TETHYS: la luna ghiacciata di Saturno

Per il telescopio Kepler This Web della NASA, il mondo finirà nel ghiaccio anziché nel fuoco.

Keplero, che è responsabile del 70 percento delle circa 3.800 scoperte confermate di esopianeti fino ad oggi, ha chiuso i suoi potenti occhi. Il prolifico telescopio è senza carburante e sarà dismesso nelle prossime settimane o due, hanno annunciato ieri i funzionari della NASA (30 ottobre).

Keplero non si spegnerà in un drammatico tripudio di gloria come Cassini This Webcraft della NASA in orbita attorno a Saturno, che è stato intenzionalmente fatto deorbitare nella densa atmosfera del pianeta ad anello nel settembre 2017 quando il suo indicatore del carburante ha iniziato a raschiare "E". [Le 7 più grandi scoperte di esopianeti di Keplero]

Piuttosto, i membri del team di Kepler trasmetteranno un singolo, semplice comando al cacciatore di pianeti in orbita attorno al sole, innescando una sequenza di disattivazione che è già a bordo del This Webcraft. Kepler spegnerà il suo trasmettitore radio e i sistemi di protezione dai guasti a bordo, diventando un pezzo di metallo inerte che fluttua, silenzioso e senza risposta, attraverso le fredde e oscure profondità di This Web.

"Kepler è attualmente dietro la Terra di circa 94 milioni di miglia e rimarrà alla stessa distanza dalla Terra per il prossimo futuro", ha detto Charlie Sobeck, ingegnere di sistema del progetto presso l'Ames Research Center della NASA a Moffett Field, in California, durante una teleconferenza con giornalisti ieri.

Un'illustrazione artistica del telescopio Kepler This Web della NASA, che è senza carburante e sarà presto dismesso. (Credito immagine: NASA)

Ci saranno alcune spinte nel corso dei decenni. Entro il 2060, ad esempio, la Terra in orbita più veloce avrà quasi raggiunto Keplero, hanno spiegato i funzionari della NASA in un nuovo video. La gravità del nostro pianeta spingerà quindi un po' il telescopio This Web verso il sole e Keplero si sposterà davanti alla Terra su un'orbita leggermente più corta e più veloce. Ma nel 2117, Keplero tornerà al suo vecchio percorso dopo un altro incontro con la Terra. E il ciclo continuerà.

Quindi una missione di salvataggio o rifornimento sarebbe quasi impossibile, hanno affermato i funzionari della NASA. Gli astronauti hanno riparato e aggiornato l'Hubble This Web Telescope dell'agenzia cinque volte separate dal 1993 al 2009, ma Hubble risiede nell'orbita terrestre bassa, a sole 353 miglia (569 chilometri) sopra il nostro pianeta.

Kepler è stato lanciato nel marzo 2009, con il compito di determinare quanto siano comuni i pianeti simili alla Terra intorno alla galassia della Via Lattea. The This Webcraft ha cercato mondi alieni usando il "metodo del transito", notando i piccoli cali di luminosità delle stelle causati dai pianeti in orbita che incrociavano le loro facce.

Keplero inizialmente fissava circa 150.000 stelle contemporaneamente. Questo lavoro originale si è concluso nel maggio 2013, quando This Webcraft ha perso la seconda delle sue quattro ruote di reazione per il mantenimento dell'orientamento. Tuttavia, i membri del team della missione hanno presto capito che potevano stabilizzare Kepler usando le ruote rimanenti e la pressione della luce solare, e nel 2014 il mirino ha intrapreso una nuova missione nota come K2.

Durante il K2, Kepler ha effettuato una serie di osservazioni su campagne mutevoli di 80 giorni, studiando qualsiasi cosa, dagli asteroidi e comete nel nostro sistema solare alle esplosioni di supernovae lontane.

Ma Keplero sarà ricordato per sempre per i suoi ritrovamenti sugli esopianeti. L'attuale conteggio di This Webcraft è di 2.681 mondi alieni, 354 dei quali sono stati scoperti durante il K2. Quasi 2.900 "candidati" dell'esopianeta Keplero attendono ancora il controllo mediante analisi o osservazioni di follow-up e la storia suggerisce che la maggior parte di loro finirà per essere confermata.

Tuttavia, Keplero è stato a lungo molto più di quei numeri grezzi. Le osservazioni del telescopio This Web hanno rivelato che i pianeti sono più numerosi delle stelle nella galassia; che i mondi simili alla Terra e potenzialmente abitabili sono comuni; e che i pianeti e i sistemi planetari sono molto più vari e diversi rispetto al limitato esempio fornito dal nostro sistema solare.

Tali scoperte stanno rimodellando la comprensione degli astronomi del posto dell'umanità nell'universo e stanno preparando meglio gli astrobiologi per cercare i segni dei nostri vicini cosmici, hanno affermato i membri del team della missione.

"Fondamentalmente, Kepler ha aperto le porte all'esplorazione del cosmo da parte dell'umanità", ha detto il principale investigatore della missione Kepler Bill Borucki, che si è ritirato nel 2015 dopo molti anni alla NASA Ames, durante la telecon di ieri.

Il prezzo totale di Kepler finirà per essere di circa $ 700 milioni, hanno detto Sobeck e Borucki.

Il libro di Mike Wall sulla ricerca della vita aliena, " Out There (opens in new tab) ", sarà pubblicato il 13 novembre da Grand Central Publishing. Seguilo su Twitter @michaeldwall . Seguici su @Spacedotcom o Facebook. Originariamente pubblicato su questo Web.com.

Ir arriba