“Wil Wheaton di Star Trek narra il nuovo audiolibro” Martian “di Andy Weir

Attenzione: spoiler in vista per "The Orville" stagione 3, episodio 3

Hai letto correttamente quel titolo: stiamo dando a questo episodio di "The Orville", intitolato "Mortality Paradox", un 10 perfetto. E mentre quest'ultima puntata potrebbe non piacere a coloro che hanno paura del volo o del paddleboarding in piedi, del resto è comunque una corsa adrenalinica sbalorditiva, a tutto gas, elettrizzante, avvincente, avvincente che ti terrà incollato agli schermi TV per ogni singolo secondo dei suoi 60 minuti.

Ciò che distingue questo episodio da qualsiasi altro è il perfetto equilibrio di ogni variabile umorismo, dramma, azione, suspense. Inoltre, le scenografie sono splendidamente incorniciate e fotografate e la scenografia è perfetta. E la regia di Jon Cassar, la sceneggiatura di Cherry Chevapravatdumrong e il montaggio di Tom Costantino e Bart Rachmil, tutti collaboratori di lunga data di "The Orville", ti fanno indovinare, letteralmente, fino in fondo.

  • Vuoi vedere The Orville su Hulu? Provalo gratuitamente per un mese (si apre in una nuova scheda).
  • Abbonati a Hulu per $ 6,99/mese o $ 12,99/mese senza pubblicità (si apre in una nuova scheda)

C'è indubbiamente un'influenza da due episodi di "Star Trek: The Next Generation", "Where Silence Has Lease" (S02, E02) e "Alegiance" (S03, E18), poiché, in generale, entrambi ruotavano attorno a una specie aliena che cercava di impara di più sui loro prigionieri presentando loro delle sfide da superare. Tuttavia, questa storia non solo è considerevolmente più eccitante, non ultimo grazie ad alcuni effetti visivi fenomenali del team, ma mostra anche i più piccoli e sottili cenni ad altre opere epiche, di cui parleremo a breve. E questa è esattamente la nicchia unica che "The Orville" si è ritagliata, il che non dovrebbe sorprendere, dato che la mente dietro, Seth MacFarlane, fa esattamente questo nei suoi altri famosi spettacoli, "Family Guy" e, in misura leggermente minore, "American Dad".

Potrebbe essere necessario rinforzare la schermatura attorno alla porcellana dopo aver mangiato del cioccolato Xelayan super denso (Image credit: Hulu)

L'episodio inizia con il tenente Talla Keyali (Jessica Szohr) che torna a Orville da una visita al suo mondo natale di Xelaya. Insieme a del cioccolato super denso e dall'aspetto delizioso (pesante gravità, dessert pesanti), porta anche la notizia di una firma quantica residua di Kaylon da parte del sistema Avior. E come impareremo, molto più avanti, tutto questo fa parte di uno stratagemma estremamente elaborato.

Isaac (Mark Jackson) rileva le emissioni elettromagnetiche a banda stretta dalla superficie di Narran I, il che è particolarmente strano, dal momento che dovrebbe essere una terra desolata. Tuttavia, "segnali così intensi e modulati possono essere prodotti solo dalla produzione di energia collettiva di una consistente popolazione di forme di vita", quindi l'equipaggio va a indagare.

A questo punto iniziano ad accadere cose molto strane. Le vaste città rilevate dall'orbita sono scomparse e rimane solo un'enorme striscia di vegetazione. Dopo aver fatto atterrare una di quelle nuove splendide navette, la squadra in trasferta composta dal capitano Ed Mercer (Seth MacFarlane), il comandante. Kelly Grayson (Adrianne Palicki), Tenente Gordon Malloy (Scott Grimes), Tenente Comandante. Bortus (Peter Macon) e Keyali si imbattono in un vecchio edificio di una scuola superiore in stile nordamericano intorno al 20° secolo.

