Stephen Hawking Biografia: vita, teorie, libri e citazioni

Stephen Hawking era considerato uno dei fisici teorici più brillanti della storia. Il suo lavoro sulle origini e sulla struttura dell'universo, dal Big Bang ai buchi neri, ha rivoluzionato il campo, mentre i suoi libri più venduti hanno attirato lettori che potrebbero non avere il background scientifico di Hawking. Hawking è morto il 14 marzo 2018, all'età di 76 anni.

Stephen Hawking è stato visto da molti come la persona più intelligente del mondo, anche se non ha mai rivelato il suo punteggio di QI. Secondo il sito di notizie (si apre in una nuova scheda) The Atlantic, quando un giornalista del New York Times ha chiesto a Hawking quale fosse il suo QI, ha risposto con "Non ne ho idea, le persone che si vantano del proprio QI sono perdenti".

In questa breve biografia, esaminiamo l'istruzione e la carriera di Hawking che vanno dalle sue scoperte ai libri popolari che ha scritto e alla malattia che lo ha privato della mobilità e della parola.

I primi anni di vita di Stephen Hawking

Il cosmologo britannico Stephen William Hawking nacque in Inghilterra l'8 gennaio 1942 300 anni dopo la morte dell'astronomo Galileo Galilei. Ha frequentato l'University College di Oxford, dove ha studiato fisica, nonostante il padre insistesse a concentrarsi sulla medicina. Hawking è andato a Cambridge per ricercare la cosmologia, lo studio dell'universo nel suo insieme.

All'inizio del 1963, poco prima del suo 21esimo compleanno, a Hawking fu diagnosticata una malattia dei motoneuroni, più comunemente nota come malattia di Lou Gehrig o sclerosi laterale amiotrofica (SLA) (si apre in una nuova scheda). Non doveva vivere più di due anni. Completare il suo dottorato non sembrava probabile, ma Hawking ha sfidato le probabilità. Ha conseguito il dottorato di ricerca nel 1966 (Hawking ha reso disponibile online la sua tesi di dottorato nel 2017) e nei decenni successivi ha aperto nuove strade nella comprensione dell'universo.

Con la diffusione della malattia, Hawking è diventato meno mobile e ha iniziato a utilizzare una sedia a rotelle. Parlare divenne più difficile e, nel 1985, una tracheotomia d'urgenza causò la sua totale perdita della parola. Un dispositivo di generazione del parlato costruito a Cambridge, combinato con un programma software, fungeva da voce elettronica, consentendo a Hawking di selezionare le sue parole muovendo i muscoli della guancia.

Poco prima della sua diagnosi, Hawking incontrò Jane Wilde e i due si sposarono nel 1965. La coppia ebbe tre figli prima di separarsi. Hawking si è risposato nel 1995 ma ha divorziato nel 2006.

Una mente brillante

Stephen Hawking fotografato a Princeton, New Jersey, nel 1979 (Image credit: Photo by Santi Visalli/Getty Images) (si apre in una nuova scheda)

Hawking ha continuato a Cambridge dopo la laurea, servendo come ricercatore e successivamente come professionista. Nel 1974 è stato inserito nella Royal Society, una borsa di studio mondiale di scienziati. Nel 1979 fu nominato Professore Lucasiano di Matematica a Cambridge, la cattedra accademica più famosa al mondo (il secondo titolare fu Sir Isaac Newton, anche lui membro della Royal Society).

Nel corso della sua carriera, Hawking ha studiato le leggi fondamentali che governano l'universo. Ha proposto che, poiché l'universo vanta un inizio, il Big Bang, probabilmente avrà una fine. Lavorando con il collega cosmologo Roger Penrose, ha dimostrato che la teoria della relatività generale di Albert Einstein suggerisce che questa rete e il tempo iniziano alla nascita dell'universo e finiscono all'interno dei buchi neri, il che implica che la teoria di Einstein e la teoria quantistica devono essere unite.

Usando le due teorie insieme, Hawking ha anche stabilito che i buchi neri non sono totalmente oscuri ma emettono invece radiazioni. Predisse che, dopo il Big Bang, si sarebbero creati buchi neri piccoli come protoni, governati sia dalla relatività generale che dalla meccanica quantistica.

