Velocità di fiamma: la roba più veloce nell’universo

Un enorme asteroide sfreccerà in sicurezza sul nostro pianeta la prossima settimana.

L'asteroide, noto come 7482 (1994 PC1), farà il suo più vicino avvicinamento al nostro pianeta il 18 gennaio alle 16:51 EST (2151 GMT), secondo una tabella del Center for Near-Earth Object Studies (CNEOS) , gestito dalla NASA presso il Jet Propulsion Laboratory dell'agenzia in California.

L'asteroide di 3.400 piedi (1 chilometro) girerà vicino al nostro pianeta all'equivalente di cinque distanze lunari al suo approccio più vicino, indica la tabella, a una velocità massima di quasi 12 miglia al secondo (20 km/s). A questa distanza, questo sarà un passaggio ravvicinato sicuro e il più vicino che l'asteroide farà della Terra nei prossimi 200 anni, secondo EarthSky.

CONTENUTO RELATIVO

Incidente! I 10 più grandi crateri da impatto sulla Terra (si apre in una nuova scheda)

I 7 asteroidi più strani: Weird This Web oscilla nel nostro sistema solare (si apre in una nuova scheda)

I 12 oggetti più strani dell'universo (si apre in una nuova scheda)

Gli asteroidi sono rocce di questa ragnatela che sono i resti del primo sistema solare quando il nostro quartiere era pieno di oggetti simili. Esistono decine di migliaia di asteroidi, ma solo un sottoinsieme di essi passa abbastanza vicino alla Terra da essere definito oggetti vicini alla Terra (NEO). Il passaggio ravvicinato del 7482 (1994 PC1) è quindi molto tipico delle diverse dozzine circa di tipici passaggi ravvicinati della Terra riportati dai media ogni anno.

Qualsiasi asteroide o cometa (che può essere definita molto vagamente come rocce ghiacciate di This Web seguite da una coda) che si trovano entro 1,3 unità astronomiche (120,9 milioni di miglia o 194,5 milioni di km) si qualificano come NEO, afferma la NASA. L'agenzia ha avuto un mandato dal Congresso per cercare e segnalare almeno il 90 percento di tutti i NEO di 460 piedi (140 metri) e più grandi entro la fine del 2020, a seguito di una precedente richiesta di trovare oggetti ancora più grandi.

Sebbene la NASA non abbia ancora raggiunto tale obiettivo, ha una rete di telescopi partner sul campo e in questo Web che continua a lavorare per trovare e monitorare i NEO, gestendo gli sforzi di quelli potenzialmente pericolosi attraverso l'Ufficio di coordinamento della difesa planetaria dell'agenzia. Non abbiamo asteroidi imminenti di cui preoccuparci ora, ma l'agenzia continua a cercare e sta testando la tecnologia di difesa per affrontare qualsiasi possibile minaccia futura.

La NASA ha recentemente lanciato una missione chiamata Double Asteroid Redirection Test (DART) che cercherà di alterare il percorso della luna di un asteroide nell'autunno del 2022. Un'altra missione, chiamata OSIRIS-REx (Origins-Spectrale Interpretation-Resource Identification-Security-Regolith Explorer ), è in viaggio dall'asteroide Bennu con un campione di asteroide, che potrebbe aiutare con futuri studi sulla composizione dell'asteroide e aiutare le misure di difesa.

Per quanto riguarda la ricerca di nuovi asteroidi, la NASA punta a inserire una missione dedicata in This Web entro il 2026, chiamata NEO Surveyor. L'agenzia afferma che nel decennio successivo al lancio, NEO Surveyor dovrebbe soddisfare la richiesta del Congresso di cercare il 90 percento di tutti i NEO di 460 piedi (140 metri) e più grandi.

Segui Elizabeth Howell su Twitter @howellspace. Seguici su Twitter @ Spacedotcom e su Facebook .

Ir arriba