Adoriamo le immagini metaforiche super-sottili ispirate a Hitchcock, simili a una turbina di aeroplano, utilizzate qui. Bravo! (Credito immagine: Hulu)

Questa settimana, la colonna sonora di accompagnamento di Joel McNeely prende ispirazione dalla colonna sonora di "I predatori dell'arca perduta", in particolare "Into The Jungle" di John Williams. Questo può essere ascoltato anche nel finale della seconda stagione "The Road Not Taken" (S02, E14). Inoltre, si potrebbe sostenere che c'è il più breve cenno alla "Vertigine" di Hitchcock mentre rotoliamo sopra la scala a doppia elica a bordo dell'Orville. Ed è praticamente un dato di fatto che il thriller fantascientifico di Kathryn Bigelow del 1995 "Strange Days" sia stato almeno menzionato quando questo episodio è stato sceneggiato dai produttori dello show.

L'inquadratura della scala ricorda anche una turbina a reazione rotante che rallenta, prefigurando eventi che devono ancora venire e questo è esattamente il tipo di analisi eccessiva necessaria per una risposta a un saggio, se "The Orville" dovesse mai entrare nel curriculum nazionale.

Dopo che una breve ricognizione dell'interno della scuola non rivela nulla, il povero Malloy viene picchiato in un bagno e gli viene detto che deve pagare a qualcuno di nome Randall i soldi dovuti. Naturalmente, questo non ha senso per nessuno. E, quando finalmente ci viene presentato Randall sul campo da gioco della scuola, si scopre che non è il tipico bullo della scuola ma è invece un terrificante carnivoro rettiliano bipede alto 40 piedi, sbavante, quasi come un Rancor (si apre con una nuova scheda) in apparenza. Certo. Randall il Rancore. Chiunque abbia inventato quella gemma nella stanza dello scrittore stava senza dubbio ridacchiando fino al commissario.

"Ehi, Randall! Ti sei perso l'allenamento di calcio questa settimana, sei ancora bravo a giocare a tight end sabato?" (Credito immagine: Hulu)

Questo è il primo colpo di scena surreale di molti, e mentre stavamo ancora pensando che questo potesse essere un episodio con una trama bizzarra ma alla fine non avventurosa, otteniamo l'equivalente metaforico di uno schiaffo in faccia con una spigola di grandi dimensioni. Improvvisamente, senza preavviso, i nostri impavidi cinque si ritrovano a bordo di un aereo di linea a fusoliera stretta che attraversa una turbolenza estremamente pesante. Questo è incredibilmente ben girato, proprio nello spirito di un film "Final Destination", e, anche se non hai una paura perfettamente normale di volare, quasi sicuramente ti lascerà almeno leggermente terrorizzato.

Ora uno schema sta cominciando a emergere. Proprio nel punto dell'impatto e della morte quasi certa, i membri perplessi di questa squadra di sbarco si ritrovano ancora una volta in un posto completamente diverso; questa volta è un obitorio moclano. Prima Malloy si è ritrovato ad avere un'esperienza di pre-morte, poi Mercer e ora è Bortus, poiché è quasi strangolato a morte da un Moclan presumibilmente morto da tempo. A questo punto, le cose iniziano davvero a diventare strane, perché, sai, prima non lo erano.

Nel frattempo, una missione di salvataggio è stata lanciata su un'altra navetta con Isaac, la dottoressa Claire Finn (Penny Johnson Jerald) e due magliette rosse della sicurezza, che rimangono completamente illese per il resto di questo episodio. Tuttavia, per loro il pianeta Narran I è esattamente come dovrebbe essere una landa desolata e arida. Individuano l'altra navetta, ma non c'è traccia degli altri membri dell'equipaggio e francamente non c'è molto che possano fare.

