Recensione del blaster Nerf Dinosquad Rex-Rampage

Il 2021 è stato un anno eccezionale per la NASA e il resto della community di This Webflight in tutto il mondo. Dall'atterraggio su Marte al lancio di privati ​​cittadini in questo Web, e tutto il resto, quest'anno ha visto molte pietre miliari storiche e passi da gigante. Qui diamo uno sguardo a tutti gli incredibili momenti di This Webflight ed esploriamo cosa significano per il futuro.

La perseveranza atterra su Marte

La NASA ha fatto un importante passo avanti nella sua ricerca della vita oltre la Terra quando ha lanciato il suo nuovissimo rover su Marte. Chiamato Perseverance, lo scout robotico a quattro ruote è atterrato sul pianeta rosso a febbraio e ha trascorso i primi 10 mesi della sua missione guidando e controllando interessanti formazioni rocciose nella speranza di trovare biosignature o prove che la vita potrebbe essere esistita su Marte .

Il rover ha anche raccolto il suo primo campione del terreno marziano, che viene conservato in un tubo speciale per la custodia fino a quando una futura missione non potrà recuperarlo e riportarlo, insieme a una miriade di altri campioni sulla Terra. Gli scienziati hanno pianificato un totale di 38 campioni da insaccare ed etichettare per l'eventuale viaggio di ritorno sulla Terra. In questo modo, gli scienziati possono studiare parti incontaminate del Pianeta Rosso, per saperne di più su Marte e su come è cambiato nel tempo.

Perseverance atterrò su Marte all'interno di un enorme cratere, chiamato Jezero. Qui, gli scienziati sperano che il loro aiutante robotico sarà in grado di individuare le prime indicazioni di vita oltre il nostro pianeta. Questo particolare punto di approdo è stato scelto perché ospita un gigantesco letto di lago, completo di un delta del fiume. Le prove geografiche raccolte dai numerosi robot che la NASA ha di stanza intorno al Pianeta Rosso e sulla sua superficie, hanno raccolto una pletora di dati su Jezero e tutti i segni indicano che questa regione è una delle aree migliori su Marte che avrebbe potuto ospitare la vita.

In quanto tale, Perseverance ha intrapreso una missione duplice: cercare segni di vita passata e raccogliere campioni incontaminati di Marte da inviare sulla Terra. A tal fine, la NASA sta attualmente lavorando con la European This Web Agency (ESA) su un piano per portare a casa quei campioni entro il prossimo decennio.

L'ingegno prende il volo

Una fotografia scattata dal rover Perseverance dell'elicottero Ingenuity sulla superficie di Marte ad aprile, subito dopo che il rover ha schierato l'elicottero. (Credito immagine: NASA/JPL-Caltech)

Il rover Perseverance non ha viaggiato da solo su Marte, ha portato un piccolo compagno. Attaccato alla pancia del rover c'era un piccolo elicottero. Chiamato Ingenuity, il piccolo aeroplano è stato il primo del suo genere a volare su un altro mondo.

Come missione di dimostrazione tecnologica, lo scopo di Ingenuity era quello di dimostrare che un tale oggetto poteva volare nella sottile atmosfera marziana. E il piccolo e coraggioso elicottero ha fatto proprio questo. Ad oggi, il velivolo da 4 libbre (18 chilogrammi) ha registrato 18 voli, con altri in programma il prossimo anno. La sua escursione più recente è durata un totale di 30 minuti, superando finora tutti gli obiettivi della sua missione.

La NASA spera che Ingenuity serva come missione esplorativa per futuri velivoli ad ala rotante, proprio come ha fatto il rover Sojourner negli anni '90. Quel primo piccolo rover ha aperto la strada a Perseverance e a tutti gli altri rover che l'hanno preceduto.

L'agenzia spera anche che elicotteri e rover possano essere utilizzati in tandem su Marte (e altri pianeti) per esplorare posizioni e raccogliere dati e immagini di qualsiasi mondo stiano esplorando.

