Tom Cruise ritorna nel trionfante “Top Gun: Maverick” (Recensione)

Per quelli di noi che hanno superato il sole quaranta o più volte, una delle esperienze cinematografiche più importanti degli anni '80 è stata la rappresentazione patriottica della Paramount Pictures di temerari aviatori della Marina in "Top Gun".

Diretto da Tony Scott (il defunto fratello di Ridley Scott) e distribuito il 16 maggio 1986, "Top Gun" è stato il film macho che ha cementato l'eredità di Tom Cruise come star del cinema da megawatt che ha illuminato lo schermo a Mach 2 con i capelli addosso fuoco in un jet da combattimento F-14.

Ora il sequel che non avremmo mai pensato sarebbe successo, "Top Gun: Maverick", sta raggiungendo i postbruciatori al botteghino del regista Joseph Kosinski con uno straordinario weekend di apertura nazionale da 156 milioni di dollari e Cruise riprende il ruolo dell'icona carismatica, il tenente Pete "Maverick" Mitchell.

Proprio quando stavamo cominciando a perdere ogni fiducia nella macchina dei sogni di Hollywood, "Top Gun: Maverick" offre un trionfante piacere per la folla che colpisce ogni nota emotiva e non scende mai nel sentimentalismo nostalgico o cavalca le famose falde del suo predecessore del 1986. Questo segna il più grande weekend di apertura della carriera di attore di 41 anni di Cruise e batte il record di 15 anni del Memorial Day stabilito da "Pirati dei Caraibi: At Worlds End". "Maverick" è apparentemente ovunque su 4.732 schermi in tutta l'America, rendendolo l'uscita più ampia nella storia di Hollywood.

Co-protagonista con Cruise è uno squadrone di attori di talento tra cui Miles Teller ("Whiplash", "The Offer") nei panni del tenente Bradley "Rooster" Bradshaw, il figlio di "Goose", il migliore amico e copilota di Mavericks che morì in "Top Gun" dopo un malfunzionamento del sedile eiettabile durante una rotazione piatta di spegnimento della fiamma. Ma non commettere errori al riguardo, questo non è un rimaneggiamento stereotipato che serve come una presa di denaro del 21° secolo.

Tom Cruise riprende il ruolo di Maverick in "Top Gun: Maverick". (Credito immagine: Paramount Pictures)

La trama organica vede Maverick 35 anni più vecchio e che cerca di integrarsi nell'era digitale come una reliquia di un'altra epoca. L'arrogante pilota collaudatore viene richiamato in azione dopo aver spinto un po' troppo oltre in un aereo spia sperimentale furtivo, dove ha ordinato di guidare uno stormo inesperto di diplomati Top Gun verso nuove vette del combattimento avanzato a FighterTown USA.

Mentre agisce come leader della squadra d'attacco per una missione di tipo suicida per distruggere una fabbrica di uranio di una nazione canaglia in un pericoloso ambiente montano, Maverick trova una chiusura e uno scopo mentre ispira una generazione più giovane a raggiungere i propri record personali nelle condizioni più pericolose.

Sembra proprio il film giusto per il nostro paese diviso e i suoi elettrizzanti combattimenti aerei sono l'antidoto temporaneo perfetto per l'inflazione dilagante, il malessere del mercato azionario e i prezzi stratosferici del gas. Quando è stata l'ultima volta che hai sentito la dolce musica di un pubblico applaudente e applaudito al multiplex? Se siamo onesti, è passato del tempo.

Ma quanto è rinfrescante vedere restaurata la tua fede come un risveglio battesimale, purificata nelle acque trascendenti di un cinema intelligente in cui i guadagni emotivi derivano da personaggi accuratamente disegnati in una sceneggiatura avvincente?

Miles Teller nel ruolo del tenente Bradley "Rooster" Bradshaw in "Top Gun: Maverick". (Credito immagine: Paramount Pictures)

Tom Cruise, This WebX, film d'azione in sviluppo della NASA girato in This Web

Victor Glover diventa il primo astronauta nero ad arrivare a This Web Station per soggiorni di lunga durata

La sceneggiatura adrenalinica di Ehren Kruger, Eric Warren Singer e Christopher McQuarrie offre uno spettro completo di emozioni e un bellissimo ritmo mentre guardiamo Tom Cruise fare ciò che sa fare meglio: essere una star del cinema certificata nella vecchia tradizione. Jennifer Connolly nei panni di Penny Benjamin, l'interesse amoroso proprietario di un bar Mavericks, è l'ancora del lato romantico del film e la coppia produce fuochi d'artificio palpabili e chimica dagli occhi vitrei fino alla scena finale del tramonto in un'impennata Mustang P-51.

Gli astuti appassionati del film del 1986 ricorderanno il suo personaggio menzionato quando Maverick e Goose vengono rimproverati dal loro comandante della portaerei e racconta a Maverick del suo passaggio ad alta velocità con la figlia di un ammiraglio. Goose poi ricorda a Mav che era davvero Penny Benjamin.

Il regista Joseph Kosinski ("Tron: Legacy", "Oblivion") ha creato un classico istantaneo incanalando lo stile del defunto Tony Scotts di avvincenti tagli flash, spunti musicali e primi piani penetranti che hanno reso l'originale "Top Gun" così rivoluzionario. Qui le corse a bassa quota dell'F-18 Hornets e gli intensi combattimenti aerei, abilmente montati da Eddie Hamilton, sono esilaranti al punto da indurre le vertigini e ti lasceranno senza fiato come l'ossessionante ballata berlinese del primo film.

Tom Cruise e Jennifer Connolly formano una bella coppia in "Top Gun: Maverick". (Credito immagine: Paramount Pictures)

A completare il cast di prim'ordine ci sono Jon Hamm, Ed Harris, Glen Powell, Lewis Pullman, Danny Ramirez, Monica Barbaro e Manny Jacinto. Per fortuna, Val Kilmer offre un toccante cameo esteso che aggiunge un commovente pathos al sequel, interpretando l'ex rivale di Mavericks e ora ardente sostenitore, Tom "Iceman" Kazansky, che ora è il comandante della flotta statunitense del Pacifico.

Dalla melodia familiare del tema "Top Gun" di Harold Faltermeyer, a "Danger Zone" di Kenny Loggins e Maverick che sfreccia su una pista sulla sua vecchia motocicletta Ninja, "Top Gun: Maverick" è un necessario viaggio nella memoria che prende il via la stagione cinematografica estiva sulle note più alte.

Ir arriba