Portare una vecchia zattera traballante nel mezzo di un enorme lago su un pianeta alieno è in cerca di guai. (Credito immagine: Hulu)

Dopo essersi fatti strada lungo una scala apparentemente infinita, alla fine si presenta un'altra porta e la nostra banda di esploratori assediata emerge da una riva di un lago di notte (anche se sembra sospettosamente che sia stata filmata durante il giorno e successivamente corretta per il colore, ma è un alieno pianeta, quindi, sai, va bene). La squadra crede di aver individuato qualcuno, o qualcosa, sulle colline dall'altra parte del lago, quindi Grayson, Keyali e Malloy tentano di attraversare su una rozza zattera.

Sai cosa sta per succedere, ovviamente, ma questo non rende più facile la sua sopportazione. Presto scorgono un mollusco multi-tentacolo delle dimensioni del Monumento a Washington che farebbe vergognare il calamaro domestico del capitano Nemo. Prima ancora che tu possa pensare "Quanto aglio mi occorre per quello? " la creatura ha afferrato la povera Kelly Grayson e l'ha trascinata nelle profondità del lago. Keyali riesce a raggiungerla in tempo, ma non prima che Grayson creda che sta per annegare. Tuttavia, non muore e viene invece salvata, e il tentativo di attraversare il lago viene saggiamente abbandonato.

A questo punto, Mercer perde la pazienza. E chi non lo farebbe? Lui e la squadra si rifiutano di entrare in un'altra porta che appare loro e scelgono invece di marciarci intorno. In poco tempo, viene rilevata una firma di alimentazione e viene rilevata una sorta di proiettore olografico costruito con la tecnologia Kaylon. (Ricorda quello stratagemma di prima sulla firma quantistica residua di Kaylon.) Lo distruggono e raccolgono i detriti per l'analisi. Il terreno del pianeta sembra essere tornato a qualcosa di simile a quello che dovrebbe, e la nostra valorosa banda trasferisce la loro navetta perduta e torna all'Orville.

La forma di vita nota come Dinal spiega che la spinta ad avanzare inizia ad atrofizzarsi quando sei immortale. (Credito immagine: Hulu)

Ma i colpi di scena completamente avvincenti non sono ancora finiti. Tutto sembra essere normale; anche Isaac e il dottor Finn sono tornati a bordo. Ma quando altre navi stellari dell'Unione Planetaria arrivano per impossessarsi dell'emettitore di ologrammi Kaylon, Isaac riconosce la minaccia e suggerisce che queste navi sono in realtà navi da guerra Kaylon, esse stesse camuffate da ologrammi per sembrare navi dell'Unione Planetaria. Diviso tra la decisione se sparare a una nave apparentemente amica o rimanere indifeso, la mente di Mercer è decisa quando le navi Kaylon "smascherano", per così dire, e aprono il fuoco sull'Orville. In inferiorità numerica e senza armi, non passa molto tempo prima che una breccia nel nocciolo del reattore minacci la nave quando, all'improvviso, tutto si blocca.

Ogni membro dell'equipaggio, con le notevoli eccezioni di Mercer, Grayson Malloy, Bordus e Keyali, è congelato nella sua ultima posizione, che nella maggior parte dei casi ha un'orribile sensazione che sto per morire. Keyali sta e si trasforma in Autodonna una figura angelica e illuminata simile a un "Tron". Fa un clic delle dita come una Q e all'improvviso tutti sono tornati su Narran 1, vicino alla navetta che si erano lasciati alle spalle. Questa strana entità si chiama Dinal (Elizabeth Gillies) e, con un'altra sorpresa che nessuno avrebbe potuto prevedere, si scopre che proviene da un pianeta che l'equipaggio di Orville ha incontrato nel finale della prima stagione e da un episodio intitolato "Mad Idolatry". andato in onda nel 2017. Segue una premessa simile al sottovalutato episodio di "Star Trek: Voyager" "Blink of An Eye" (S06, E12), in cui la USS Voyager rimane intrappolata in orbita attorno a un pianeta dove il tempo scorre rapidamente , giorni in pochi secondi, ed entra nel mito dei suoi indigeni.

