Recensione di AI luminar

Ottenere lo zoom massimo dalla fotocamera può aiutarti a catturare immagini dettagliate del cielo notturno. È una tecnica chiave da padroneggiare in astrofotografia, dove spesso cerchi di superare la vasta distanza tra la fotocamera e il soggetto. Pianeti, stelle e nebulose appaiono solo come puntini distanti ad occhio nudo, ma tecniche e attrezzature specializzate, come le migliori fotocamere per astrofotografia (si apre in una nuova scheda), possono aiutarti a catturarli più chiaramente.

Qui, analizziamo il tipo di kit che dovresti cercare e le migliori app di fotoritocco (si apre in una nuova scheda) che puoi utilizzare per aumentare le tue possibilità di ottenere immagini dettagliate. Per ulteriori suggerimenti di base, dai un'occhiata alla nostra guida all'astrofotografia per principianti (si apre in una nuova scheda).

Zoom digitale vs zoom ottico

La maggior parte delle fotocamere compatte e bridge, infatti, la maggior parte delle fotocamere che utilizzano un sistema di obiettivi fissi, si vantano della loro capacità di zoom. Per la maggior parte questo ha senso, perché se vogliamo flessibilità nella nostra fotografia, maggiore è la gamma di zoom, più opzioni abbiamo per catturare diversi tipi di soggetti. Tuttavia, non tutti gli zoom sono realizzati allo stesso modo.

I due tipi di zoom disponibili per le fotocamere sono ottico e digitale. Lo zoom ottico si riferisce al movimento fisico degli elementi dell'obiettivo per ottenere una lunghezza focale maggiore e quindi ingrandire la scena. Lo zoom digitale funziona ritagliando letteralmente il sensore di immagine in tempo reale, riducendo il numero di pixel utilizzati per acquisire la fotografia.

(Credito immagine: Nikon)

Per ovvie ragioni lo zoom ottico è preferibile perché le fotografie mantengono tutti i dettagli dell'immagine originale, quindi un'immagine da 20 megapixel manterrà ancora 20 MP dopo lo zoom ottico, mentre lo zoom digitale lo ridurrà. Lo zoom digitale può anche essere replicato in un secondo momento nel software di editing delle immagini attraverso l'uso del ritaglio, quindi l'uso dello zoom digitale nella fotocamera è generalmente sconsigliato perché riduce le opzioni di composizione, cosa che verrà bene in dettaglio in seguito.

(Credito immagine: Nikon)

Fotocamere con obiettivo intercambiabile

Tuttavia, non tutte le fotocamere hanno obiettivi fissi. Le reflex digitali e le fotocamere mirrorless (e una manciata di fotocamere compatte/bridge) utilizzano sistemi di obiettivi intercambiabili, che consentono all'utente di sostituire un obiettivo con un altro. Questo è estremamente utile per l'astrofotografia perché consente l'uso di obiettivi con focali diverse. Ciò significa che puoi passare dallo scatto astronomico della Via Lattea utilizzando un obiettivo grandangolare a un primo piano di una nebulosa con l'aiuto di un teleobiettivo più lungo.

Ma i teleobiettivi possono diventare incredibilmente costosi, quindi come si ottiene la stessa portata ma a un prezzo molto ridotto? Ecco dove entra in gioco un moltiplicatore di focale. I moltiplicatori di focale si collegano tra il corpo della fotocamera e l'obiettivo e possono moltiplicare la lunghezza focale. In genere sono disponibili in moltiplicatori 1,4x, 1,7x e 2x. Quindi un obiettivo da 200 mm con un moltiplicatore di focale 2x ora darebbe una lunghezza focale di 400 mm.

Spesso puoi usare i moltiplicatori di focale nella fotografia lunare, quindi vale la pena investire in uno se hai intenzione di fotografare regolarmente la luna.

(Credito immagine: Canon)

La sostituzione degli obiettivi e l'accensione e lo spegnimento dei moltiplicatori di focale hanno un prezzo (in senso letterale e figurato). Con ogni modifica rischiamo che polvere e detriti entrino nella fotocamera e si fermino sul sensore di immagine causando macchie del sensore, o addirittura sugli elementi in vetro degli obiettivi stessi, dando altre distrazioni indesiderate. Ecco perché potrebbe essere meglio acquistare un obiettivo zoom, qualcosa come un 70-200 mm. Gli obiettivi zoom offrono una buona qualità ottica indipendentemente dalla lunghezza dello zoom e dalla capacità di ricomporsi senza doversi spostare. Sebbene di solito non siano così buoni dal punto di vista ottico, sono comunemente meno costosi.