Il professor Stephen Hawking sperimenta la libertà dell'assenza di gravità durante un volo a gravità zero. (Credito immagine: NASA/J. Campbell, Aero-News Network) (si apre in una nuova scheda)

Nel 2014, Hawking ha rivisto la sua teoria, scrivendo anche che "non ci sono buchi neri" almeno, nel modo in cui i cosmologi tradizionalmente li intendono. La sua teoria ha rimosso l'esistenza di un "orizzonte degli eventi", il punto in cui nulla può sfuggire. Invece, ha proposto che ci sarebbe un "orizzonte apparente" che si altererebbe in base ai cambiamenti quantistici all'interno del buco nero. Ma la teoria si è rivelata controversa.

Hawking ha anche proposto che l'universo stesso non abbia confini, proprio come la Terra. Sebbene il pianeta sia finito, si può viaggiare intorno ad esso (e attraverso l'universo) all'infinito, senza mai incontrare un muro che sarebbe descritto come la "fine".

Libri di Hawking

Hawking era uno scrittore popolare. Il suo primo libro, "A Brief History of Time (opens in new tab)" (edizione per il decimo anniversario: Bantam, 1998) è stato pubblicato per la prima volta nel 1988 ed è diventato un bestseller internazionale. In esso, Hawking mirava a comunicare ai laici domande sulla nascita e la morte dell'universo.

Hawking ha continuato a scrivere altri libri di saggistica rivolti a non scienziati. Questi includono "A Briefer History of Time (si apre in una nuova scheda)", "The Universe in a Nutshell (si apre in una nuova scheda)", "The Grand Design (si apre in una nuova scheda)" e "Sulle spalle dei giganti (si apre nella nuova scheda) ."

Lui e sua figlia, Lucy Hawking, hanno anche creato una serie immaginaria di libri per bambini delle scuole medie sulla creazione dell'universo, tra cui "George e il Big Bang (si apre in una nuova scheda)" (Simon & Schuster, 2012).

Hawking ha fatto diverse apparizioni televisive, tra cui un ologramma di se stesso in "Star Trek: The Next Generation" e un cameo nello show televisivo "Big Bang Theory (si apre in una nuova scheda)". PBS ha presentato una miniserie educativa intitolata "L'universo di Stephen Hawking (si apre in una nuova scheda)", che sonda le teorie del cosmologo.

Nel 2014 è uscito un film basato sulla vita di Hawking. Chiamato "The Theory of Everything", il film è stato elogiato da Hawking, che ha detto che lo ha fatto riflettere sulla propria vita. "Anche se sono gravemente disabile, ho avuto successo nel mio lavoro scientifico", ha scritto Hawking su Facebook nel novembre 2014. "Viaggio molto e sono stato in Antartide e Isola di Pasqua, giù in un sottomarino e su a gravità zero volo. Un giorno, spero di entrare in questo Web."

Citazioni Stephen Hawking

Le citazioni di Hawking vanno da notevoli a poetiche a controverse. Tra loro:

  • "Anche se esiste solo una possibile teoria unificata, è solo un insieme di regole ed equazioni. Cos'è che infonde fuoco nelle equazioni e crea un universo da descrivere? Il solito approccio della scienza alla costruzione di un modello matematico non può rispondi alle domande sul perché dovrebbe esserci un universo che il modello deve descrivere. Perché l'universo si prende tutto il disturbo di esistere? "
  • "Per tutta la vita, sono stato affascinato dalle grandi domande che abbiamo di fronte e ho cercato di trovare risposte scientifiche ad esse. Se, come me, hai guardato le stelle e hai cercato di dare un senso a ciò che vedi, anche tu hai iniziato a chiederti cosa fa esistere l'universo."
  • "La scienza prevede che molti diversi tipi di universo verranno creati spontaneamente dal nulla. È una questione di fortuna in cui ci troviamo."
  • "L'intera storia della scienza è stata la graduale consapevolezza che gli eventi non accadono in modo arbitrario, ma che riflettono un certo ordine sottostante, che può essere o meno divinamente ispirato."
  • "Dovremmo cercare il massimo valore della nostra azione".
  • "Il più grande nemico della conoscenza non è l'ignoranza, è l'illusione della conoscenza."
  • "Non è chiaro se l'intelligenza abbia un valore di sopravvivenza a lungo termine".
  • "Non si può davvero discutere con un teorema matematico".
  • "È una perdita di tempo arrabbiarsi per la mia disabilità. Uno deve andare avanti con la vita e non ho fatto male. Le persone non avranno tempo per te se sei sempre arrabbiato o ti lamenti".
  • "Apprezzo la rara opportunità che mi è stata data di vivere la vita della mente. Ma so di aver bisogno del mio corpo e che non durerà per sempre".

Un elenco di citazioni di Hawking sarebbe incompleto senza menzionare alcune delle sue affermazioni più controverse.

