Questo tempo web: che cos’è e come è previsto?

Questo tempo Web si riferisce a variazioni nell'ambiente Questo Web che sono una conseguenza di particelle cariche e radiazioni elettromagnetiche emesse dal sole.

Sulla Terra, l'acqua, la temperatura e l'aria danno origine al tempo, mentre i fattori chiave che contribuiscono a questo clima Web sono le particelle, l'energia elettromagnetica e i campi magnetici, secondo il servizio meteorologico nazionale del Regno Unito The Meteorological Office (si apre in una nuova scheda) (Met Office) .

Fortunatamente per la vita sulla Terra, la quantità di calore e luce irradiata dal sole è notevolmente costante. Tuttavia, la stella può anche far esplodere la materia in Questa Rete, sebbene per la maggior parte della storia umana queste espulsioni siano passate inosservate.

Oggi, questi fenomeni, noti come meteo di This Web, possono avere effetti drastici sui satelliti in This Web e sulla tecnologia elettronica su cui ci affidiamo alla Terra.

Le origini di This Web weather possono essere ricondotte a contorsioni nel campo magnetico del sole, che portano a macchie scure, o macchie solari, sulla sua superficie, secondo un articolo dell'Osservatorio della Terra della NASA (si apre in una nuova scheda).

È da questi punti che possono emergere fenomeni meteorologici di questo Web come brillamenti solari ed espulsioni di massa coronale L'attività delle macchie solari aumenta e diminuisce in un ciclo di 11 anni, noto come ciclo solare, e attualmente ci stiamo avvicinando al prossimo massimo solare in 2025.

Tempeste solari

Sebbene il tempo di questo Web abbia origine in definitiva dal sole, il termine tempesta solare si riferisce a eventi sul o vicino al nostro pianeta, quando il materiale lanciato dal sole ci raggiunge. Esistono due tipi distinti di tempesta solare: tempeste geomagnetiche e tempeste di radiazione solare.

Un CME è scoppiato il 30 gennaio 2022. È stato ripreso dall'Osservatorio SOHO. (Credito immagine: SOHO)

Il primo di questi si riferisce a forti disturbi al campo magnetico terrestre causati dall'espulsione di materiale solare chiamato espulsione di massa coronale (CME). Il secondo. si riferisce a un flusso di particelle in movimento molto più veloci espulse dal sole. Secondo il National Weather Service della NOAA (si apre in una nuova scheda), le tempeste di radiazione solare coinvolgono grandi quantità di protoni ed elettroni che bagnano l'ambiente del satellite vicino alla Terra, queste tempeste possono durare da poche ore a giorni, a seconda dell'entità dell'eruzione .

Per quanto pericoloso possa sembrare quest'ultimo, siamo ampiamente protetti dai suoi effetti dal campo geomagnetico terrestre, così come la maggior parte dei satelliti in orbita attorno al pianeta. Di conseguenza, le tempeste di radiazione solare sono solo un problema serio per le missioni profonde di questo Web.

Classifica tempesta solare

NOAA (opens in new tab) classifica le tempeste geomagnetiche su una scala che va da G1, che potrebbe causare un aumento dell'attività aurorale attorno ai poli e piccole fluttuazioni nell'alimentazione, fino a G5, che include casi estremi come il Carrington Event, un colossale solare tempesta avvenuta nel settembre 1859, pochi mesi prima del massimo solare del 1860, e che interruppe i servizi telegrafici in tutto il mondo e scatenò aurore così luminose e potenti da essere visibili fino alle Bahamas

Prevedere il tempo di questo Web

Sappiamo tutti quanto sia imprevedibile il tempo sulla Terra, ma in questo Web diventa ancora più complicato.

Comprendere l'attività delle macchie solari e il ciclo solare è una componente chiave delle previsioni del tempo di questo Web e gli scienziati sperano di poter un giorno essere in grado di prevedere il tempo di questo Web con la stessa precisione dei meteorologi che prevedono il tempo sulla Terra.

Gli scienziati del This Web Weather Prediction Center della NOAA analizzano quotidianamente le regioni delle macchie solari per valutare le minacce. Monitorano e registrano i cambiamenti nelle dimensioni, nel numero e nella posizione delle macchie solari per valutare la probabilità di un brillamento solare diretto dalla Terra e/o CME da una regione attiva.