Fotocamere con il miglior zoom

Le fotocamere DSLR e mirrorless hanno una suite di obiettivi a cui rivolgersi quando è necessario aggiornare lo zoom massimo sulla fotocamera, ma sul mercato ci sono anche una serie di fotocamere compatte e bridge sorprendentemente buone.

(Credito immagine: Canon)

Forse la più famosa per il suo folle zoom della fotocamera è stata la Nikon Coolpix P900 rilasciata nel 2015. Offre uno zoom ottico 83x che equivale a 24-2000 mm su un sensore di immagine da 35 mm. Mentre la fotocamera è ancora disponibile di seconda mano a circa $ 500 nella sua ultima iterazione, la Nikon Coolpix P1000 offre uno zoom ottico 125x per dettagli dello zoom ancora più incredibili. Altre fotocamere bridge degne di nota sono la Panasonic FZ82, la Sony RX10 III e la Canon Powershot SX70 HS.

Megapixel per scatti mega

Possedere la fotocamera con i megapixel più alti non significa necessariamente che darà i migliori risultati fotografici, ma quando si tratta di catturare quanti più dettagli possibile, generalmente più grande è, meglio è.

Ad esempio, se stai scattando una foto della luna e appare relativamente piccola nell'inquadratura, puoi scattarla con una fotocamera da 40 MP e ritagliarla a metà delle dimensioni in modo che la luna appaia più grande. Perderai metà delle informazioni sui pixel, ma un'immagine da 20 MP è ancora di qualità sufficientemente elevata per la maggior parte degli usi, sia online che stampati. Questo è un modo economico per ottimizzare lo zoom della fotocamera.

È tutto sulla composizione

I soggetti vicini all'orizzonte a volte vengono amplificati visivamente a causa della fetta di atmosfera più spessa attraversata dalla luce. Hai mai notato che la luna, mentre sorge sopra l'orizzonte, ha una forma più ovale e appare più grande/più rossa? Questo perché la luce viaggia attraverso più dell'atmosfera terrestre, distorcendo la vista.

Quando la luna piena sorge su New York, viene percepita come molto più grande nel cielo poiché è incastonata tra gli edifici. (Credito immagine: Getty Images)

Quando i soggetti sono composti accanto a elementi in primo piano come alberi, orizzonti o punti di riferimento, appaiono più grandi a causa del contesto fornito dagli elementi in primo piano. Ad esempio, questa immagine su New York fa sembrare grande la luna perché i grattacieli vicini sono molto, molto più vicini all'obiettivo. Questo gioco con le prospettive può far sembrare che ci sia più zoom sulla tua fotocamera.

Utilizzare un supporto per telescopio

(Credito immagine: Celestron)

Un altro modo per ottenere lo zoom massimo dalla fotocamera è collegarla a un telescopio. La fotocamera è quindi limitata solo dalla lunghezza focale del telescopio in uso. Quasi tutti i principali produttori di telescopi offrono montature DSLR o mirrorless in modo che gli astronomi possano fotografare soggetti astronomici. Di solito si attaccano in due modi: tramite un anello a T e un adattatore per la messa a fuoco primaria montato sul telescopio; o utilizzando un adattatore di proiezione oculare se i soggetti più piccoli come i pianeti sono il soggetto desiderato. Abbiamo una guida completa su come scattare foto lunari attraverso un telescopio (si apre in una nuova scheda), per chiunque abbia bisogno di una guida in più.

Usa il software per massimizzare lo zoom

Sono disponibili molti software di editing delle immagini per l'elaborazione di astrofotografie e quelli basati sull'Intelligenza Artificiale (AI) possono migliorare le immagini a bassa risoluzione o quelle con ritagli ridotti (Image credit: Future)

Se hai esaurito le tue fotocamere o lo zoom dell'obiettivo ma sei ancora deluso dai risultati, potrebbe essere il momento di usare un po' di magia da studio per massimizzare lo zoom. Un'opzione è quella di ritagliare letteralmente un soggetto come accennato in precedenza, ma ciò limita i dettagli rimuovendo i pixel dall'immagine, limitando le dimensioni dell'immagine una volta pubblicata. Tuttavia, la nuova tecnologia spesso alimentata dall'intelligenza artificiale offre sia di ritagliare che di conservare o migliorare i dettagli nelle fotografie.

Se utilizzi Adobe Photoshop CC, vai su Filtro> Filtri neurali> Superzoom per utilizzare questa funzione. Altri software che offrono funzionalità simili sono: Affinity Photo; Luminare AI; e Topaz Labs Gigapixel AI.

Ir arriba