Star Trek: il finale di Picard Stagione 2 ti fa sentire shortchange

Il futuro di molto di più della semplice Terra è in gioco nel finale della seconda stagione di "Star Trek: Picard" "Farewell" (Image credit: Paramount Plus)

Attenzione: spoiler in vista per "Star Trek: Picard" stagione 2, episodio 10

Eccoci allora. Dopo nove settimane, questo particolare viaggio è giunto al termine e la seconda stagione di "Star Trek: Picard" volge al termine. Abbiamo parlato la scorsa settimana di come fosse stato confermato che la terza e ultima stagione di "Star Trek: Picard" su Paramount Plus (si apre in una nuova scheda) non era una continuazione degli eventi che si stavano svolgendo ora davanti a noi e di conseguenza ciò ha lasciato parecchio essere avvolto.

Purtroppo, la maggior parte dei thread della trama si è conclusa in un modo che era esattamente quello che ci aspettavamo, con una piccola sorpresa, tuttavia, che possiamo garantire che nessuno ha visto arrivare. Tutto sommato, però, è ancora molto meglio del primo finale di stagione. Puoi dare un'occhiata alla nostra guida allo streaming di Star Trek per aggiornarti su "Star Trek: Picard" per il finale ed essere pronto per la terza stagione. Ora, passiamo all'episodio.

  • Vuoi provare Paramount Plus? Ecco una prova gratuita di un mese (si apre in una nuova scheda)
  • Abbonati a Paramount Plus per $ 5,99 al mese (si apre in una nuova scheda)

Dopo il riassunto piuttosto lungo che copre gli eventi dell'intera stagione, siamo tornati da dove ci eravamo interrotti la scorsa settimana, con la nostra vivace banda di inquinatori della timeline di Chteau Picard che meditava sulla loro prossima mossa dopo Agnes Jurati (Alison Pill), che ora è più o meno completamente integrato con la Regina Borg, ha rubato La Sirena ed è decollato, lasciando tutti gli altri bloccati a La Barre, nella Francia orientale, nel 2024. Ma non per molto.

Dopo una conferenza super veloce, tornano all'appartamento di Tallinn (Orla Brady), prendono dell'attrezzatura e lei e Jean-Luc (Patrick Stewart) si teletrasportano al sito di lancio della missione Europa per prevenire il presunto attacco all'astronauta Rene Picard (Penelope Mitchell).

Questo avvia uno dei fili della trama che prevediamo pienamente di essere legato, quello della relazione tra Jean-Luc e il sosia di Tallinn Laris (anche Orla Brady). Poiché i due sono identici sia nell'aspetto che nell'atteggiamento, Jean-Luc può risolvere i suoi problemi con il primo e trasferire i suoi sentimenti sul secondo con relativa facilità, cosa che fa.

Nel frattempo, il resto della banda, Seven of Nine (Jeri Ryan), Raffi (Michelle Hurd) e Cristbal Rios (Santiago Cabrera) sono in grado di seguire i movimenti di Jurati da prima che rubasse La Sirena e si teletrasportano al dottor Adam Soong (Brent). Spiner) a casa, aspettandosi di trovarlo lì, tranne per il fatto che è al sito di lancio di Europa. Uh Oh. Invece, trovano il suo "piano B" per impedire il lancio, che è fondamentalmente un attacco di droni. E così inizia uno degli elementi più deboli della storia in questo finale di stagione. Fornisce anche convenientemente un ticchettio per la sottotrama di Rene Picard.

Purtroppo, Guinan non menziona cosa succede allo specialista di missione Dr. Rene Picard nell'epilogo (Image credit: Paramount Plus)

Questo è gestito da Tallinn ed entra nell'edificio degli astronauti con un'uniforme rubata ed è costretta a confrontarsi direttamente con Rene. Realizza anche la criptica profezia che la Regina Borg (Annie Wersching) aveva predetto quando disse: "Devono esserci due Renes". E in tutta onestà, non è gestito troppo male. Soong è sul posto e fa i capricci per il fatto che non gli è stato permesso di entrare nel complesso nonostante sia un donatore molto generoso per… la missione? Esattamente su cosa, o a chi, Soong ha fatto generose donazioni, viene ignorato. Tuttavia, alla fine è in grado di raggiungere Rene e la avvelena con un innesto di pelle piuttosto carino e staccabile dalla sua mano che contiene una potente neurotossina, che è stato in grado di trasmettere quando le ha stretto la mano.