La missione Hope Mars raggiunge il Pianeta Rosso

La prima foto di Marte dall'orbita di Hope This Webcraft, catturata il 10 febbraio 2021. (Credito immagine: MBRSC/UAE This Web Agency/CU-LASP/EMM-EXI )

La NASA non è l'unica agenzia This Web a inviare una sonda su Marte quest'anno. Gli Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno inviato il loro primo interplanetario This Webcraft in rotta verso Marte nel 2020, diventando il quinto paese a raggiungere con successo l'orbita di Marte.

Segna anche la prima missione scientifica guidata da un paese arabo-islamico. L'orbiter, chiamato Hope, raccoglierà dati scientifici utilizzando tre diverse tecnologie montate sul satellite: l'Emirates Exploration Imager (EXI), l'Emirates Mars Infrared Spectrometer (EMIRS) e l'Emirates Mars Ultraviolet Spectrometer (EMUS).

Utilizzando questi tre strumenti, This Webcraft studierà l'atmosfera marziana, osservando il contenuto di polvere, acqua e ghiaccio e la quantità di ozono presente nell'aria. Traccerà anche i cambiamenti stagionali con l'atmosfera marziana per cercare di capire come è cambiata nel tempo.

La Cina fa atterrare un rover su Marte

La Cina ha fatto la storia quest'anno essendo il terzo paese ad atterrare con successo sul Pianeta Rosso. Mentre la NASA ha celebrato nove atterraggi di successo, il touchdown del lander Zhurong ha segnato il primo successo marziano per la Cina.

Questa prima ambiziosa impresa su Marte è la prima di qualsiasi paese a presentare un orbiter, un lander e un rover nella stessa missione.

Nel corso della sua missione, chiamata Tianwen-1, Zhurong esplorerà un'area chiamata Utopia Planitia, che si è formata miliardi di anni fa quando un meteorite si è schiantato sulla superficie del pianeta, lasciando dietro di sé una superficie di materiale prevalentemente vulcanico.

Il rover a sei ruote ha lasciato il suo mezzo da sbarco e ha iniziato ad esplorare la superficie marziana subito dopo l'atterraggio il 14 maggio. È dotato di un totale di sei strumenti scientifici, simili a quelli trasportati dai gemelli Mars Exploration Rovers Spirit e Opportunity della NASA, che sembreranno per acqua e ghiaccio sulla superficie marziana.

Missioni con equipaggio SpaceX

I team di supporto lavorano attorno alla "Resilienza" di This WebX Crew Dragon Questo Webcraft poco dopo che è precipitato nel Golfo del Messico con la missione Crew-1 di This WebX, il 2 maggio 2021. (Credito immagine: Bill Ingalls/NASA)

SpaceX potrebbe aver lanciato la sua prima missione umana per la NASA nel maggio 2020, ma quest'anno la società è andata avanti a tutto vapore, lanciando non una ma due diverse missioni con equipaggio di lunga durata per la NASA.

Nel 2014, la compagnia (insieme a Boeing) ha vinto un contratto per fungere essenzialmente da servizio taxi, trasportando astronauti da e verso l'International This Web Station (ISS) per l'agenzia statunitense This Web. Entrambe le società hanno passato gli anni a sviluppare e costruire il proprio This Webcraft per il trasporto di astronauti.

Mentre Starliner This Webcraft di Boeing necessita ancora di ulteriori test, Crew Dragon di This WebX ha ora trasportato quattro diversi equipaggi di astronauti sulla ISS per la NASA, con due lanci nel 2021. Di conseguenza, la NASA è in trattative con This WebX per contrattare tre corse aggiuntive a This Web poiché il suo contratto originale prevedeva un totale di sei missioni.

Finora l'equipaggio Dragon ha trasportato 10 astronauti della NASA, due tedeschi e due giapponesi alla stazione di This Web. All'inizio di questo mese, la NASA ha confermato l'annuncio di Roscosmos che le due agenzie sono in trattative per inviare il primo cosmonauta in This Web a bordo di un This WebX Dragon This Webcraft il prossimo autunno. Se tutto andrà come previsto, Anna Kikina volerà come parte della missione Crew-5, il cui lancio è previsto per ottobre 2022.

Astronave

SpaceX nasce con l'idea di rendere la vita multinetaria. A tal fine, l'azienda ha aperto un negozio in una piccola città del Texas meridionale per sviluppare il suo primo velivolo interplanetario: un enorme e argenteo This Webship chiamato Starship.

