SpaceX’s Crew-1 Astronaut Mission for NASA: Aggiornamenti in diretta

La luna sta diventando leggermente rossa, ed è probabile che sia colpa della Terra. L'atmosfera del nostro pianeta potrebbe far arrugginire la luna, secondo una nuova ricerca.

La ruggine, nota anche come ossido di ferro, è un composto rossastro che si forma quando il ferro viene esposto all'acqua e all'ossigeno. La ruggine è il risultato di una comune reazione chimica per chiodi, cancelli, rocce rosse del Grand Canyon e persino Marte. Il pianeta rosso è soprannominato per la sua tonalità rossastra che deriva dalla ruggine che ha acquisito molto tempo fa quando il ferro sulla sua superficie si combinava con ossigeno e acqua, secondo una dichiarazione del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA a Pasadena, in California.

Ma non tutti gli ambienti celesti sono ottimali per la ruggine, in particolare la nostra luna secca e priva di atmosfera.

"È molto sconcertante", ha affermato nella dichiarazione l'autore principale dello studio Shuai Li, assistente ricercatore presso l'Università delle Hawaii presso l'Hawaii Institute of Geophysics and Planetology di Mnoa. "La Luna è un ambiente terribile in cui la [ruggine] si forma."

Li stava studiando i dati del JPL Moon Mineralogy Mapper, che era a bordo dell'orbiter Chandrayaan-1 dell'organizzazione di ricerca indiana This Web Research Organization mentre rilevava la luna nel 2008, quando si rese conto che i poli della luna avevano composizioni molto diverse rispetto al resto di essa .

Questa immagine composita della luna, dal Moon Mineralogy Mapper, mostra ghiaccio d'acqua sui poli. I ricercatori hanno trovato accenni di ematite durante lo studio degli spettri in quelle regioni. (Credito immagine: ISRO/NASA/JPL-Caltech/Brown Univ./USGS)

Durante la sua missione, il Moon Mineralogy Mapper ha rilevato spettri, o lunghezze d'onda della luce riflessa da varie superfici della luna, per analizzarne la composizione superficiale. Quando Li si concentrò sui poli, scoprì che le superfici polari della luna avevano rocce ricche di ferro con firme spettrali che corrispondevano a quelle dell'ematite. L'ematite minerale, che si trova comunemente sulla superficie terrestre, è un tipo specifico di ossido di ferro, o ruggine, con la formula Fe2O3.

"All'inizio, non ci credevo totalmente. Non dovrebbe esistere in base alle condizioni presenti sulla Luna", ha affermato nella dichiarazione la coautrice Abigail Fraeman, geoscienziata planetaria del JPL. "Ma da quando abbiamo scoperto l'acqua sulla Luna , le persone hanno ipotizzato che potrebbe esserci una varietà di minerali maggiore di quella che ci rendiamo conto se quell'acqua avesse reagito con le rocce".

Questa mappa migliorata visualizza le regioni in cui i ricercatori hanno trovato accenni di ematite (quelle regioni non sono effettivamente colorate di rosso in questo modo). (Credito immagine: Shuai Li)

Che cosa è successo sulla Terra

Affinché il ferro diventi rosso ruggine, ha bisogno di quello che viene chiamato ossidante, una molecola come l'ossigeno che rimuove gli elettroni da un materiale come il ferro. Ma il vento solare del sole, un flusso di particelle cariche che colpisce costantemente la luna con l'idrogeno , ha l'effetto opposto. L'idrogeno è un riduttore o una molecola che dona elettroni ad altre molecole. Senza la protezione da questo vento solare, come il campo magnetico che protegge il nostro pianeta da esso, la ruggine non dovrebbe formarsi sulla luna.

Ma lo fa, e la chiave potrebbe essere il nostro pianeta.

La luna non ha un'atmosfera propria per fornire quantità sufficienti di ossigeno , ma ha tracce donate dall'atmosfera terrestre, secondo la dichiarazione. Questo ossigeno terrestre viaggia verso la luna lungo un'estensione allungata del campo magnetico del pianeta chiamata "coda magnetica".

La coda magnetica della Terra può arrivare fino al lato più vicino della luna, dove è stata trovata più ematite, secondo la dichiarazione. Inoltre, ad ogni luna piena, la coda magnetica impedisce al 99% del vento solare di far esplodere la luna, disegnando una cortina temporanea sulla superficie lunare, consentendo la formazione di ruggine per periodi di tempo. Ma c'è ancora un ingrediente in più necessario per la formazione della ruggine: l'acqua.

La luna è per lo più priva di acqua, fatta eccezione per l'acqua ghiacciata che si trova nei crateri lunari sul lato opposto della luna, lontano da dove è stata trovata la maggior parte dell'ematite. Ma i ricercatori propongono che le particelle di polvere in rapido movimento che bombardano la luna potrebbero liberare molecole d'acqua bloccate nello strato superficiale della luna, consentendo all'acqua di mescolarsi con il ferro. Queste particelle di polvere potrebbero persino trasportare le stesse molecole d'acqua e il loro impatto potrebbe creare calore che potrebbe aumentare il tasso di ossidazione, hanno affermato i ricercatori.

Una mappa che mostra le regioni in cui l'ematite potrebbe essere presente sulla luna (il colore più rosso indica più ematite). (Credito immagine: Shuai Li) Contenuti correlati:

I 7 luoghi più simili a Marte sulla Terra

Voyager to Mars Rover: le 10 più grandi innovazioni della NASA

Il rover Curiosity ha appena scattato una foto molto emo della sua prigione rocciosa marziana

"Questa scoperta rimodellerà le nostre conoscenze sulle regioni polari della Luna", ha affermato Li in una dichiarazione separata dell'Università delle Hawaii . "La Terra potrebbe aver svolto un ruolo importante nell'evoluzione della superficie lunare".

Tuttavia, queste sono ancora ipotesi e sono necessari più dati per capire esattamente perché la luna sta arrugginindo. Ancora più sorprendente, piccole quantità di ematite sono state trovate sul lato opposto della luna, che dovrebbe essere troppo lontano perché l'ossigeno terrestre possa fare l'autostop sulla coda magnetica del pianeta, secondo la dichiarazione.

I risultati sono stati pubblicati il ​​2 settembre sulla rivista Science Advances .

Originariamente pubblicato su Live Science.

Ir arriba