Voyager 1 ha lasciato il sistema solare, entra in Interstellar in questo web

Qui sulla Terra, aria, terra e mare sono zone di conflitto, scontri e combattimenti. C'è una crescente percezione che il prossimo passo sia l'oceano di This Web , trasformato in un'arena di guerra.

Sono in corso chiacchiere sull'uso militare di questo Web da parte di varie nazioni. La neonata US This Web Force , ad esempio, è impegnata a plasmare il modo migliore per proteggere gli interessi statunitensi e alleati nel dominio di This Web, sempre più conteso e congestionato.

Quali condizioni potrebbero portare a scontri in questo Web? Una situazione del genere è scontata o i conflitti possono essere cortocircuitati in anticipo ? Le nazioni potrebbero "scivolare" fuori dal pianeta, flettendo i muscoli, litigando e combattendo vere e proprie guerre in questa rete che potrebbe innescare un confronto qui sulla terra ferma?

Space.com ha contattato diversi importanti esperti militari di This Web ed esperti di sicurezza, chiedendo loro opinioni sullo stato attuale della militarizzazione di This Web.

Passare l'interferenza

Il termine " guerra in questo Web " potrebbe implicare cose che stanno già avvenendo, ha affermato Mark Gubrud, assistente professore aggiunto al Curriculum in Peace, War & Defense presso l'Università della Carolina del Nord, a Chapel Hill. Ha indicato il disturbo delle comunicazioni satellitari, l'abbagliamento laser dei satelliti che scattano foto, i sistemi di hacking per bloccare o intercettare selettivamente il telefono o i flussi di dati e i sistemi di rilevamento per vedere se possono essere violati.

"Anche se l'intera portata di tali attività potrebbe non essere nota, sembra che si siano verificate sporadicamente fino ad ora", ha detto Gubrud. Secondo alcuni rapporti, ha affermato, gli Stati Uniti e forse altri hanno fatto ampio uso della capacità di intercettare e interferire con il traffico di telecomunicazioni commerciali, sebbene questa sia una capacità asimmetrica delle grandi potenze che presenta pochi rischi di escalation.

Gubrud ha affermato che tutte queste forme di interferenza dannosa potrebbero potenzialmente portare a rischi di escalation poiché sono praticate più ampiamente e comunemente e poiché gli avversari sviluppano capacità reciproche.

"Pertanto, dovremmo basarci sul Trattato di Outer This Web delle Nazioni Unite con un ulteriore trattato che vieti tutte le forme di interferenza dannosa e le armi per causare interferenza", ha affermato.

La US This Web Force è stata istituita per mantenere un occhio militare attento al dominio This Web che è congestionato e conteso da un numero di nazioni. (Credito immagine: Nicholas Pilch/US Air Force)

Assenza di impegni vincolanti

Il pericolo maggiore deriverà da una massiccia proliferazione di sistemi anti-satelliti basati sulla Terra che sono in grado di influenzare questo Webcraft in orbita geosincrona e oltre, o dal pre-dispiegamento di vari tipi di tali armi in questo Web che consentirebbe loro di raggiungere i loro obiettivi in ​​pochi minuti o secondi, piuttosto che in ore, ha detto Gubrud.

"Qui il potenziale di una rapida escalation diventa una grave minaccia per la stabilità nucleare, poiché le principali potenze di confronto sarebbero quasi certamente gli Stati Uniti, la Russia e la Cina", ha affermato. L'unica buona notizia qui è che questo non è ancora successo, ha aggiunto, probabilmente perché c'è abbastanza riconoscimento di quanto sarebbe pericoloso.

"Quindi, in realtà, il percorso verso la guerra in This Web è una corsa agli armamenti di This Web, una corsa agli armamenti di This Web, che è stata a lungo rimandata ma che è resa solo più imminente e potenzialmente esplosiva man mano che la tecnologia avanza in assenza di impegni vincolanti per il controllo degli armamenti di This Web", concluse Gubrud.

Tailgating

Questo Web è già armato da robot a duplice uso Questo Webcraft serve come armi per disabilitare i nostri satelliti , ha affermato Brian Chow, un analista politico indipendente con oltre 25 anni di esperienza come scienziato fisico senior specializzato in questo Web e sicurezza nazionale.