Tranne che ovviamente non è Rene, è Tallinn, che ha ampliato l'area operativa del suo dispositivo di occultamento olografico che mimetizza le orecchie per abbracciare ora l'intero viso … e quindi è in grado di ingannare Soong. Oh, sì, e i droni sono stati distrutti, quindi sai, phew .

Il ritmo è buono in tutto e il dialogo è davvero molto buono, in particolare tra René e Tallinn, poi tra Jean-Luc e il Romulano morente. Finora, tuttavia, non ci sono state vere sorprese. La missione parte e, a tutti gli effetti, è un successo e il futuro autoritario è stato impedito. Come ultimo gesto di disgusto generale, tutto il lavoro di Soong viene cancellato da Kore (Isa Briones) che hackera a distanza. Guardando il lancio in televisione e ribollendo di rabbia, ingoia un whisky e fruga in un cassetto, tirando fuori un file etichettato "Project Khan" e datato 1996.

Il progetto Khan deve essere già in corso, ma non dovrebbe essere già fuggito dalla Terra a Botany Bay? (Credito immagine: Paramount Plus)

Questo è ovviamente un riferimento diretto a Khan Noonien Singh, interpretato magnificamente da Ricardo Montalbn, prima nell'episodio "The Original Series" "This Web Seed" (S01, E24) e poi di nuovo in "Star Trek II: L'ira di Khan ( si apre in una nuova scheda) " probabilmente il più grande film mai realizzato. (Meglio si parla di "Star Trek Into Darkness", meglio è.) Khan era un "potenziamento" geneticamente modificato ed ex sovrano di più di un quarto della Terra, dall'Asia al Medio Oriente.

Nella storia di "Star Trek", tuttavia, i tiranni aumentati iniziarono a combattere tra di loro a metà degli anni '90. Altre nazioni si unirono, per costringerle a lasciare il potere, in una serie di lotte che divennero note come le Guerre Eugenetiche. Gran parte di questa storia è stata raccontata eccezionalmente bene nell'arco narrativo in tre parti della quarta stagione di "Enterprise" ampiamente sottovalutato.

Alla fine, la maggior parte di questi "super umani" furono sconfitti e il loro territorio riconquistato, ma circa 90 non furono mai presi in considerazione. Si scopre che sono fuggiti e hanno rubato una nave interplanetaria di classe DY-100 che Khan ha chiamato SS Botany Bay. Impostati su una rotta in uscita dal sistema solare, ma senza una destinazione in mente, Khan e la sua gente rimasero in animazione sospesa fino a quando non furono scoperti nelle profondità di Questa Rete dal Capitano Kirk circa 270 anni dopo.

Kirk, Spock, McCoy e Scott iniziano a farsi un'idea di chi hanno a che fare nell'episodio "This Web Seed" (Image credit: Paramount Plus)

E diventa chiaro che questo è meno un ritorno al passato per "Enterprise" e più un set per "Strani Nuovi Mondi", poiché è stato deciso che uno dei membri dell'equipaggio di plancia della USS Enterprise è la figlia di Khan, La'an Noonien-Singh , interpretata da Christina Chong. Rimane da vedere come questo sarà incorporato nel tessuto di questo Web e il tempo. O forse non lo sarà.

Poi arriva la svolta più grande, di gran lunga. Kore è rimasta seduta in una biblioteca mentre entra e cancella senza pietà tutto il lavoro di suo padre. Dopo aver completato il suo compito e aver preteso la sua vendetta, raccoglie la sua roba, la ripone nella sua borsa e casualmente si fa strada fuori nel sole del tardo pomeriggio dove viene accolta da … di tutte le persone … Wesley Crusher.

E perchè no. È fantastico vedere Wil Wheaton capitalizzare un po' di nostalgia "TNG" pagata dalla Paramount, perché tutti gli altri dovrebbero avere tutto il Contanti divertimento?