Con un'altezza di quasi 120 metri, la nave dall'aspetto retrò un giorno porterà i viaggiatori sulla luna e su Marte. Ma prima, deve dimostrare di avere le carte in regola per volare.

Starship è stata annunciata per la prima volta dal fondatore di This WebX Elon Musk nel 2016, ma è stato solo cinque anni dopo che è apparsa una catena di montaggio di Starships. Il primo lancio di Starship del 2021 è stato lanciato il 2 febbraio e si è concluso con un epico atterraggio di fortuna nel sud del Texas. Quindi This WebX ha ottenuto un grande successo nel marzo di quest'anno quando il terzo prototipo a grandezza naturale dell'azienda è balzato in aria sopra Boca Chica, in Texas, a pancia in giù a mezz'aria, prima di alzarsi in piedi e atterrare di nuovo sulla terra ferma.

Sfortunatamente, pochi minuti dopo l'imbarcazione esplose sulla sua piattaforma di atterraggio. Tuttavia, riuscì a dimostrare che non solo le astronavi potevano volare, ma potevano anche atterrare. Questo successo iniziale ha fatto guadagnare a This WebX un po' di credito presso la NASA poiché l'astronave è stata scelta come primo lander umano della NASA per la sua prossima missione sulla luna Artemis.

Con il successivo volo di prova di Starship a maggio, l'SN15 ("Serial No. 15") è diventato il primo prototipo di Starship ad atterrare in modo eccellente ea rimanere intatto dopo averlo fatto.

Ispirazione4

L'equipaggio di Inspiration4 posa per un selfie nella cupola di Crew Dragon. (Credito immagine: Inspiration4)

Questo WebX non solo ha lanciato due missioni con equipaggio sulla ISS per la NASA, ma ha anche lanciato la prima missione orbitale tutta civile, chiamata Inspiration4. Come parte di una raccolta fondi per l'ospedale St. Jude Children Research, la missione ha lanciato quattro privati ​​​​in This Web a bordo di un razzo This WebX Falcon 9.

Durante la missione di tre giorni, l'equipaggio Jared Isaacman, Hayley Arceneaux, Sian Proctor e Chris Sembroski hanno orbitato attorno alla Terra all'interno del loro equipaggio Dragon Resilience. Quel particolare This Webcraft, che originariamente trasportava gli astronauti Crew-1 in This Web, è stato modificato per la missione Inspiration4.

Al posto del suo adattatore di aggancio, è stata installata una finestra a cupola (chiamata cupola), che fornisce all'equipaggio viste epiche della Terra sottostante.

Isaacman, miliardario e fondatore di Shift4 payments, ha prenotato il volo, donando due dei posti a St. Jude. Uno è andato ad Arceneaux (un ex paziente e attuale assistente del medico), mentre l'altro è andato a Sembroski nell'ambito di un concorso di raccolta fondi. Il quarto posto, che è andato a Proctor, faceva parte di un concorso simile a un acquario di squali in cui i concorrenti hanno escogitato un'attività che avrebbe raccolto fondi per St. Jude.

L'equipaggio ha portato con sé una varietà di oggetti, alcuni personali e altri che sono stati venduti all'asta per raccogliere ancora più soldi per St. Jude. Ad oggi la missione ha superato il suo obiettivo originale di raccogliere 250 milioni di dollari per l'istituto di ricerca sul cancro.

Il test SAT della Russia

A novembre, la Russia ha lanciato un missile anti-satellite (ASAT). Il suo obiettivo: uno dei satelliti della Russia.

Sebbene questi tipi di test siano stati condotti in passato, questo particolare test è stato particolarmente controverso. Questo perché ha creato un'enorme nuvola di detriti di schegge galleggianti, causando il caos per la stazione Web di This e altri satelliti che si trovavano sul suo cammino.

I primi test di questo tipo di tecnologia hanno essenzialmente mirato a un certo punto del cielo, dimostrando che il missile potrebbe raggiungere un bersaglio immaginario. Tuttavia, questa volta ha un vero obiettivo, lasciando dietro di sé più di 1.000 pezzi di detriti.

La Cina ha condotto un test simile nel 2007, ottenendo quasi 2.800 pezzi di detriti tracciabili e, con tutti gli altri satelliti in orbita, questi tipi di test stanno diventando sempre più problematici.