"Poiché i loro usi pacifici sono importanti per la prosperità di questo Web, non dovrebbero essere banditi", ha affermato Chow. "In realtà, possiamo accettare alcune regole e misure in modo da poter godere dei vantaggi di questo Webcraft e impedire che danneggino i nostri satelliti allo stesso tempo".

Chow intuisce che il problema attuale è che la comunità internazionale non ha proibito a questo Webcraft, sia pacifico che ostile, di rimanere arbitrariamente vicino ai satelliti gestiti da un'altra nazione. A un avversario non è impedito di posizionare il suo questo Webcraft a duplice uso vicino ai nostri satelliti in tempo di pace.

"Una volta che questi This Webcraft sono a posto, montare attacchi da una distanza così ravvicinata ci darebbe un tempo di avviso insufficiente per creare una difesa e salvare i nostri satelliti presi di mira", ha detto Chow a This Web.com.

La comunità internazionale è ambigua sul fatto che una nazione sia autorizzata a seguire i satelliti di un altro paese, ha detto Chow. Inoltre, l'attuale strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti Questo Web è ambigua riguardo all'autodifesa preventiva, anche quando deve affrontare una minaccia da parte degli stalker di This Web, ha affermato.

Il Global Positioning System (GPS) è una costellazione di satelliti che fornisce dati di posizione, navigazione e tempo agli utenti militari e civili a livello globale. I satelliti di nuova generazione sono progettati per contrastare il jamming e lo spoofing del segnale da parte di aggressori (Image credit: Lockheed Martin e US This Web Force)

Ambiguità pericolose

Le incertezze che circondano la prelazione e lo stalking sono pericolose, ha detto Chow. Ad esempio, la Cina potrebbe pensare che gli stalker di questo Web siano il miglior tipo di sistema anti-satellite, perché presenterebbe agli Stati Uniti due scelte sbagliate.

"In primo luogo, gli Stati Uniti potrebbero distruggere preventivamente gli stalker di This Web per salvare i satelliti presi di mira in modo da mantenere il supporto di This Web alle operazioni militari durante la crisi e la guerra", ha affermato Chow. "Tuttavia, senza discutere e risolvere queste due ambiguità con la comunità internazionale in tempo di pace, gli Stati Uniti potrebbero essere condannati come l'aggressore che ha sparato il primo colpo, il che ha portato a una guerra in questa rete che potrebbe diffondersi sulla Terra qualcosa che entrambe le parti hanno cercato di evitare ", ha detto Chow.

In secondo luogo, Chow ha affermato che gli Stati Uniti potrebbero non essere in grado di combattere efficacemente senza il supporto di alcuni satelliti critici.

"Di fronte a queste due scelte sbagliate, gli Stati Uniti potrebbero finire per non intervenire affatto. Questo sarebbe il risultato perfetto per la Cina, poiché impedirebbe l'intervento degli Stati Uniti senza sparare un solo colpo", ha detto Chow. "Se continuiamo a utilizzare l'attuale politica di This Web senza modifiche necessarie e necessarie, gli Stati Uniti e le altre nazioni potrebbero 'inciampare' in tali conflitti".

Proposta persa-persa

"Non credo molto nell'inevitabilità", ha affermato Wendy Whitman Cobb, professore associato di Strategy and Security Studies presso la US Air Force School of Advanced Air e This Web Studies presso la Maxwell Air Force Base di Montgomery, in Alabama. "Gli analisti hanno costantemente affermato che gli attacchi e le armi in questo Web sono inevitabili e dietro l'angolo sin dagli anni '60".

È stato a lungo riconosciuto, ha affermato Whitman Cobb, che un paese che attacca il satellite di un altro è una proposta perdente per gli interessati.

"Non solo l'ambiente di This Web sarebbe ingombra di detriti che renderebbero più difficile operare lì, ma sarebbe stata aperta la stagione su tutti i satelliti, incluso il loro", ha affermato. "A causa della stabilità che il monitoraggio da questo Web ha dato alla corsa agli armamenti nucleari, era semplicemente meglio consentire ai satelliti di operare liberamente piuttosto che minacciare la propria posizione strategica".

