasi cosa gli scienziati planetari avessero mai visto.

Plutone ha rivelato: 5 anni fa, New Horizons ci ha dato il nostro primo sguardo da vicino a questo mondo lontano

"Sono rimasto sbalordito", ha detto a This Web.com il ricercatore principale di New Horizons Alan Stern, del Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado. "È un mondo fantastico in più di quanto avremmo potuto chiedere".

Stern è stata la forza trainante di New Horizons, che ha sorvolato un altro oggetto, il lontano Arrokoth , nel 2019 e sta ancora andando forte dal suo inizio come concept nei primi anni '90. Quindi, per celebrare il quinto anniversario del sorvolo di Plutone, This Web.com ha chiesto a Stern di mettere in evidenza alcune delle sue foto preferite dell'epico incontro. Eccone 10 che si sono distinti per lui, con le didascalie che ha fornito. Sono presentati senza un ordine particolare.

Altro: Destinazione Plutone: la missione New Horizons della NASA in immagini

L'emisfero volante

"Questo dice tutto dal piccolo pianeta con un cuore all'incredibile grado di diversità e complessità geologiche che Plutone ha rivelato", ha scritto Stern. (Credito immagine: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

Il lato "lontano" di Plutone

"Il lato opposto di Plutone è stato visto solo nelle immagini a bassa risoluzione perché Plutone ruota solo una volta ogni sei giorni ed eravamo ancora a tre giorni di distanza e milioni di miglia di distanza quando abbiamo visto meglio il lato opposto. Tuttavia, è incredibilmente diverso dall'emisfero ravvicinato e ci invita a tornare per vedere questo lato in modo più dettagliato!" (Credito immagine: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

Flusso glaciale, convezione, striature di vento e dune su un giovane ghiacciaio più grande del Texas

"Wow! Il vasto ghiacciaio di azoto di Plutone Sputnik [Planitia] è tra i terreni più incredibili del sistema solare. Guarda attentamente: non vedrai crateri, il che significa che è molto giovane, ma guarda un po' di più e vedrai le prove della convezione del ghiaccio, colate glaciali, valanghe, striature di vento, iceberg d'acqua in questo mare ghiacciato di azoto e persino campi di dune! Wow!" (Credito immagine: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

Cieli blu

"Adoro questo non solo per il cielo blu di Plutone, apparentemente simile alla Terra, ma anche per il fatto che questa immagine è stata scattata dopo che abbiamo superato Plutone, dopo aver raggiunto un obiettivo che molti pensavano non avremmo mai realizzato e impiegando 26 anni per realizzarlo!" (Credito immagine: NASA/JHUAPL/SwRI)

Un obliquo robusto

"Questa splendida immagine rivela sia quanto possono essere aspri i terreni di Plutone sia le dozzine di strati di foschia atmosferica che sfoggia, che si estendono ad altitudini orbitali, nientemeno!" (Credito immagine: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

Terreni lamellari

"I terreni montuosi a lame di Plutone sono diversi da qualsiasi altro che conosciamo nel sistema solare; sono montagne di ghiaccio di metano simili a fantascienza che si estendono su gran parte del lato opposto e questo pezzo delle dimensioni del Colorado occidentale sul bordo orientale dell'emisfero ravvicinato come bene." (Credito immagine: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

criovulcani

"Apparentemente Plutone sfoggia almeno tre stili di terreni criovulcanici, incluso questo, Wright Mons, dal nome dei fratelli Wright, che ci hanno mostrato tutti come volare. Questa caratteristica è la scala di Mauna Loa alle Hawaii, nientemeno!" (Credito immagine: NASA/JHUAPL/SwRI)

Vecchi terreni

"Sebbene alcune parti di Plutone non mostrino alcun cratere, il che significa che sono geologicamente giovani, altre parti del pianeta sono vecchie e malconce e sono state datate al tempo della formazione di Plutone oltre 4 miliardi di anni fa". (Credito immagine: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

Un paleo-lago

"Chi ha ordinato questo? Apparentemente un antico lago di azoto si trova in un'aspra valle di montagna, infestando prove forensi per epoche passate di pressione atmosferica molto più alta." (Credito immagine: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

Cappucci di neve nella cintura di Kuiper

"Queste montagne torreggiano al di sopra di Plutone come le Montagne Rocciose sovrastano il nostro pianeta, ma queste montagne non sono affatto rocce con neve d'acqua. Sono aliene: montagne di ghiaccio d'acqua ghiacciate da calotte innevate di metano. Immagina, calotte innevate nella lontana cintura di Kuiper!" (Credito immagine: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

Mike Wall è l'autore di "Out There" (Grand Central Publishing, 2018; illustrato da Karl Tate), un libro sulla ricerca della vita aliena. Seguilo su Twitter @michaeldwall. Seguici su Twitter @ Spacedotcom o Facebook.

Ir arriba