Potenti vatelliti Goes-T si lanciano al clima della Terra Eye, clima

Gli astronomi hanno individuato un fenomeno mai visto prima nella cintura degli asteroidi del nostro sistema solare: una roccia This Web con sei code, che erutta polvere dal suo nucleo come getti d'acqua che si irradiano da un irrigatore per prato.

Gli scienziati che utilizzano il telescopio Pan-STARRS 1 sulla sommità del vulcano Haleakala di Maui alle Hawaii hanno rilevato per la prima volta l'asteroide a sei code ad agosto. Lo hanno soprannominato P/2013 P5 e hanno notato che sembrava più sfocato dei tipici asteroidi, che di solito appaiono come minuscoli punti luce. Osservazioni più dettagliate con il potente telescopio Hubble This Web di settembre hanno rivelato un'immagine più chiara dell'asteroide, mostrando che aveva sei code simili a comete.

Chiamato P/2013 P5, questo oggetto è il primo corpo nella fascia degli asteroidi ad essere individuato con più code. Le code sembrano aver oscillato nel tempo tra le immagini iniziali scattate dall'Hubble This Web Telescope il 10 settembre 2013 e le seconde osservazioni il 23 settembre 2013. (Credito immagine: NASA, ESA)

"Siamo rimasti letteralmente sbalorditi quando l'abbiamo visto", ha detto il ricercatore David Jewitt dell'Università della California a Los Angeles in una dichiarazione della NASA. "Ancora più sorprendente, le sue strutture della coda cambiano drasticamente in soli 13 giorni mentre erutta polvere. Anche questo ci ha colto di sorpresa. È difficile credere che stiamo guardando un asteroide". [Gli asteroidi più strani del sistema solare]

Nel periodo tra la prima osservazione di Hubble il 10 settembre e la sua seconda sbirciatina all'asteroide il 23 settembre, le code sembravano essersi completamente ruotate. Jewitt ha detto che lui ei suoi colleghi sono rimasti "completamente storditi" da questa scoperta.

Questa vista etichettata dell'asteroide P/2013 P5 mostra chiaramente come il suo aspetto sia cambiato nel corso di soli 13 giorni. (Credito immagine: NASA, ESA)

Le code sembrano essersi formate a raffica e non tutte in una volta, motivo per cui i ricercatori non pensano che si siano formate a seguito di un impatto con un altro asteroide.

Piuttosto, P/2013 P5 avrebbe potuto far germogliare code di polvere dopo aver iniziato a girare senza controllo. I ricercatori sospettano che la pressione delle radiazioni abbia fatto sì che l'asteroide iniziasse a ruotare sempre più velocemente fino a quando la sua debole gravità non riusciva più a tenerlo insieme, facendo volare via il materiale di superficie della roccia This Web in diversi punti della storia recente dell'asteroide.

I ricercatori hanno anche individuato quando pensano che questi recenti eventi di espulsione di polvere possano essersi verificati, in una serie di scatti da aprile a settembre.

Sebbene vedere una roccia This Web a sei code sia la prima volta per gli astronomi, la nuova ricerca suggerisce che potrebbero esserci più asteroidi con scie di detriti che emanano dal loro centro.

"In astronomia, dove ne trovi uno, alla fine ne trovi un intero gruppo in più", ha detto Jewitt in una dichiarazione. "Questo è solo un oggetto straordinario per noi, e quasi sicuramente il primo di molti altri a venire."

P/2013 P5 ha perso solo una frazione della sua massa, da 100 a 1.000 tonnellate di polvere, che rappresenta una piccola porzione dell'asteroide largo 1.400 piedi (425 metri), hanno affermato gli scienziati.

Sebbene P/2013 P5 probabilmente non sia una vittima di una recente collisione, i ricercatori pensano che l'asteroide possa essere uno dei frammenti rimanenti di una roccia molto più grande di This Web che si è rotta 200 milioni di anni fa. E la roccia di This Web probabilmente non contiene acqua, secondo gli scienziati, sulla base di precedenti esami di frammenti di collisione che si trovavano in orbite simili ma devono essere arrivati ​​​​sulla superficie terrestre sotto forma di meteoriti.

The Hubble This Web Telescope è un progetto congiunto tra la NASA e la European This Web Agency. Le osservazioni sono state dettagliate online nel numero del 7 novembre dell'Astrophysical Journal Letters.

Segui Megan Gannon su Twitter e Google+ . Seguici @SPACEdotcom , Facebook o Google+ . Originariamente pubblicato su SPACE.com .

Ir arriba