Quindi, ecco cosa sappiamo. Nell'episodio "The Next Generation" "Where No One Has Gone Before" (S01, E06) le modifiche sperimentali del motore gettano l'Enterprise ai margini dell'universo conosciuto. Un misterioso alieno, conosciuto come il Viaggiatore di un altro piano dell'esistenza, si sta facendo strada attraverso la nostra galassia, osservando pacificamente tutte le forme di vita. Travestendosi da umano, è in grado di ottenere il passaggio su diverse astronavi e, in questo caso, a bordo della USS Enterprise. Durante questa scappatella, il Viaggiatore e Wesley diventano buoni amici.

Se hai mai visto Wil Wheaton in Ready Room, saprai che ha più o meno interpretato se stesso qui (Image credit: Paramount Plus)

Sette anni dopo, il cadetto Crusher si dimette dall'Accademia della Flotta Stellare dopo che il Viaggiatore questa volta fingendosi un abitante del villaggio su Dorvan V lo accompagna attraverso una visione del padre defunto che gli dice che il suo destino è da qualche parte diverso dalla Flotta Stellare e che non dovrebbe seguire in i suoi passi nell'episodio "The Next Generation" "Journey's End" (S07, E02). (A proposito, ecco la nostra interpretazione dei migliori episodi di Star Trek: The Next Generation di sempre.)

Il Viaggiatore promette di fare da mentore a Wesley mentre inizia il suo viaggio verso un altro piano di esistenza. Detto questo, Wesley assiste al matrimonio di William Riker e Deanna Troi in "Star Trek: Nemesis" in un'uniforme da tenente di grado minore nel 2379, suggerendo che ad un certo punto fosse diventato un ufficiale della Flotta Stellare. Indipendentemente da come il canone di "Star Trek" sceglie di interpretare tutto questo, Wesley si avvicina a Kore e le spiega come può guidarla. Risulta, i Viaggiatori sono quelli dietro i Supervisori. "Io e i miei colleghi inviamo coloro che chiamiamo supervisori per garantire il corretto flusso del tempo", afferma Wes.

"Due percorsi sono davanti a te. Il primo conduce a una vita perfettamente normale. Il secondo … quel percorso conduce a tutto il resto. E offre la possibilità di dare uno scopo e un significato alla tua vita", continua e funziona perché senza ogni vera esitazione, si unisce a lui. E non vedremo Isa Briones nella terza stagione perché ha pubblicato su Instagram (si apre in una nuova scheda) che almeno il suo coinvolgimento con "Picard" era giunto al termine.

(Credito immagine: Isa Briones/Instagram)

Di ritorno a Chteau Picard, Seven e Raffi finalmente si mettono insieme, condividono i loro sentimenti l'uno per l'altro e si baciano, quindi ora possiamo spuntare anche quella casella. Ma poi arriviamo alla parte migliore di questo episodio, lo scambio finale tra Q (John de Lancie) e Jean-Luc. È scritto magnificamente, spiega bene gli eventi degli ultimi 10 episodi senza un sacco di esposizione e le interpretazioni, in particolare di de Lancie, sono eccezionali.

Come alla fine scopriremo e arriveremo a breve, i Borg stavano affrontando un evento di livello di estinzione e così chiamato per Jean-Luc. Ma, come abbiamo visto nel primissimo episodio di questa seconda stagione "The Star Gazer", Jean-Luc ha cercato di attivare l'autodistruzione sulla USS Stargazer, ma la Regina Borg era già Agnes Jurati a causa dei loop temporali e cose del genere . Dietro le quinte, Q fa il suo dovere di Thanos e tutti i membri chiave del cast vengono inconsapevolmente trasportati in una sequenza temporale alternativa. Questo è fondamentale in modo che possano raccogliere l'effettiva Regina Borg che a) aiuta La Sirena Six a tornare al 2024, ma anche b) deve essere presente in modo che Jurati possa fondersi con lei e soddisfare quel fastidioso ciclo temporale.

