Titan Landing Pictures di Huygens Questo webcraft

Atterraggio su Titano

ESA / D. Ducros

Il 14 gennaio 2005, dopo un viaggio di sette anni attraverso il Sistema Solare a bordo della Cassini This Webcraft, la sonda Huygens della European This Web Agency è scesa con successo attraverso l'atmosfera di Titano, la luna più grande di Saturno.

Prossima fermata, Titan: Huygens Lander lascia Cassini

NASA/JPL

La sonda Huygens della European This Web Agency appare splendente mentre si allontana da Cassini in questa immagine scattata il 26 dicembre 2004, appena due giorni dopo che la sonda si è staccata con successo da Cassini This Webcraft. Huygens è atterrato su Titano il 14 gennaio 2005.

Addio, Huygens: Cassini View

NASA/JPL

La sonda Huygens dell'ESA appare splendente mentre si allontana da Cassini in questo primo piano di un'immagine scattata il 26 dicembre 2004, dopo che si è staccata con successo dal Cassini This Webcraft.

Huygens paracadutismo su Titano

NASA/JPL/ESA

Questa immagine è un'impressione artistica della sequenza di discesa e atterraggio seguita dalla sonda Huygens dell'ESA che è atterrata su Titano. L'atterraggio del 14 gennaio 2005 è stato il culmine di un processo di pianificazione, organizzazione e cooperazione durato 22 anni tra l'ESA e la NASA.

Huygens vede i canali su Titan

ESA/NASA/JPL/Università dell'Arizona

Questa è una delle prime immagini grezze restituite dalla sonda ESA Huygens durante la sua riuscita discesa su Titano il 14 gennaio 2005. È stata scattata da un'altitudine di 16,2 chilometri con una risoluzione di circa 40 metri per pixel. Apparentemente mostra canali di drenaggio corti e tozzi che conducono a un "litorale" o confine di qualche tipo.

Huygens cade su Titano

ESA/NASA/JPL/Università dell'Arizona

Questa è una delle prime immagini grezze restituite dalla sonda ESA Huygens durante la sua riuscita discesa su Titano il 14 gennaio 2005. È stata scattata a un'altitudine di 8 chilometri con una risoluzione di 20 metri per pixel. Mostra quello che potrebbe essere il sito di atterraggio, con coste e confini tra terreno rialzato e pianure allagate.

Huygens Mosaico di Titano dall'alto

ESA/NASA/JPL/Università dell'Arizona

Le immagini dello strumento DISR della sonda ESA Huygens scattate tra 17 e 8 km sono state assemblate per produrre questo mosaico panoramico. Il groundtrack della sonda è indicato come punti; il nord è in alto. I canali tagliano il terreno più luminoso, implicando precipitazioni (probabilmente come pioggia di metano) e possibilmente sorgenti.

Titano Occhio di Pesce

ESA/NASA/JPL/Università dell'Arizona

Questa proiezione distorta a occhio di pesce mostra una vista della superficie dei Titani da 5 chilometri sopra la superficie. È costruito con le immagini scattate durante la discesa dal Descent Imager/Spectral Radiometer (DISR) a bordo della missione Huygens dell'ESA, il 14 gennaio 2005.

Titano dall'alto

ESA/NASA/JPL/Università dell'Arizona

Questa immagine è una proiezione di Mercatore di una veduta di Huygenss di Titano, presa a 10 chilometri di altitudine (una proiezione di Mercatore è una specie di mappa che mantiene intatte le direzioni cardinali che attraversano ad angolo retto ma distorce le aree della superficie). L'immagine è stata scattata durante la discesa dal Descent Imager/Spectral Radiometer (DISR) a bordo della sonda, il 14 gennaio 2005.

Titan a colori dalla sonda Huygens

ESA/NASA/JPL/Università dell'Arizona

Questa immagine è stata restituita il 14 gennaio 2005 dalla sonda Huygens dell'ESA durante la sua riuscita discesa per atterrare su Titano. Questa è la vista del colore, dopo l'elaborazione per aggiungere i dati degli spettri di riflessione, fornisce una migliore indicazione del colore effettivo della superficie. Inizialmente pensati per essere rocce o blocchi di ghiaccio, sono più grandi come ciottoli.

Titan di Huygens: un salto da gigante

ESA/NASA/JPL/Università dell'Arizona

Questa vista composita della superficie dei Titani è costruita con immagini scattate il 14 gennaio 2005 dal Descent Imager/Spectral Radiometer (DISR) a bordo della missione Huygens dell'ESA, dopo l'atterraggio. Il composito viene confrontato con un'immagine in scala simile scattata sulla superficie della Luna. Gli oggetti vicino al centro dell'immagine hanno all'incirca le dimensioni del piede di un uomo, mentre gli oggetti all'orizzonte sono una frazione dell'altezza di un uomo.

Ir arriba