Spot Urano vicino a Venere nel cielo predawn di domenica

SAN DIEGO — Se sei leggero, è abbastanza facile viaggiare alla tua velocità, vale a dire 186.282 miglia al secondo o 299.800 chilometri al secondo.

Ma se sei materia, allora è tutta un'altra questione.

Niente di ciò che sappiamo di zippare più velocemente della luce. Einstein, quasi 100 anni fa, disse che non è possibile. Per noi, il limite di velocità ha uno strano senso: vai più veloce della luce e potresti tornare prima che te ne sei andato, diventare tuo nonno o compiere altri salti di logica cosmica.

Avanti veloce di un secolo. Gli astronomi ora stanno misurando cose — materiale, materia, cose — che si muovono a una velocità così vicina alla velocità della luce che potresti pensare che renderebbe Einstein un po' nervoso. Tuttavia, la sua teoria della relatività non sembra essere messa in pericolo dalle incredibili velocità.

Tra i demoni della velocità dell'universo ci sono bolle di gas caldo delle dimensioni di Giove incorporate in flussi di materiale espulso da galassie iperattive conosciute come blazar. La scorsa settimana in una riunione dell'American Astronomical Society, gli scienziati hanno annunciato di aver misurato le macchie nei jet blazar che urlavano attraverso questo Web al 99,9 percento della velocità della luce.

"Questo ci dice che i processi fisici al centro di queste galassie … sono estremamente energetici e sono in grado di spingere la materia molto vicino al limite di velocità cosmico assoluto", ha affermato Glenn Piner del Whittier College di Whittier, in California.

Rifletti sulla potenza del gas surriscaldato in rapido movimento, noto come plasma:

"Per accelerare una palla da bowling alla velocità appena misurata in questi blazar richiederebbe tutta l'energia prodotta nel mondo per un'intera settimana", ha detto Piner. "E le macchie di plasma in questi getti sono massicce almeno quanto un grande pianeta."

I jet blazar stanno correndo per l'universo in una rapida compagnia. Leggermente più veloce, in effetti.

In un altro studio presentato all'incontro, i raggi cosmici ad altissima energia che si pensa abbiano origine in una collisione di ammassi di galassie stanno sbattendo nell'atmosfera terrestre a oltre il 99,9% della velocità della luce. Le misurazioni mettono il numero a 99,9 seguito da altri 19 nove, il più vicino possibile alla velocità della luce senza dividere i capelli.

Le particelle non sono luce, ma materia reale. Sono minuscoli, si pensa siano per lo più protoni, ma l'energia che li motiva è altrettanto fantastica e i meccanismi possono essere intrecciati.

Tuttavia, gli scienziati non conoscono ancora i meccanismi esatti coinvolti nell'accelerazione della materia a velocità così elevate. Nel caso di un blazar, sembra che sia coinvolto un buco nero. Ancorando una galassia attiva, un buco nero supermassiccio attira gas verso l'interno. Alcuni vengono inghiottiti, altri vengono semplicemente accelerati e quindi espulsi in getti ad alta velocità lungo l'asse di rotazione della galassia. Campi magnetici intensi e contorti possono svolgere un ruolo.

Alcuni raggi cosmici ad altissima energia potrebbero provenire da jet blazar, ha detto Piner a SPACE.com . Ma altri fenomeni possono fungere da acceleratori di particelle in Questa Rete, come la fusione di galassie o la collisione di buchi neri.

Piner e i suoi colleghi hanno osservato tre blazar, noti da osservazioni precedenti per essere super veloci, utilizzando l'osservatorio radio Very Long Baseline Array della National Science Foundation.

I risultati confermano il lavoro precedente e fissano le velocità con maggiore precisione. Il ritmo fenomenale delle bolle di plasma sembra aver raggiunto un limite.

"Tutti i risultati delle osservazioni dei blazar jet sono in accordo con la teoria della relatività speciale di Einstein", ha detto Piner. "I getti vengono accelerati fino al limite della barriera della velocità della luce, ma non oltre, anche se questi sono alcuni degli acceleratori più efficienti dell'universo".

Altri articoli dell'incontro AAS della scorsa settimana:

  • Possibile studio rivoluzionario di materiale da oltre la nostra galassia
  • Le prime onde sonore hanno lasciato un'impronta nell'universo
  • Il centro della Via Lattea pieno di buchi neri
  • Strano questi blob Web diventano più misteriosi
  • Astronomi fiduciosi: il pianeta oltre il sistema solare è stato fotografato
  • Matter Rides Black Hole's This Web-Time Wave
  • L'elenco delle stelle più grandi ottiene 3 nuovi topper della classifica
Ir arriba