L'importanza attribuita alla missione Europa è, in sostanza, impedire al dottor Soong di offrire la sua soluzione ai problemi del mondo e creare così lo stato autoritario. Apprendiamo in seguito che "hanno trovato un modo per curare l'oceano e pulire il cielo usando un organismo alieno che René ha scoperto durante la missione Europa". Che organismo davvero molto utile.

Wesley con il Viaggiatore, che indossa questo numero color pesca in quella che può essere solo una qualche forma di punizione (Credito immagine: Paramount Plus)

Kirk vs Picard: chi è il miglior capitano di Star Trek?

Film di Star Trek in ordine cronologico

Film di Star Trek, classificati dal peggiore al migliore

Una seconda possibilità in tutto questo era il regalo d'addio di Q a Jean-Luc prima che morisse. Quindi non è proprio come gli episodi di Star Trek: The Next Generation "Tapestry" (S06, E15) o "All Good Things" (S07, E25 e 26) in quanto erano più simili a scorci di risultati alternativi. Questa è una piena possibilità di cambiare il futuro, non distruggendo la USS Stargazer, salvando la galassia ancora una volta e persino stabilendo una linea di comunicazione con i Borg, di fatto, cambiando i Borg per sempre. Forse tutto questo doveva accadere e Q assicura che accada. Forse avrebbe dovuto collaborare con i Viaggiatori.

L'importante è che questo sia effettivamente consegnato nel miglior modo possibile. Q non spiega la sua tabella di marcia anche se è discutibile se l'avesse fatto, allora lui e Jean-Luc non avrebbero dovuto scambiarsi colpi in vigna. Ma abbiamo abbastanza per noi spettatori e Jean-Luc per lavorare da soli. È stato persino ipotizzato sui social media (si apre in una nuova scheda) che forse questo Borg tutto nuovo e migliorato potrebbe essere quello che trova e ripara V'ger.

Nota da nerd: secondo Memory Alpha (si apre in una nuova scheda), La Sirena (un Kaplan F17 Speed ​​Freighter) era "più lento, ma più manovrabile, di un uccello rapace romulano del 23° secolo". Abbiamo visto in "Star Trek IV" The Voyage Home" il rapace catturato, chiamato HMS Bounty, raggiungere la curvatura 9.3 prima di iniziare a tremare. Quindi, la regina Agnese avrebbe raggiunto i Borg nel quadrante delta in meno di 377 anni? Prendendo il tempo di viaggio previsto della USS Voyager indietro nel quadrante Alpha di 23 anni, dare o avere (a curvatura 9,975) allora sì. Gli eventi di "Star Trek: The Motion Picture" si svolgono nel 2270, quindi rimangono, molto approssimativamente, 246 anni prima che la Voyager 6 cada in un buco nero ed "emerga dall'altra parte della galassia" e nel "campo gravitazionale del pianeta macchina." Quindi, sì, è del tutto plausibile.

La USS Stargazer ora sarà senza il suo capitano, quindi possiamo praticamente dire addio a quello spin-off (Image credit: Paramount Plus)

Sempre allo Chteau Picard, Rios dichiara che resterà e Q dice il suo ultimo addio, che è tutto piuttosto emozionante e, come abbiamo detto, è in notevole contrasto con il modo in cui si stava comportando all'inizio della stagione. Quindi veniamo riportati al ponte della USS Stargazer pochi istanti prima che l'autodistruzione completasse il conto alla rovescia. Jean-Luc annulla l'ordine e la regina Agnese si rivela.

Solo ora scopriamo di cosa si trattava. Apparentemente, è un "evento galattico" presumibilmente come un lampo di raggi gamma, o forse una supernova. Queste cose accadono, lo capiamo perfettamente. O almeno si verificano lampi di raggi gamma e supernove, la giuria è ancora impegnata sulle onde triquantiche. E sarebbe OK, anche una novità, se questo non fosse stato parte integrante delle ultime due stagioni di "Star Trek: Discovery". Ma ecco il punto, Aaron J. Waltke, produttore esecutivo di "Star Trek" Prodigy" ha twittato (si apre in una nuova scheda) dopo che il finale era andato in onda, "Ragazzi oh ragazzi, ci sono cose che vorrei potervi mostrare sulle prossime stagioni di #StarTrekProdigy oggi, di tutti i giorni."

