Spica: The Close Binario

Spica è una stella binaria luminosa, la sedicesima più luminosa nel cielo notturno della Terra, visibile nella costellazione settentrionale della Vergine. È visibile non solo per le sue dimensioni, ma anche per la sua distanza relativamente ravvicinata: dista circa 260 anni luce dalla Terra.

Mentre la stella appare come un unico punto di luce ad occhio nudo, Spica è un sistema binario. Una stella, tuttavia, è molto più luminosa dell'altra.

Il sistema stellare è anche un'enorme fonte di raggi X, che ha aperto una nuova comprensione di Spica quando l'astronomia a raggi X è diventata prominente negli anni '60.

Individuazione di Spica

Spica è un po' difficile da individuare, quindi gli astronomi a volte usano altre stelle per trovarla. Partendo dall'impugnatura dell'Orsa Maggiore, una frase comune tra i dilettanti recita: "segui l'arco fino ad Arcturus e sfreccia verso Spica". La posizione di Spica è:

  • Ascensione retta: 13 ore 25 minuti 11,6 secondi
  • Declinazione: -11 gradi 09 minuti 41 secondi

Spica nella storia e nella cultura

Il nome "Spica" deriva da una frase latina che dice che la Vergine tiene in mano una "spiga di grano" o "spiga di grano". È stato anche notato e nominato in altre culture antiche, come araba, cinese e indù. La leggenda collega comunemente la Vergine a Dike, la dea greca della giustizia, e Persefone, figlia di Demetra, la dea del raccolto.

Spica è presente sulla bandiera nazionale del Brasile, sopra la scritta portoghese "Ordem e Progresso" (Ordine e Progresso). Ha lo scopo di rappresentare lo stato del par.

La star è anche menzionata in modo prominente in un manga giapponese degli anni 2000 chiamato "Twin Spica", una serie che segue i liceali che frequentano una scuola di addestramento per astronauti immaginari.

Spica in tempi più moderni

Solo con l'invenzione del telescopio è diventato chiaro che Spica è una stella binaria. Le due stelle orbitano l'una intorno all'altra a solo il 12% della distanza equivalente tra la Terra e il Sole.

Le due stelle, secondo Jim Kaler, professore emerito di astronomia all'Università dell'Illinois, sono entrambe stelle di classe B, con quella più luminosa "verso la fine della sua vita stabile". Secondo la NASA, la stella primaria è grande circa il doppio del Sole e quasi 2.000 volte più luminosa.

Una volta si pensava che la variabilità della luminosità dei binari fosse dovuta al fatto che una stella passava di fronte all'altra e ne attenuava la luce.

Misurazioni più recenti mostrano che è probabile perché le stelle si distorcono a vicenda a causa della loro stretta vicinanza. Girano così vicini l'uno all'altro che un'orbita richiede solo quattro giorni per essere completata.

Viste alternative di Spica

Più recentemente, il sistema di Spica è stato considerato un'interessante fonte di emissione di raggi X. Un documento del 2007 ha esplorato il legame tra le emissioni di raggi X delle stelle e le loro fotosfere, o l'area fisica all'interno delle stelle dove la loro energia viene rilasciata sotto forma di luce.

Un altro documento del 2001 ha osservato che il sistema è "uno dei pochi a mostrare l'effetto Struve-Sahade", riferendosi ai cambiamenti nelle linee spettrali nella stella più piccola. Le linee diventano più forti quando la stella più piccola si muove verso l'osservatore, e poi si indeboliscono quando si allontana.

Ir arriba