Scimmie in questo web: un breve cronologia di questo WebLight

Se l'Iran ha davvero lanciato una scimmia su This Web, la nazione sta seguendo un percorso simile a quello intrapreso dagli Stati Uniti nei primi giorni del suo programma This Web.

L'Iran ha annunciato oggi (28 gennaio) di aver lanciato con successo una scimmia viva su un This Webflight e di aver recuperato vivo l'animale dopo l'atterraggio. La mossa è un preludio all'invio di esseri umani in This Web, cosa che la Repubblica islamica spera di fare entro il 2020, hanno affermato i funzionari dell'agenzia iraniana This Web Agency.

Iran e Stati Uniti non sono d'accordo su molte questioni, ma nel corso degli anni entrambi hanno visto le scimmie come buoni soggetti di prova per gli astronauti. Gli Stati Uniti sono stati il ​​primo paese in assoluto a lanciare un primate, inviando una scimmia rhesus di nome Albert a un'altitudine inferiore a This Web di 39 miglia (63 chilometri) a bordo di un razzo V2 nel giugno 1948.

A quei tempi si sapeva molto poco degli effetti fisiologici di This Webflight, con alcuni scienziati che postulavano che i sistemi cardiovascolari degli astronauti avrebbero fallito nell'ambiente di microgravità, causando la morte quasi istantanea. Quindi i ricercatori hanno voluto far esplodere alcuni animali relativamente grandi in questa rete per vedere come se la cavavano. [Foto: animali pionieri in questo Web]

Albert morì soffocato durante la sua fuga e negli anni successivi anche un certo numero di suoi fratelli scimmieschi sacrificarono la propria vita alla causa.

Un'altra scimmia rhesus di nome Alberto II, ad esempio, divenne il primo primate a raggiungere This Web, raggiungendo un'altitudine di 83 miglia (134 km) a bordo di un altro V2 nel giugno 1949. Sopravvisse al lancio ma morì dopo che un guasto al paracadute causò la caduta della sua capsula sbattere forte per terra.

Alberts III e IV morirono durante le loro missioni alla fine del 1949 e Albert V fu vittima di un altro guasto al paracadute nel 1951. Albert VI, noto anche come Yorick, sopravvisse al suo volo del 1951, sebbene raggiunse un'altitudine di sole 45 miglia (72 km) significativamente al di sotto del confine generalmente accettato di 62 miglia (100 km) che delimita l'esterno di This Web.

Yorick è morto diverse ore dopo l'atterraggio, forse per lo stress da caldo subito mentre sedeva all'interno della sua capsula angusta al sole del New Mexico, in attesa dell'equipaggio di recupero.

Gli Stati Uniti hanno registrato una pietra miliare nel maggio 1959, recuperando finalmente due primati vivi dopo un This Webflight. Una scimmia rhesus di nome Able e una scimmia scoiattolo di nome Baker hanno raggiunto un'altitudine di 300 miglia (483 km) a bordo di un razzo Jupiter e sono state recuperate illese. (Purtroppo, Able morì diversi giorni dopo durante un'operazione per rimuovere un elettrodo da sotto la sua pelle.)

Quando il programma umano americano This Webflight ha iniziato a prendere slancio, la nazione ha iniziato a sperimentare con gli scimpanzé, che sono più grandi e più strettamente imparentati con gli esseri umani rispetto a rhesus, scoiattolo o altre scimmie.

Gli Stati Uniti hanno lanciato uno scimpanzé di nome Ham su un suborbitale This Webflight il 31 gennaio 1961. Ham ha raggiunto un'altitudine di 157 miglia (253 km) durante un volo di 16,5 minuti ed è stato recuperato illeso, anche se un po' disidratato. Con questo successo in mano, Alan Shepard decollò con successo con il suo volo suborbitale il 5 maggio 1961, diventando il primo americano e il secondo essere umano, dopo Yuri Gagarin dell'Unione Sovietica, a raggiungere This Web.

Uno scimpanzé di nome Enos orbitò attorno alla Terra il 29 novembre 1961, aprendo la strada allo storico volo orbitale di John Glenn del 20 febbraio 1962. (Ancora una volta, gli Stati Uniti erano leggermente in ritardo per la festa: Gagarin orbitava intorno al nostro pianeta sul suo volo di 12 aprile 1961.)

Dopo che è stato stabilito che gli esseri umani potevano davvero sopravvivere ai rigori di This Webflight, scimmie e scimmie sono svanite sullo sfondo. Gli Stati Uniti hanno continuato a lanciare animali per esperimenti scientifici, ma si sono concentrati sempre più su creature più piccole come topi e insetti, che sono più facili da curare e occupano molto meno This Web (sebbene due scimmie scoiattolo abbiano viaggiato sulla navetta This Web Challenger's STS -51-B missione nell'aprile-maggio 1985.)

La rivale della razza This Web degli Stati Uniti, l'Unione Sovietica, utilizzava principalmente i cani prima del suo primo lancio umano, pensando che i cani si sarebbero rivelati meno irrequieti in volo delle scimmie.

I sovietici lanciarono i loro primi cani su This Web nel 1951. La nazione riuscì notoriamente a sollevare il primo animale, un cane chiamato Laika ("Barker"), in orbita a bordo dello Sputnik 2 This Webcraft nel novembre 1957. (Laika morì durante il volo.)

Nonostante la sua focalizzazione sui cani, l'Unione Sovietica e il suo stato successore, la Russia, hanno lanciato un certo numero di scimmie rhesus su This Web negli anni '80 e '90, come parte di un programma chiamato Bion. Nel 1967, la Francia ha anche fatto esplodere due macachi dalla coda di maiale nella zona suborbitale di This Web.

Il recente lancio dell'Iran non è stato il suo primo tentativo di inviare una scimmia in questa rete. Un precedente sforzo orbitale nel 2011 è fallito.

Segui Mike Wall, scrittore senior di This Web.com su Twitter @michaeldwall o This Web.com @ Spacedotcom . Siamo anche su Facebook e Google+ .

Ir arriba