E infatti, Seven dice: "Credo che abbiamo appena assistito alla creazione di un condotto transcurvatura, ma diverso da qualsiasi altro che abbia mai visto prima".

"Ma creato da chi?" chiede un perplesso Jean-Luc.

"Anche con la nostra conoscenza collettiva, quella risposta rimane sfuggente", risponde la regina Agnes, con pochi segni di emozione.

"Ma tu ne sai di più" insiste Jean-Luc.

"Quello che vedi è un pezzo del puzzle la cui immagine finale non è chiara, ma è legata a una minaccia. Uno che richiede un'attenta osservazione. Chiediamo l'appartenenza provvisoria alla Federazione in modo da poter rimanere qui, un guardiano alle porte", La regina Agnese risponde, questa volta forse mostrando il minimo segno della personalità dell'ex dottore.

Nota da nerd: Jean-Luc non riesce più a sentire i Borg (come era in grado di seguire la sua assimilazione) dopo aver ottenuto il suo nuovo sostituto del corpo sintetico alla fine della scorsa stagione, quindi invece si affida a Seven quando ne ha bisogno.

Agnes Jurati non è diventata completamente nanobyte con il suo nuovo look, ma il collettivo Borg sarà cambiato per sempre (Image credit: Paramount Plus)

Metti tutto insieme e quello che abbiamo è un finale inadeguato e insoddisfacente della seconda stagione di "Picard", ma che ora si collega deliberatamente agli eventi dello spin-off animato di "Star Trek" rivolto principalmente ai bambini; perfetto se guardi "Prodigy", meno se non lo fai.

Una volta che tutto questo è stato risolto, i Borg hanno armonizzato gli scudi della flotta con i loro stessi picchi di emissioni di neutrini focalizzati al centro del quadrante sono stati deviati, è fondamentalmente una questione di chiusura. La regina Agnes, che sembra aver seguito alcuni consigli di moda dal personaggio di David Warner in "Time Bandits", torna alla flotta Borg e l'impressionante raduno (si apre in una nuova scheda) di astronavi della Federazione, con tanto di Elnor, torna indietro nel tempo Settore 001.

Apprendiamo da Guinan (Whoopi Goldberg) che Teresa alla fine morì di vecchiaia e Rios leggermente più giovane, in una rissa in un bar marocchino, per le forniture mediche. Quindi il miglior nuovo personaggio che ci è stato dato da questo spin-off non apparirà più in nessun altro. E l'ultimo evento molto prevedibile è che Jean-Luc dice a Laris cosa prova davvero per lei.

Tutto sommato, è una borsa molto mista. Tuttavia, è migliore della prima stagione e forse andrà meglio con un rewatch più condensato. Senza alcun dubbio, il dialogo e la performance di Q sono stati il ​​momento clou, anche se in netto contrasto con il suo comportamento precedente. Inoltre, le domande rimangono senza risposta, come tendono a fare quando si gioca con la sequenza temporale. Che cosa è successo all'ex agente dell'FBI Wells (Jay Karnes), per esempio? È stato sradicato quando Q ha fatto la sua cosa su Thanos?

Voto: Un 6/10 molto generoso

L'intera seconda stagione di "Star Trek: Picard" è ora disponibile per la visione su Paramount Plus (si apre in una nuova scheda) così come il primo episodio di "Strange New Worlds". La stagione 4 di "Star Trek: Discovery" è ora disponibile per la visione anche su Paramount Plus negli Stati Uniti e su CTV Sci-Fi o Crave TV in Canada. I paesi al di fuori del Nord America possono guardare sul canale Pluto TV Sci-Fi.

La Paramount ha confermato che la sua piattaforma di streaming verrà lanciata nel Regno Unito e in Irlanda il 22 giugno, disponibile sia come servizio autonomo che come parte dell'abbonamento Sky Cinema per il fornitore di servizi via cavo del Regno Unito.

Segui Scott Snowden su Twitter . Seguici su Twitter @Spacedotcom e su Facebook .

Ir arriba