Diceva spesso che gli umani dovevano lasciare la Terra se volevamo sopravvivere.

"Sarà già abbastanza difficile evitare il disastro nei prossimi cento anni, per non parlare dei prossimi mille o milioni… La nostra unica possibilità di sopravvivenza a lungo termine non è quella di rimanere introspettivi sul pianeta Terra, ma di diffondersi in questo Ragnatela." Agosto 2010

"[Noi] dobbiamo continuare ad entrare in questa rete per il futuro dell'umanità. Non credo che sopravviveremo altri 1.000 anni senza scappare oltre il nostro fragile pianeta". novembre 2016

"Stiamo finendo questa Rete e gli unici posti dove andare sono altri mondi. È tempo di esplorare altri sistemi solari. La diffusione potrebbe essere l'unica cosa che ci salva da noi stessi. Sono convinto che gli umani debbano lasciare la Terra ." giugno 2017

Ha anche detto che il viaggio nel tempo dovrebbe essere possibile e che dovremmo esplorare questo Web per il romanticismo di esso.

"Il viaggio nel tempo era considerato solo fantascienza, ma la teoria della relatività generale di Einstein consente la possibilità che potremmo deformare questo tempo della Rete così tanto che potresti partire su un razzo e tornare prima di partire. Ero uno dei primi a scrivere delle condizioni in cui ciò sarebbe possibile. Ho mostrato che richiederebbe materia con densità di energia negativa, che potrebbe non essere disponibile. Altri scienziati hanno preso coraggio dal mio articolo e hanno scritto ulteriori articoli sull'argomento", ha ha detto a Parade nel 2010.

"La scienza non è solo discepola della ragione, ma anche del romanticismo e della passione."

Il fisico teorico era anche preoccupato che i robot potessero non solo avere un impatto sull'economia, ma anche significare rovina per l'umanità.

"L'automazione delle fabbriche ha già decimato i posti di lavoro nella produzione tradizionale ed è probabile che l'ascesa dell'intelligenza artificiale estenda questa distruzione di posti di lavoro in profondità nelle classi medie, con solo i ruoli più premurosi, creativi o di supervisione rimasti", ha scritto in un 2016 colonna in The Guardian (si apre in una nuova scheda) .

"Lo sviluppo della piena intelligenza artificiale potrebbe segnare la fine della razza umana", ha detto alla BBC nel 2014. Hawking ha aggiunto, tuttavia, che l'IA sviluppata fino ad oggi è stata utile. È più il potenziale di autoreplicazione che lo preoccupa. "Decollerebbe da solo e si riprogetterebbe a una velocità sempre crescente. Gli esseri umani, che sono limitati dalla lenta evoluzione biologica, non potrebbero competere e verrebbero sostituiti".

"Il genio è fuori dalla bottiglia. Temo che l'IA possa sostituire del tutto gli umani", ha detto Hawking a WIRED nel novembre 2017.

Ateo dichiarato, Hawking ha anche occasionalmente approfondito l'argomento della religione (si apre in una nuova scheda).

"Poiché c'è una legge come la gravità, l'universo può e si creerà dal nulla. La creazione spontanea è la ragione per cui c'è qualcosa piuttosto che nulla, perché l'universo esiste, perché noi esistiamo. Non è necessario invocare Dio alla luce la carta blu e fai andare l'universo." The Grand Design, di Stephen Hawking e Leonard Mlodinow

"Considero il cervello come un computer che smetterà di funzionare quando i suoi componenti si guastano. Non c'è paradiso o vita ultraterrena per i computer guasti; questa è una favola per le persone che hanno paura del buio". Intervista del 2011 con The Guardian (si apre in una nuova scheda)

"Prima di comprendere la scienza, è naturale credere che Dio abbia creato l'universo. Ma ora la scienza offre una spiegazione più convincente. Quello che intendevo con 'conosceremmo la mente di Dio' è che sapremmo tutto ciò che Dio saprebbe, se ci fosse un Dio, che non c'è. Sono ateo". Intervista 2014 in El Mundo (si apre in una nuova scheda)

Risorse addizionali

  • Scopri di più su Stephen Hawking sul suo sito web ufficiale (si apre in una nuova scheda)
  • Guarda Stephen Hawking interrogare l'universo in questo impressionante discorso TED (si apre in una nuova scheda)
  • Leggi come la nozione di "orizzonte degli eventi" non è compatibile con la teoria quantistica in questo articolo pubblicato su Nature: Stephen Hawking: "Non ci sono buchi neri" (si apre in una nuova scheda)
Ir arriba