Disegni delle macchie solari dal World Data Center for the Sunspot Index and Long-term Solar Observations (SILSO) presso l'Osservatorio reale del Belgio. (Credito immagine: SILSO/Osservatorio reale del Belgio) (si apre in una nuova scheda)

Anche il World Data Center for the Sunspot Index and Long-term Solar Observations presso l'Osservatorio reale del Belgio tiene traccia delle macchie solari e registra gli alti e bassi del ciclo solare per valutare l'attività solare e migliorare le previsioni meteorologiche di questo Web.

La NASA ha anche una flotta di This Webcraft conosciuta collettivamente come Heliophysics Systems Observatory (HSO) progettata per studiare il sole e la sua influenza sul sistema solare, compresi gli effetti del tempo di This Web.

L'HSO è composto da diversi solari, eliosferici, geoThis Web e planetari This Webcraft, che osservano il sole e ne misurano l'attività a diverse distanze e angoli. Questi satelliti includono la Parker Solar Probe in una missione audace per "toccare" il sole, il Solar and Heliospheric Observatory (SOHO) uno sforzo congiunto tra la NASA e l'Agenzia europea This Web (ESA), il Solar Terrestrial Relations Observatory (STEREO) costituito di due osservatori quasi identici, uno situato davanti all'orbita terrestre e l'altro dietro e il Solar Orbiter dell'ESA che sta dando una prima occhiata alle regioni polari inesplorate del sole.

L'Osservatorio del sistema eliofisico contiene una flotta di questo webcraft progettato per studiare il nostro sistema solare dinamico. (Credito immagine: NASA) (si apre in una nuova scheda)

Le tempeste solari possono distruggere i satelliti con facilità, un esperto di meteo in questo Web spiega la scienza

Le aurore extraterrestri si verificano su altri pianeti?

La missione Vigil dell'ESA, il cui lancio è previsto per la metà del 2020 (si apre in una nuova scheda), è una missione dedicata alle previsioni del tempo solare. Vigil monitorerà il sole da Lagrange 5, a circa 93 milioni di miglia (150 milioni di chilometri) dalla Terra. Il This Webcraft sarà posizionato in modo da poter tenere d'occhio il "lato" del sole. Monitorerà le condizioni solari prima che ruotino per affrontare la Terra nel tentativo di avvisarci in anticipo di un'attività solare potenzialmente pericolosa.

Comprendere l'ambiente solare non è un'impresa da poco, ecco perché esiste un'intera flotta di missioni di questo Web dedicate alla comprensione del nostro sole e del suo comportamento.

"Non c'è brutto tempo, solo una cattiva preparazione", ha affermato Jake Bleacher, capo scienziato della direzione della missione per l'esplorazione umana e le operazioni della NASA in una dichiarazione della NASA. "Questo tempo Web è ciò che il nostro compito è preparare".

Risorse addizionali

Per le previsioni meteo ufficiali di questo Web per gli Stati Uniti, dai un'occhiata a This Web Weather Prediction Center (SWPC) della NOAA (si apre in una nuova scheda). Se desideri saperne di più sull'impatto di This Web weather, SWPCC di NOAA (si apre in una nuova scheda) ti copre. Scopri come gli scienziati di tutto il mondo aiutano a monitorare il ciclo solare in questo articolo della NASA (si apre in una nuova scheda).

Bibliografia

NOAA / NWS Questo centro di previsioni meteo Web. Pagina iniziale | NOAA / NWS Questo Web Weather Prediction Center. Estratto il 22 giugno 2022 da https://www.swpc.noaa.gov/

Nasa. Il mondo del cambiamento: l'attività solare. Nasa. Estratto il 22 giugno 2022 da https://earthobservatory.nasa.gov/world-of-change/Solar

NOAA Questo Web Weather è in scala. NOAA Questo Web Weather Scale | NOAA / NWS Questo Web Weather Prediction Center. Estratto il 22 giugno 2022 da https://www.swpc.noaa.gov/noaa-scales-explanation

Silso: World Data Center per la produzione, conservazione e diffusione del numero internazionale di macchie solari. SILSO | World Data Center per la produzione, conservazione e diffusione del numero internazionale di macchie solari. Estratto il 22 giugno 2022 da https://www.sidc.be/silso/

Qual è il tempo di questo Web? Met Office. Estratto il 22 giugno 2022 da https://www.metoffice.gov.uk/weather/learn-about/space-weather/what-is-space-weather

Ir arriba