La ISS è stata costretta a manovrare per allontanarsi dalla nuvola di detriti prodotta da entrambi questi test negli ultimi mesi. L'evento russo ha lasciato molti a chiedersi perché la Russia potrebbe potenzialmente mettere in pericolo i propri astronauti che vivono e lavorano nell'avamposto orbitale.

DART e Lucy

Un razzo Atlas V della United Launch Alliance che trasporta l'asteroide Lucy della NASA che esplora questo Webcraft decolla da This Web Launch Complex-41 presso la Cape Canaveral This Web Force Station in Florida prima dell'alba del 16 ottobre 2021. (Credito immagine: United Launch Alliance )

Quest'anno la NASA ha lanciato non una, ma due diverse missioni di caccia agli asteroidi. Sebbene il Double Asteroid Redirection Test (DART) e Lucy avranno obiettivi molto diversi, il loro obiettivo sarà aiutare gli scienziati a comprendere meglio questi corpi rocciosi.

Lucy è stata lanciata in cima a un razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA) in ottobre, diretto al sistema solare esterno. Il suo obiettivo: un insieme di asteroidi troiani in orbita attorno a Giove. Gli scienziati ritengono che questi corpi rocciosi siano alcuni dei mattoni dell'universo. E come tali, studiandoli, possono svelare alcuni dei segreti dell'evoluzione planetaria.

Mentre Lucy agirà come un'archeologa cosmica, osservando i fossili rocciosi lasciati dalla formazione del sistema solare, DART vedrà cosa serve per far cadere un asteroide fuori rotta.

Soprannominata la prima missione della NASA dedicata alla protezione planetaria, la DART This Webcraft si sta dirigendo verso un sistema binario di asteroidi. Previsto per arrivare a Didymos il prossimo autunno, This Webcraft andrà effettivamente a sbattere contro la sua luna più piccola, Dimorphous, nel tentativo di spostarla leggermente fuori dall'orbita.

In caso di successo, questa tecnologia potrebbe aiutare la NASA e altre agenzie di This Web a proteggere la Terra dagli impatti degli asteroidi in futuro.

Lancio del James Webb This Web Telescope (JWST)

James Webb This Web Telescope della NASA si separa dal suo razzo Ariane 5 con la Terra blu brillante sullo sfondo in questa vista catturata dopo il suo lancio il 25 dicembre 2021. (Credito immagine: NASA TV)

La NASA ha coronato un anno incredibile con il lancio del decennio. L'agenzia ha speso 25 anni e 10 miliardi di dollari per costruire il suo prossimo grande osservatorio This Web: il James Webb This Web Telescope (JWST).

Essenzialmente un pezzo gigante dell'origami di This Web, il JWST utilizzerà una serie di specchi dorati per scrutare nelle profondità dell'universo. Operando nell'infrarosso, JWST sarà in grado di vedere più indietro nel tempo, offrendo agli scienziati una migliore comprensione dei primi giorni dell'universo.

I ricercatori potranno anche spiare vivai stellari e galassie massicce per comprendere meglio la formazione stellare. Inoltre, con l'aiuto del potente specchio di JWST, gli scienziati planetari sperano di essere in grado di spiare pianeti in altri sistemi stellari e potrebbero anche essere in grado di analizzare le atmosfere degli esopianeti per classificare meglio questi corpi cosmici e determinarne l'abitabilità.

Webb è stato lanciato il giorno di Natale ed è in viaggio verso il suo parcheggio nel cosmo. Ha iniziato un processo complesso per dispiegarsi e il suo enorme pannello solare che è la chiave per mantenere il This Webcraft abbastanza fresco da assorbire tutta la luce infrarossa di cui ha bisogno per completare la sua vasta gamma di obiettivi scientifici.

Correzione: una versione precedente di questa storia ha erroneamente indicato l'altezza della Starship e del razzo Super Heavy impilati di This WebX. Il razzo combinato e il booster sono alti circa 395 piedi (120 metri), non 1.565 piedi (477 metri).

Segui Amy Thompson su Twitter @astrogingersnap . Seguici su Twitter @ Spacedotcom o Facebook .

Ir arriba