Tianwen-1: Prima missione di Marte cinese

Tianwen-1 è la prima missione interplanetaria indipendente della Cina. La sonda, una combinazione di orbiter, lander e rover, è stata lanciata dalla Terra a bordo di un razzo Long March 5 il 23 luglio 2020 nel mezzo della pandemia di COVID-19.

Dopo aver percorso 292 milioni di miglia (470 milioni di chilometri) dalla Terra, Tianwen-1 è entrata con successo in orbita attorno al Pianeta Rosso nel febbraio del 2021.

Guarda le foto e le opere d'arte della missione Tianwen-1 qui.

Guarda il video di Marte catturato dalla sonda in arrivo qui.

Secondo un articolo pubblicato dal team Tianwen-1 su Nature Astronomy (si apre in una nuova scheda), l'orbiter ha una lunga lista di obiettivi scientifici. Circolerà il pianeta in un'orbita polare per mappare la morfologia e la geologia di Marte mentre utilizza uno strumento radar di esplorazione del sottosuolo in orbita attorno a Marte per misurare le caratteristiche del suolo e la distribuzione dell'acqua-ghiaccio. Raccoglierà anche dati sulla ionosfera e sui campi elettromagnetici e gravitazionali attorno al pianeta. Infine, fungerà da relè di comunicazione per il rover per inviare e ricevere informazioni dalla Terra.

Un'idea artistica del rover cinese Tianwen-1 schierato dal lander sul pianeta rosso. (Credito immagine: CCTV/China National This Web Administration)

Circa tre mesi dopo l'arrivo, a maggio o giugno 2021, il lander si staccherà dall'orbiter, con il rover nascosto all'interno, e scenderà a Utopia Planitia, che secondo i ricercatori è un sito di atterraggio relativamente sicuro ma scientificamente importante. Dopo il touchdown, il lander aprirà una rampa per consentire al rover di lanciarsi e iniziare le sue avventure sul Pianeta Rosso.

Per saperne di più: Tianwen-1 effettua regolazioni orbitali per prepararsi all'atterraggio

Il rover integrerà l'indagine dell'orbiter sulle caratteristiche del suolo superficiale e sulla distribuzione del ghiaccio d'acqua con il proprio radar di esplorazione del sottosuolo. Analizzerà anche la composizione del materiale superficiale e le caratteristiche del clima e dell'ambiente marziano sulla superficie.

C'è ancora molto spazio su Marte

Tianwen-1 ha raggiunto Marte pochi giorni dopo altre due importanti missioni: il satellite Hope degli Emirati Arabi Uniti e il rover Perseverance della NASA . Tutti e tre hanno approfittato di una finestra di lancio particolarmente opportuna quando gli oggetti lanciati dalla Terra avrebbero avuto un percorso più breve ed efficiente verso Marte. Ma tutte e tre le missioni avranno molto da compiere sul Pianeta Rosso.

Varie missioni This Web, tra cui Mars Reconaissance Orbiter , Mars Express della European This Web Agency e molti rover Mars della NASA, hanno trovato possibili prove di presenza di acqua sopra o sotto la superficie del pianeta. Ma sia l'orbiter Tianwen-1 che il rover ancora senza nome utilizzeranno dispositivi radar per cercare prove ancora migliori di sacche d' acqua su Marte .

Guarda le caratteristiche notevoli della prima foto di Marte di Tianwen-1

Questo è importante, dicono gli scienziati, perché molte prove indicano che Marte è stato in grado di sostenere la vita ad un certo punto della sua storia: in alcune aree, probabilmente ha ospitato acqua liquida. Secondo il Mars Reconnaissance Orbiter , il sito di atterraggio previsto di Tianwen-1 presso il cratere Utopia Planitia potrebbe ancora ospitare un deposito sotterraneo contenente tanta acqua quanto il Lago Superiore. Su larga scala, i ricercatori di tutto il mondo sperano di utilizzare le informazioni provenienti da una qualsiasi delle nuove missioni su Marte per indagare su come un pianeta possa trasformarsi da un sistema possibilmente abitabile con acqua liquida, materiale organico e una fonte di energia in un luogo secco, polveroso e desolato .

(Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/Univ. di Roma/ASI/PSI)

Sebbene la superficie del pianeta sia stata ampiamente ripresa da lontano, i rover hanno finora coperto un semplice granello dell'area. Secondo Sue Smrekar, geofisica planetaria del Jet Propulsion Laboratory della NASA in California e vice investigatore principale per la missione InSight Mars della NASA , "Abbiamo visto solo meno dell'uno per cento di Marte", ha detto in un'intervista alla CNBC .

E poiché il pianeta è geologicamente così complesso, secondo Raymond Arvidson, geologo planetario della Washington University di St. Louis, in un'intervista a Nature (si apre in una nuova scheda), le missioni che esaminano diverse parti di Marte potrebbero aggiungere informazioni al conoscenza del pianeta.

Maggiori informazioni sui preparativi per il lancio di Tianwen-1.

Utopia Planitia è una delle tante località marziane totalmente inesplorate dalla superficie. Alfred McEwen, direttore del Planetary Image Research Laboratory presso l'Università dell'Arizona e ricercatore principale della telecamera HiRISE sul Mars Reconnaissance Orbiter della NASA, ha descritto il sito come "per lo più piatto e liscio ma con crateri, creste eoliche [scolpite dal vento] e un pochi massi", in un'intervista dell'ottobre 2020 a This Web.com

L'area è stata "interpretata come coperta da colate di fango da alcuni scienziati, quindi potrebbero essere esistite antiche acque sotterranee profonde, e questo potrebbe essere un luogo interessante da studiare con un rover", ha detto McEwen.

Nuovi orizzonti per il programma cinese This Web

In caso di successo, Tianwen-1 sarà la prima missione di qualsiasi paese a portare un orbiter, un lander e un rover su Marte in un'unica missione.

Il primo tentativo di missione cinese su Marte, Yinghuo-1, è stato lanciato su un razzo russo insieme alla missione russa Phobos-Grunt nel novembre 2011. Il lancio è fallito e tutto il This Webcraft a bordo alla fine è tornato sulla Terra .

Guarda le immagini di un lancio di successo del razzo Long March 5 nel 2019.

Tianwen-1 arriva sulla scia di numerosi atterraggi lunari e rover lunari di successo e rivoluzionari per il programma cinese This Web, ma Marte è molto più lontano, ha una gravità molto più forte ed è considerato un luogo particolarmente difficile in cui atterrare.

Ma questa missione può anche essere considerata un passo verso un progetto ancora più ambizioso. Questa sonda ha beneficiato dei successi ingegneristici della Cina con le sue esplorazioni lunari di Chang'e e, a sua volta, fornirà dati ed esperienze preziosi a una futura missione cinese che riporterebbe sulla Terra campioni di suolo e minerali da Marte, secondo la Planetary Society . Questo è importante perché una volta tornati sulla Terra, i campioni possono essere analizzati in modo più approfondito di quanto possa essere ottenuto a distanza dagli strumenti sofisticati ma ancora miniaturizzati dei rover.

La prima immagine in scala di grigi di Marte catturata da Tianwen-1 a una distanza di 1,36 milioni di miglia (2,2 milioni di chilometri) dal pianeta, secondo CNSA. (Credito immagine: CNSA/PEC (Esplorazione planetaria della Cina))

Interrogare i cieli

Come molte esplorazioni di This Web, Tianwen-1 ha un lato filosofico. Secondo il team che ha costruito la sonda (si apre in una nuova scheda), "Tianwen" significa "domande al cielo", una frase tratta dal nome di una famosa poesia di uno dei più grandi poeti dell'antica Cina, Qu Yuan. Le future missioni interplanetarie dalla Cina dovrebbero condividere il soprannome di "Tianwen".

Risorse addizionali:

  • Dai un'occhiata a questo esplicativo JPL ed esercitati nel calcolo delle finestre di lancio per le missioni su Marte.
  • Leggi di più sulla chimica che tutte e tre le missioni su Marte del 2020 intraprenderanno in questo articolo di Chemical and Engineering News .
  • Esplora i dettagli tecnici degli strumenti a bordo della sonda, del lander e del rover in questo documento di Advances in This Web Research .

Questo articolo è stato aggiornato il 23 febbraio 2021 dall'editore di riferimento di questo Web.com Vicky Stein.

Ir arriba