SpaceX apre Internet satellitare Starlink ai beta tester pubblici: rapporto

Il poeta Robert Frost si chiedeva se la Terra sarebbe diventata un mondo di fuoco o di ghiaccio. Gli astronomi hanno scoperto che un pianeta lontano è entrambi.

Con un lato sempre caldo come la lava e l'altro ghiacciato possibilmente sotto lo zero, Upsilon Andromeda b è un gigantesco pianeta gassoso [immagine] che orbita estremamente vicino a Upsilon Andromeda, una stella a 40 anni luce dal nostro sistema solare nella costellazione di Andromeda.

"Se ti spostassi attraverso il pianeta dal lato notturno a quello diurno, il salto di temperatura sarebbe equivalente a saltare in un vulcano", ha affermato il leader dello studio Brad Hansen dell'Università della California, Los Angeles.

Cosa cucini

I ricercatori pensano che Upsilon Andromeda b stia assorbendo e quindi irradiando immediatamente calore dalla sua stella [animazione], in modo che un lato sia sempre più caldo dell'altro. È anche possibile che il pianeta sia vincolato alla sua stella come lo è la Luna con la Terra, in modo che un lato del pianeta sia sempre rivolto, ed è sempre riscaldato dalla sua stella.

Upsilon Andromeda b è stato scoperto nel 1996. È ciò che è noto come "Giove calda", un gigante gassoso che circonda la sua stella in un'orbita molto stretta, in questo caso 4,6 giorni. Anche altri due pianeti circondano Upsilon Andromeda, ma più lontano.

La nuova scoperta, dettagliata online sulla rivista Science , segna la prima volta che qualsiasi tipo di variazione di temperatura è stata osservata sulla superficie di un pianeta al di fuori del nostro sistema solare.

Quanto è caldo?

Utilizzando i dati a infrarossi raccolti dallo Spitzer This Web Telescope della NASA, i ricercatori hanno calcolato che le temperature sul lato illuminato dal sole dell'Upsilon Andromeda b erano comprese tra 2.550 e 3.000 gradi Fahrenheit (da 1.400 a 1.650 gradi Celsius) ma solo da meno 4 a 450 gradi Fahrenheit (-20 gradi Fahrenheit). a 230 gradi Celsius) sul lato oscuro. Giove, al contrario, mantiene una temperatura uniforme tutt'intorno.

Spitzer ha effettuato misurazioni a infrarossi del pianeta in cinque punti diversi durante la sua orbita e ha scoperto che i suoi livelli di luce aumentavano e diminuivano, a seconda che il suo lato illuminato dal sole o quello oscuro fosse rivolto verso la Terra. Da questi dati, gli astronomi hanno calcolato la differenza di temperatura tra i due lati.

"Se il pianeta avesse una sola temperatura di equilibrio, tutto ciò che otterremmo sarebbe una linea piatta", ha spiegato Hansen in un'intervista telefonica.

Nuovi pensieri

I risultati probabilmente si applicano anche ad altri Hot-Jupiter, affermano i ricercatori.

"Questa osservazione cambia completamente il nostro modo di pensare agli esopianeti giganti del gas caldo", ha affermato Sara Seager, membro del team di studio della Carnegie Institution di Washington. "La maggior parte degli astronomi si aspettava che fossero riscaldati in modo più uniforme, proprio come Giove. Ma questo pianeta ha chiaramente un lato caldo e uno freddo".

Tuttavia, è possibile che le dimensioni superiori alla media di Upsilon Andromeda abbiano qualcosa a che fare con questo, ha detto Hansen. La stella attorno alla quale orbita questo pianeta è leggermente più calda e un po' più massiccia del Sole, ha detto. "Quanto questo abbia un effetto non lo sappiamo davvero."

  • Le stelle potrebbero mangiare "giove calde"
  • Le 10 cose più strane in questo Web
  • Su Zippy New Planets, un anno dura solo poche ore
  • Galleria: Spitzer Questo album di foto del telescopio Web
Ir arriba