In "Mad Idolatry", Isaac rileva un'anomalia di This Web e, dopo un'ulteriore esplorazione scientifica, scopre che si tratta di un pianeta in un'orbita che passa tra due universi paralleli. La squadra in trasferta è composta da Isaac, Gordon Malloy e Kelly Grayson, e presto osservano che si tratta di una cultura approssimativamente simile a quella della Terra durante l'età del bronzo. Sfortunatamente, guarendo la piccola ferita alla testa di un bambino caduto con una tecnologia avanzata, Grayson ora appare magico alla gente del posto.

L'episodio della prima stagione "Mad Idolatry" (S01, E12) in cui Kelly Grayson diventa inavvertitamente una divinità (Image credit: Hulu)

L'equipaggio lascia il pianeta, ma quando ritorna ancora una volta alla "normale rete" dopo un'orbita di 11 giorni nell'"altro universo", sono trascorsi oltre 700 anni. È avanzato in una cultura dell'inquisizione la cui divinità è la prima guaritrice Kelly Grayson. Nel tentativo di porre rimedio alla situazione, Mercer permette a Isaac di rimanere volontariamente sul pianeta nel suo prossimo ciclo di 700 anni nell'altro universo, poiché il suo corpo artificiale Kaylon può resistere per milioni di anni.

Passano altri 11 giorni per l'equipaggio dell'Orville, poi il pianeta riappare, i suoi abitanti avanzano leggermente oltre gli standard del 25° secolo. Isaac e due dei rappresentanti del pianeta si teletrasportano sul ponte e riferiscono di non adorare più Kelly come una divinità, riconoscendola come una donna che ha svolto un ruolo necessario nello sviluppo del loro pianeta.

Ma questi eventi si sono verificati circa due anni fa e, in quel periodo, il pianeta (di cui stranamente non conosciamo ancora il nome) e la sua popolazione si sono evoluti 50.000 anni. In quanto tali, sono immortali. E tutto questo è stato un esercizio di osservazione per creare un momento in cui ciascuno dell'equipaggio dell'Orville credeva sinceramente che sarebbero morti tutti tranne Keyali, perché non era davvero lei. Mentre Dinal è tutto sorridente per l'intera faccenda, rassicurando tutti sul fatto che nessuno era in pericolo reale, Mercer è giustamente sconvolto. E chissà per quanto tempo quei ragazzi soffriranno almeno un po' di disturbo da stress post-traumatico in futuro. Segue un'interessante discussione esistenziale, ma non cambia il fatto che Malloy, quasi certamente, prenderà regolarmente appuntamenti da consulente per un po'.

L'episodio di questa settimana è stato eccezionale, "The Orville" sta davvero sfruttando i suoi punti di forza, e quando lo fa, eccelle . L'episodio è una lettera d'amore a tutta la fantascienza e persino alla cultura pop contemporanea, e quando tutto questo è meravigliosamente intrecciato con una storia molto ben scritta, solo una spruzzata dell'umorismo tipico di MacFarlane e una fotografia sbalorditiva e molto intelligente, hai un vero vincitore.

Voto: 10/10

La prima e la seconda stagione di "The Orville" sono disponibili per la visione su Hulu (si apre in una nuova scheda) e Disney Plus (si apre in una nuova scheda) nella maggior parte dei paesi e i pacchetti negli Stati Uniti partono da $ 6,99 al mese. Nuovi episodi della stagione 3 usciranno ogni giovedì. Gli spettatori in Belgio, Canada, Danimarca, Hong Kong, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Singapore, Spagna, Svezia, Taiwan e Regno Unito possono guardare su Disney Plus (si apre in una nuova scheda) con l'accessibilità in arrivo per Giappone e Corea del Sud. Gli spettatori in latinoamericano possono guardare su Star Plus.

Segui Scott Snowden su Twitter (si apre in una nuova scheda) . Seguici su Twitter @Spacedotcom (si apre in una nuova scheda) e su Facebook (si apre in una nuova scheda) .

Ir arriba