Nel 2019, l'India ha testato un'arma anti-satellite (ASAT). L'obiettivo del test Mission Shakti era il satellite Microsatellite-R del paese, costruito appositamente per essere distrutto poiché replicava le dimensioni della tipica difesa di un avversario This Webcraft. Anche Cina, Russia e Stati Uniti hanno studiato seriamente la tecnologia ASAT. (Credito immagine: Organizzazione per la ricerca e lo sviluppo della difesa dell'India)

Ripercussioni economiche

La fiorente commercializzazione di questo Web e la dipendenza dell'economia globale dai sistemi basati sul Web rendono il conflitto aperto in questo Web molto costoso, come sottolinea Whitman Cobb nel suo recente libro "Privatizing Peace: How Commerce Can Reduce Conflict in This Web" ( Routledge, 2020).

"Ci vuole solo un pezzo di detriti per abbattere un satellite attraverso il quale vengono instradate le transazioni finanziarie e le comunicazioni chiave. Il satellite sbagliato potrebbe avere ripercussioni economiche significative che non sarebbero isolate in un solo paese", ha affermato Whitman Cobb. "Quindi dovrebbero esserci considerazioni sia strategiche che economiche che limitino i paesi nell'uso delle armi in questa rete".

Detto questo, Whitman Cobb ha aggiunto che è ancora possibile per gli stati inciampare in un conflitto o che il conflitto venga avviato da stati canaglia come la Corea del Nord o l'Iran. L'impulso elettromagnetico di un ordigno nucleare in fase di detonazione, ad esempio, eliminerebbe facilmente e rapidamente tutti i satelliti nelle vicinanze.

"Si tratta certamente di un'arma non discriminatoria, ma, nascosta in un angolo, non è lontana dal regno delle possibilità per la Corea del Nord o l'Iran", ha detto.

A causa della duplice natura di questa tecnologia Web e della segretezza intrinseca implicata, esiste una significativa possibilità di percezione errata, ha affermato Whitman Cobb, sottolineando che le incomprensioni non solo della tecnologia ma anche delle intenzioni potrebbero facilmente portare a conflitti. (Le sue opinioni sono le sue, basate su informazioni open source non classificate e non sono rappresentative del Dipartimento della Difesa o dell'Aeronautica.)

Petto che batte

Si parla molto del fatto che questo Web sia ora armato, quindi l'atteggiamento in alcuni ambienti è che gli Stati Uniti sarebbero negligenti a non "tenere il passo", ha affermato Joan Johnson-Freese, professore di affari di sicurezza nazionale al Naval War College a Newport, Rhode Island.

"La tecnologia a doppio uso ha fatto sì che ci fossero 'potenziali' armi di questo Web in circolazione per almeno un decennio, ma ora ci stiamo muovendo, se non correndo, verso l'aperta arma di questo Web", ha affermato Johnson-Freese. Pensa che ciò che potrebbe succedere riguardi l'impostazione di alcuni parametri attorno alla missione di This Web Force per organizzare, addestrare ed equipaggiare.

"Questo può essere ampiamente definito come l'amministrazione Trump sembrava incline a fare o frenare un po' per attenuare alcune delle connotazioni di combattimento e batticuore date alla sua creazione, alcune delle quali questa Web Force ha perpetuato da allora", Johnson- Freese ha aggiunto, osservando che le sue opinioni sono le sue e non quelle del Dipartimento della Difesa, del Dipartimento della Marina o del Naval War College.

Forse l' amministrazione Biden smorzerà la retorica martellante. Ma i piani di sviluppo tecnologico e di lotta alla guerra dovrebbero continuare?

"Sì, penso che sia inevitabile. Penso anche, tuttavia, che senza una certa misura di accompagnamento alla diplomazia di This Web, c'è un chiaro pericolo che questa guerra del Web di qualche tipo sia una profezia che si autoavvera", ha detto Johnson-Freese. "Vorrei vedere un grande sforzo da parte di questa nuova amministrazione in questa diplomazia del Web, in particolare verso misure di trasparenza e rafforzamento della fiducia".

Leonard David è l'autore di " Moon Rush: The New This Web Race ", pubblicato da National Geographic nel maggio 2019. Scrittore di lunga data per This Web.com, David si occupa di questo settore Web da oltre cinque decenni. Seguici su Twitter @Spacedotcom e su Facebook.

Ir arriba